ECPAT Mela

Bravo Mela

adminaccount888 Ultime notizie

In questo guest blog del nostro collega John Carr ci porta alcune buone notizie sulle ultime mosse di Apple che aiuteranno a proteggere i bambini dallo sfruttamento sessuale su Internet. Puoi trovare tutti i blog di John su Desiderata.

“C'è stata grande gioia presso il quartier generale globale di ECPAT International a Bangkok. La scorsa settimana il lavoro che abbiamo fatto con i nostri partner sulla crittografia avanzata ha ricevuto un enorme impulso quando Apple ha fatto un annuncio estremamente importante sui loro piani per proteggere i bambini online. Non piace a tutti ma a noi piace.

Il gatto è fuori dal sacco

Il gatto ora è decisamente fuori dal sacco. Apple ha confermato una contesa di base avanzata da ECPAT. Sono disponibili soluzioni scalabili che non violano la crittografia, che rispettano la privacy degli utenti e allo stesso tempo incidono in modo significativo su alcuni tipi di comportamento criminale, in questo caso crimini terribili che danneggiano i bambini.

Se le persone credono che Apple oi governi malevoli possano abusare della tecnologia, questo è un punto estremamente importante, Hovever, è diverso. Parla di come regoliamo o controlliamo Internet. Non è assolutamente un argomento che consente alle aziende di continuare a non fare nulla per frenare l'illegalità laddove esiste una tecnologia che consente loro di farlo. Allo stesso modo non è un argomento per Apple a "disinventare" quello che ha già inventato. 

Quello che è è un argomento per i governi e le legislature per recuperare il ritardo. Rapidamente. 

Nel mondo della tecnologia, gli alibi per l'inazione sono sempre fitti sul terreno. Apple dovrebbe essere applaudita. Non hanno solo spostato l'ago, gli hanno dato una spinta enorme e del tutto benefica. L'azienda non si è mossa velocemente e le cose rotte. Ha preso il suo tempo e li ha riparati.

Quindi cosa intende fare Apple?

Apple annuncio conteneva tre elementi. Entro la fine dell'anno, nella prossima versione del loro sistema operativo, prima negli Stati Uniti e poi paese per paese:

  1. Limitare la capacità degli utenti di individuare materiale pedopornografico (csam) e segnalare ambienti online non sicuri per i bambini.
  2. Introdurre nuovi strumenti per aiutare i genitori ad aiutare i propri figli a stare al sicuro in relazione alle comunicazioni online. In particolare avviso su contenuti sensibili che potrebbero essere in procinto di essere inviati o che sono stati ricevuti.
  3. Abilita il rilevamento di csam sui singoli dispositivi prima che l'immagine entri in un ambiente crittografato. Ciò renderà impossibile per l'utente caricare csam o distribuirlo ulteriormente in qualsiasi altro modo. 

Il numero tre è ciò che ha suscitato il più grande clamore.

Un punto di svolta

Il semplice fatto che un'azienda come Apple abbia riconosciuto di avere la responsabilità di agire in quest'area e abbia trovato una soluzione scalabile, cambia radicalmente la natura del dibattito. Ora sappiamo qualcosa può essere fatto "non è possibile"posizione è stata vinta. Qualsiasi attività online che si rifiuta di cambiare i suoi modi probabilmente si troverà dalla parte sbagliata dell'opinione pubblica e, probabilmente, la legge in quanto legislatori di tutto il mondo si sentirà ora incoraggiata ad agire per Compel aziende a fare ciò che Apple ha scelto volontariamente di fare.

E tutta l'angoscia?

Diversi commentatori che altrimenti sembravano esprimere simpatia per l'obiettivo dichiarato di Apple non hanno potuto resistere al tentativo di togliere il lustro al loro colpo di scena lamentandosi del modo l'hanno fatto. 

Tuttavia, nel 2019, l'annuncio unilaterale di Facebook che intendeva fare l'esatto contrario di ciò che Apple sta proponendo suggerisce che la possibilità di raggiungere un consenso nel settore era del tutto illusoria.

Sono sicuro che molti”è" devono essere punteggiati, molti "t" devono essere attraversate, ma a volte sento che quando si tratta di proteggere i bambini tutto deve essere impeccabile fuori dalle trappole. Va bene che Big Tech si muova velocemente e rompa le cose ovunque e le aggiusti in seguito, oppure no. Ma non si può permettere che ciò accada in questo dipartimento. Va bene innovare alla follia, ma non qui. Siamo giudicati con uno standard diverso.

Non fraintendermi. Non sono favorevole all'imperfezione. Non apprezzo l'innovazione che non presta attenzione al lato negativo. 

La semplice verità, però, è che l'intera faccenda ha riguardato valori e priorità. È completamente binario. O pensi che dovrebbero essere prese misure per ridurre al minimo i rischi per i bambini prima che il contenuto sia crittografato o non lo fai. Non c'è una via di mezzo perché quando è crittografato è invisibile per sempre. I cattivi vincono. Apple ha mostrato come perdono.

Buone notizie da Apple

La crittografia non viene violata. Nessun nuovo dato viene raccolto o sfruttato

In un'ulteriore dichiarazione rilasciata da Apple ieri rendono abbondantemente chiaro che non stanno violando alcun tipo di crittografia. Inoltre chiariscono che la loro tecnologia è di portata limitata e non la useranno per nessun altro scopo.

Se non credi che siamo tornati al punto che ho fatto prima. Discutiamone, ma qualunque sia l'esito della discussione che potrebbe rivelarsi Apple deve essere autorizzata e incoraggiata a continuare. Aspetto con impazienza di sentire altre aziende impegnarsi a seguire le loro orme. Presto."

Lettera sul Financial Times

Il 12 agosto 2021 John Carr ha anche pubblicato una lettera su questo problema nel Financial Times. Applaude la decisione di Apple relativa ai suoi piani per limitare la possibilità che materiale pedopornografico venga distribuito tramite i loro dispositivi o la rete. John ha anche suggerito che costringerà Facebook a riconsiderare le sue cattive intenzioni. Il testo integrale della lettera è...

“Nel suo articolo sui piani di Apple per l'introduzione di nuove politiche per la protezione dei minori, Richard Waters suggerisce che il modo in cui Apple si è comportata ha “accorciato il dibattito” sul potenziale impatto delle misure pianificate (parere, 10 agosto). 

Nello specifico Waters si riferisce al piano di Apple di ispezionare i contenuti sui dispositivi degli utenti prima che vengano caricati e inseriti in un ambiente fortemente crittografato come iCloud. Apple lo farà per garantire che l'azienda non aiuti e favorisca la distribuzione di materiale pedopornografico. 

Purtroppo il “dibattito” va avanti da almeno cinque anni e per la maggior parte di quel tempo è stato completamente congelato. Le cose si sono intensificate quando, a marzo 2019, Facebook ha annunciato che (era) intenzione di fare l'esatto contrario di ciò che Apple sta proponendo ora. Anche quella è stata una decisione unilaterale, resa ancora peggiore perché, a differenza di Apple, si trovava sullo sfondo ben documentato di Facebook che già sapeva che le sue piattaforme Messenger e Instagram Direct attualmente non crittografate venivano sfruttate in modo massiccio per scopi criminali. 

Nel 2020 ci sono state 20,307,216 segnalazioni alle autorità statunitensi di materiale pedopornografico scambiato su Messenger o Instagram, ma finora Facebook non ha dato alcun segno che tornerà indietro. 

Bisogna fare una scelta

L'argomento è, temo, binario. Una volta che il materiale è fortemente crittografato, diventa invisibile alle forze dell'ordine, ai tribunali e all'azienda stessa. Quindi o sei disposto a conviverci o non lo sei. Facebook è. Apple no. 

Tuttavia, sospetto che la decisione di Apple costringerà Facebook e altri a riconsiderare. Sono disponibili soluzioni scalabili in grado di rispettare la privacy degli utenti e allo stesso tempo contrastare almeno alcuni tipi di comportamento criminale, in questo caso crimini terribili che danneggiano i bambini.

Se le persone credono che Apple o addirittura governi malevoli possano abusare della tecnologia, questo è un punto importante ma diverso che parla di come regoliamo o controlliamo Internet. Non è assolutamente un argomento che consente alle aziende di continuare a non fare nulla per frenare l'illegalità laddove esiste una tecnologia che consente loro di farlo. Apple dovrebbe essere applaudita. Non ha solo spostato l'ago, gli ha dato una spinta enorme e del tutto benefica".

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo