Campagna pubblicitaria del governo scozzese Revenge Porn

Convinzione 1st Revenge Porn

adminaccount888 Ultime notizie, La Legge

Un uomo di 59 anni che ha minacciato di caricare un video intimo di un ex partner su Internet è stato condannato dopo la prima condanna ai sensi della nuova legislazione scozzese sulle "immagini intime".

Kenneth Robinson, di Northumberland, si è dichiarato colpevole di aver inviato numerose e-mail al suo ex partner e di aver ripetutamente minacciato di caricare un video su Internet. Il procuratore fiscale ha chiesto e ottenuto un ordine di tre anni che gli proibisce di avvicinarsi o contattare la sua vittima.

Gli fu anche ordinato di pagare alla sua vittima 200 sterline a titolo di risarcimento.

In precedenza si era dichiarato colpevole di Corte dello sceriffo di Jedburgh il 7 agosto.

Questa è la prima condanna ai sensi della sezione 2 (1) del Atto 2016 sul comportamento abusivo e sul danno sessuale (Scozia) dall'entrata in vigore di questa sezione il 3 luglio 2017.

Comportamento abusivo e danno sessuale (Scozia) Bill è stato superato dal Parlamento scozzese il 22 marzo 2016 e ha ricevuto il Royal Assent il 28 aprile 2016.

Anne Marie Hicks, procuratore nazionale fiscale per gli abusi domestici ha dichiarato: "Questa convinzione ai sensi della nuova legislazione invia un messaggio chiaro che un comportamento come questo è inaccettabile e che coloro che rivelano o minacciano di rivelare immagini intime saranno trattati seriamente dal sistema di giustizia penale".

La convinzione arriva quando è stato rivelato questa settimana che la "sextortion" è in aumento.

Oltre ai casi del tipo sopra, la pratica vede anche bande che inducono le persone a condividere immagini sessualmente esplicite prima di minacciare di condividerle online a meno che non paghino.

National Crime Agency (NCA) ha affermato che il numero reale di casi potrebbe essere molto più alto e ha attribuito l'aumento delle cifre a una migliore segnalazione.

David Jones, capo della divisione anti-rapimento ed estorsione della NCA unità, ha dichiarato: “Questo è un progetto che mi sta molto a cuore dopo la triste morte di quattro giovani uomini a causa della sextortion segnalata negli ultimi tempi. Sospetto fortemente che possano esserci altri suicidi collegati ad esso, ma non ho prove per questo. È solo una mia speculazione.

"Stiamo mantenendo la questione sul radar del pubblico, prima di tutto ... assicurandoci che tutti i pacchetti di intelligence siano raccolti e riuniti per sfruttare appieno tutte le opportunità di mettere le persone davanti ai sistemi giudiziari".

(Storia tratta dal servizio online Scottish Legal News 5 settembre 2017)

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo