Cervelli che maturano Gogtay et al 2004

Cervello adolescente

Il periodo dell'adolescenza inizia tra i 10 ei 12 anni con l'inizio della pubertà e prosegue fino a circa 25 anni. È utile capire che il cervello dell'adolescente è fisiologicamente, anatomicamente e strutturalmente diverso da quello di un bambino o di un adulto. Il programma per l'accoppiamento esplode nella nostra coscienza con l'arrivo degli ormoni sessuali durante la pubertà. È allora che l'attenzione del bambino si sposta dalle bambole e dalle auto da corsa alla priorità numero uno della natura, la riproduzione. Inizia così l'intensa curiosità dell'adolescente sul sesso e su come ottenerne una certa esperienza.

Il seguente TED talk (14 mins) della neuroscienziata cognitiva Professor Sarah Jayne Blakemore ha chiamato  i misteriosi meccanismi del cervello adolescente, spiega lo sviluppo di un cervello adolescente sano. Non parla però di sesso, uso della pornografia né dei suoi effetti. La buona notizia è che questo top presentazione (50 min) fa. È di un professore di neuroscienza al National Institute of Drugs negli Stati Uniti e spiega come stimoli tossici come alcol o droghe e processi come il gioco, la pornografia e il gioco d'azzardo possano far deragliare il cervello dell'adolescente.

Questo utile Podcast (56 minuti) di Gary Wilson tratta specificamente di come la pornografia su Internet condiziona il cervello dell'adolescente. Spiega anche la differenza tra la masturbazione e l'uso della pornografia.

L'adolescenza è un periodo di apprendimento accelerato. È quando iniziamo rapidamente a cercare nuove esperienze e abilità di cui abbiamo bisogno per l'età adulta in preparazione a lasciare il nido. Ogni cervello è unico, creato e modellato dalla propria esperienza e apprendimento.

Questo apprendimento accelerato avviene quando il cervello integra il sistema di ricompensa collegando le regioni limbiche che ospitano le nostre memorie e le nostre emozioni più fortemente alla corteccia prefrontale, l'area responsabile dell'autocontrollo, del pensiero critico, del ragionamento e della pianificazione a lungo termine. Inoltre, accelera le connessioni tra queste diverse parti rivestendo i percorsi neurali più utilizzati con materia bianca grassa chiamata mielina.

Durante questo periodo di integrazione e riorganizzazione, il cervello dell'adolescente elimina anche i neuroni inutilizzati e le potenziali connessioni lasciando percorsi forti forgiati da esperienze e abitudini ripetute. Quindi, sia che i tuoi adolescenti trascorrano la maggior parte del loro tempo da soli su Internet, o mescolandosi con altri giovani, studiando, imparando musica o praticando sport, i percorsi più utilizzati saranno come autostrade veloci e super quando diventeranno adulti.

Nella prima adolescenza, il desiderio di emozioni è al culmine. I cervelli adolescenti producono più dopamina e sono più sensibili, guidandoli a testare nuovi premi e ad assumersi dei rischi. Inoltre, la dopamina aiuta a consolidare e rafforzare questi nuovi percorsi.

Ad esempio, hanno più tolleranza per i film horror, scioccanti, pieni di azione e che la maggior parte degli adulti corre per nascondersi. Non ne hanno mai abbastanza. L'assunzione di rischi è una parte naturale del loro sviluppo, così come lo sono i limiti di test, l'autorità sfidante, l'affermazione della loro identità. Ecco cos'è l'adolescenza. Sanno che bere, drogarsi, fare sesso non protetto e combattere sono potenzialmente pericolosi, ma la ricompensa del brivido "adesso" è più forte che preoccuparsi delle conseguenze successive.

La sfida qui per chiunque abbia a che fare con gli adolescenti oggi è che il cervello dell'adolescente è più vulnerabile ai disturbi di salute mentale, inclusa la dipendenza, in particolare le dipendenze da Internet. Avere una dipendenza può guidare la ricerca di altre attività e sostanze che mantengono la dopamina alle stelle. Le dipendenze incrociate sono quindi molto comuni: nicotina, alcol, droghe, caffeina, pornografia su Internet, giochi e gioco d'azzardo, ad esempio, stressano il sistema e producono conseguenze negative a lungo termine per la salute mentale e fisica. Sebbene le dipendenze possano richiedere tempo per svilupparsi, i condizionamenti sessuali che portano a disfunzioni sessuali, ansia sociale e depressione sono molto comuni tra gli adolescenti. L'uso problematico della pornografia insieme ad alcol, droghe e giochi, ad esempio, può portare a molte sfide che influenzano la salute mentale, le relazioni e persino la criminalità.

Vivere per ora - Sconto per ritardi

Perché? Perché i lobi frontali che agiscono come "freni" sui comportamenti a rischio non si sono ancora sviluppati e il futuro è lontano. Questo è noto come sconto per ritardo, preferendo la gratificazione immediata a una ricompensa in futuro, anche se l'ultima è migliore. Importanti ricerche recenti hanno dimostrato che l'uso stesso della pornografia su Internet produce tassi più elevati di ritardi di sconto. Questo deve essere una vera preoccupazione per genitori e insegnanti. Ecco un utile articolo sull'argomento che discute la nuova ricerca. L'articolo completo è disponibile qui. In breve, gli utenti di pornografia che hanno rinunciato all'uso del porno anche solo per 3 settimane hanno scoperto di essere in grado di ritardare la gratificazione meglio di quei soggetti che non l'avevano fatto. Essere in grado di ritardare la gratificazione è un'abilità chiave della vita indebolita dall'uso del porno e può spiegare i risultati degli esami più poveri, la minore produttività e la letargia generale sperimentata da molti utenti di pornografia. La buona notizia è che questo sembra invertirsi nel tempo quando gli utenti abbandonano il porno. Vedi qui per esempi di auto segnalate storie di recupero.

Quando diventiamo adulti, sebbene il cervello continui a imparare, non lo fa a un ritmo così rapido. Ecco perché ciò che scegliamo di apprendere nella nostra adolescenza è così importante per il nostro futuro benessere. La finestra di opportunità per l'apprendimento profondo si restringe dopo quel periodo speciale dell'adolescenza.

Un cervello sano è un cervello integrato

Un cervello sano è un cervello integrato, in grado di valutare le conseguenze e prendere decisioni basate sull'intenzione. Può fissare un obiettivo e raggiungerlo. Ha resilienza allo stress. Può disimparare le abitudini che non servono più a uno. È creativo e capace di apprendere nuove abilità e abitudini. Se lavoriamo per sviluppare un cervello integrato sano, ampliamo e costruiamo la nostra prospettiva, prosperiamo, notiamo cosa succede intorno a noi e siamo sensibili ai bisogni degli altri. Fioriamo, ci godiamo la vita e raggiungiamo il nostro vero potenziale.

<< Sistema di ricompensa

Stampa Friendly, PDF e Email