problema porno Solo per adulti

Solo per adulti: la battaglia per mantenere la pornografia online dai bambini della Gran Bretagna

adminaccount888 Ultime notizie

L'Osservatore ha pubblicato una versione più lunga di questo articolo su Adults Only di Jamie Doward il 24 marzo 2019. Contiene commenti del dottor Gail Dines e John Carr sul pensiero alla base del nuovo schema di verifica dell'età nel Regno Unito. Lo schema dovrebbe essere lanciato dal British Board of Film Classification nell'aprile 2019, anche se la Brexit potrebbe ritardarlo.

Se vuoi saperne di più, The Reward Foundation ha altri blog su Verifica dell'età e il lavoro di Gail Dines.

"Una nuova legge che obbliga gli utenti di pornografia a dimostrare di essere adulti doveva essere presentato all'inizio del prossimo mese. Ma le fonti hanno detto al Osservatore che potrebbe non essere svelato fino a quando l'impasse della Brexit non sarà risolta dal momento che il governo, alla disperata ricerca di altre cose di cui parlare, ritiene che sarà una buona notizia che giocherà bene con il pubblico quando alla fine verrà svelato.

Supporto per la verifica dell'età

Questa opinione sembra ben fondata. Una grande coorte di esperti, genitori e, in effetti, i giovani sono preoccupati per l'onnipresenza online della pornografia hardcore. Più di otto su 10 genitori (83%) di verifica dell'età posteriore, secondo un sondaggio per Internet Matters, un'organizzazione no-profit finanziata da Google, Facebook, BBC e Sky.

Che i giovani abbiano sempre cercato la pornografia non è in dubbio. In effetti, un argomento contro la nuova legge è che impedisce ai giovani di fare qualcosa che hanno sempre fatto.

Ma questa opinione è miope, secondo gli esperti. "C'è sempre stato del porno in giro, ma non abbiamo mai avuto un'industria del porno prima", ha detto John Carr, segretario del Coalizione di beneficenza per bambini sulla sicurezza di Internet. "Nella ricerca di novità e di materiale nuovo e sconvolgente, l'industria sta producendo cose che 15 erano inimmaginabili anni fa nel mercato di massa".

Ed è questa "roba", sesso esplicito hardcore, che allarma alcune persone che lavorano con bambini piccoli. "Quando guardi agli 30 anni di ricerca empirica, chiunque sostenga che il porno non abbia un impatto profondo sullo sviluppo sociale, emotivo e cognitivo dei bambini è simile a un negazionista del cambiamento climatico", ha affermato il dott. Gail Dines, sociologo ed esperto sull'industria del porno che è presidente di Culturereframed.org, un'organizzazione che aiuta i giovani a confrontarsi con un media ipersessualizzato.

Porno e giovani

La valutazione d'impatto della nuova legge da parte del governo, suggerisce una ricerca longitudinale, ha dimostrato che, tra i giovani, "l'esposizione intenzionale a materiale X-rated violento nel tempo ha previsto un aumento quasi pari a sei volte delle probabilità di comportamento sessualmente aggressivo auto-segnalato".

Per le ragazze, l'esposizione alla pornografia porta un'altra serie di problemi. "C'è un gruppo più piccolo di ragazze che sono state vittime di abusi sessuali, e mi dicono che hanno bisogno di vedere un'altra ragazza vittima di un abuso per raggiungere l'orgasmo", ha detto Dines. "Il gruppo più numeroso viene curato dall'industria del porno per essere pronto per i ragazzi che sono stati curati dall'industria a voler fare sesso anale grezzo, a volersi mettere il loro pene in gola fino a quando non gag, per impegnarsi in sesso a tre. Ha insegnato che è autorizzata se le piace il suo uomo. "

 Alcuni siti offrono in un primo momento l'accesso gratuito per attirare gli utenti nella speranza di trasferirli successivamente in costosi servizi premium. Fotografia: Getty

Gli studi suggeriscono che l'età degli utenti sta scendendo. "L'età media di un bambino che guarda porno è 11. Alcuni studi lo mettono alle nove ", ha detto Dines che stava parlando con il Osservatore da una conferenza negli Stati Uniti che stava esaminando il ruolo della pornografia nell'abuso sessuale infantile.

"L'età media della vittima, la ragazza, è di quattro a otto, e l'età media dello stupratore è 10 a 12. Stanno recitando il porno sulle ragazze ".

Il Regno Unito apre la strada

Non c'è da stupirsi, quindi, che il mondo stia guardando ciò che il Regno Unito fa molto da vicino. "Nessuna democrazia liberale ci ha mai provato prima", ha detto Carr. "È un esperimento, ma internet è pensato per essere la casa dell'innovazione. Questa è innovazione. "

Diversi paesi europei, tra cui Svezia e Polonia, sono noti per essere entusiasti di un approccio simile, se il Regno Unito può dimostrare di farlo funzionare. La Free Speech Coalition, un'associazione commerciale con sede negli Stati Uniti per l'industria della pornografia, ha riconosciuto che " Gli sforzi della Gran Bretagna [sono] un modello per quelli a venire ".

Apparentemente, uno spostamento globale verso la verifica dell'età dovrebbe avere un impatto limitato sull'industria della pornografia: i giovani non spendono soldi per il porno. Ma questa opinione è errata, secondo Dines. "Stai cablando il cervello nella prima adolescenza. Il porno gratis è l'equivalente di me che godo fuori dalle scuole, distribuendo pacchetti gratuiti di Marlboro e bottiglie di birra. "

Una volta che sono stati agganciati, i siti pornografici cercheranno di migrare gli utenti verso costosi servizi premium, come le webcam live.

Poteri BBFC

Temendo la minaccia alla loro attività, i principali siti pornografici si sono opposti alla legge quando è stato lanciato da David Cameron, allora primo ministro, in 2015. Ma, percependo in quale modo l'opinione pubblica stava soffiando, ora hanno giurato di rispettare. Ciò può essere in parte dovuto al fatto che aziende come Visa e Mastercard si sono impegnate a ritirare le prestazioni di pagamento da chiunque non aderisca al programma, che sarà supervisionato dal British Board of Film Classification.

Il consiglio ha il potere di sanzionare e imporre una serie di sanzioni sui siti che non rispettano. Ma alcuni non sono convinti che questo sarà molto dissuasivo.

"Stai parlando di forse decine di migliaia di siti web che non si conformeranno a questo", ha detto Jim Killock, direttore esecutivo del Open Rights Group, che protegge i diritti digitali delle persone nel Regno Unito, inclusa la privacy e la libertà di parola online. "Molti sono troppo piccoli, con sede negli Stati Uniti, con scarso interesse nel mercato britannico. Cercare di fare la polizia non succederà davvero. "

Dimostrazione di età?

Per dimostrare che sono adulti, gli utenti di pornografia dovranno caricare i dati del passaporto o della carta di credito in società di verifica dell'età di terzi o acquistare una carta speciale da un giornalaio che fornisce loro un gettone digitale. Alcuni avvertono che questo potrebbe crearne un altro Situazione di Ashley Madison - il sito di adulterio online soggetto a una massiccia violazione dei dati.

Christine Jardine, deputata liberaldemocratica, ha avvertito che "l'informazione potrebbe essere aperta all'hacking e, come qualsiasi altro volume, potrebbe essere venduta".

Ma Carr ha detto che tutte le informazioni dovrebbero essere crittografate, rendendo difficile per gli hacker sfruttare i dati. E nessuno di questi potrebbe essere condiviso con i siti di pornografia.

Tuttavia, alcuni si preoccupano ancora dei siti che ottengono l'accesso ai dati.

MindGeek, la compagnia con sede a Montreal che possiede Pornhub, che è descritta come l'industria amazzonica della pornografia, ha la sua compagnia di verifica dell'età.

 Gli utenti di pornografia online, riluttanti a fornire i loro dettagli, possono cercare modi tecnologici intorno alla nuova legge. Fotografia: Chris Hondros / Getty

"Una volta che hai un requisito di verifica dell'età, stai legando fortemente tali informazioni a un individuo attraverso molti siti web, non solo uno", ha detto Killock. "Dipende da come viene implementata la tecnologia, a discrezione delle persone che progettano i sistemi. Sì, le grandi aziende stanno dicendo che saranno responsabili, ma non tutte le società saranno ".

Problemi di privacy

Riluttanti a fornire i loro dettagli a causa di timori sulla privacy, alcuni utenti potrebbero cercare soluzioni tecnologiche. Un approccio sarebbe quello di accedere alle reti peer-to-peer che indirizzano gli utenti a dove possono scaricare contenuti pornografici senza rivelare la loro età, tramite l'uso di "file torrent". Ma questi file, che fungono da indice, aiutano gli utenti a orientarsi su Internet e possono essere monitorati.

In alternativa, alcuni potrebbero utilizzare reti private virtuali che consentono al computer di fingere che si trovi fuori dal Regno Unito. Ma, di nuovo, alcuni esperti ritengono che le VPN non rispettabili possano minacciare di sfruttare l'utente a meno che non paghino una commissione per l'anonimato. Pornhub, che ha rifiutato di commentare, ha stabilito la propria VPN l'anno scorso.

Per molti giovani, però, la nuova legge non cambierà il modo in cui consumano il porno.

"Molti bambini non stanno facendo porno attraverso Pornhub", ha detto Dines. "Lo stanno facendo attraverso Instagram e Snapchat." Sulle piattaforme di social media, il materiale vietato viene spesso nascosto dietro hashtag ed emoji che fungono da codici segreti per contrassegnare le ricerche.

In definitiva, si troveranno modi per aggirare la nuova legge, ma Dines ha predetto che limiterà "in maniera massiccia" la quantità di materiale pornografico che i bambini possono vedere.

Ancora più importante, denormalizzerà le attività dell'ultima industria non regolamentata del mondo. Come dice Dines: "Questo sposta il discorso sociale".

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo