Droghe digitali: Porno Napier Radio

Droghe digitali: Porno

adminaccount888 Ultime notizie

Digital Drugs è una serie di podcast che mira a esplorare il gruppo di comportamenti di dipendenza che i nativi digitali in particolare devono negoziare nel mondo di oggi. Molte di queste potenziali dipendenze sono apparse nell'ultimo decennio guidate dalla rapida crescita della tecnologia.

Nel primo episodio della serie, il giornalista Ian McNally di Radio Napier a Edimburgo ha intervistato Mary Sharpe della The Reward Foundation di Edimburgo, in una sessione incentrata sulla dipendenza dalla pornografia.

Riferimento al famoso Irvine Welsh "Scegli la vita, scegli un lavoro, scegli una carriera ..." discorso da Trainspotting, McNally guarda cosa è cambiato nell'ambiente che crea dipendenza che i giovani affrontano in 2017. Mary Sharpe porta l'ascoltatore attraverso le sfide dei giovani che iniziano con il porno hard-core e affrontano il potenziale di un'escalation di materiale che trovano scomodo o sgradevole. In modo preoccupante, sempre più telespettatori di internet si stanno intensificando a guardare la pornografia infantile illegale. L'anno scorso l'NSPCC ha rivelato che circa mezzo milione di uomini nel Regno Unito, ovvero 1 in 50, stanno guardando immagini di abusi sui minori sul web oscuro.

Gli ascoltatori vengono anche brevemente presentati al NoFap.com sito web, uno dei migliori forum di supporto disponibili online per aiutare gli utenti compulsivi a lasciare il porno. Tuttavia un leggero errore si è insinuato nella modifica di questo articolo. La sfida dei 90 giorni è smettere di guardare il porno principalmente, non semplicemente smettere di masturbarsi. Infatti il ​​sito afferma "che si tratta di un processo personale e non esiste un unico approccio corretto". Le persone sono incoraggiate a sperimentare ciò che funziona meglio per loro rinunciando al porno, alla fantasia pornografica, alla masturbazione e / o al sesso per un determinato periodo di tempo.

McNally menziona il DSM5 come la "bibbia" psichiatrica dei disturbi della salute mentale. Questo è spesso affermato negli articoli giornalistici ma non è corretto. In effetti, la classificazione internazionale delle malattie (ICD) dell'OMS ha la meglio sul DSM in termini di influenza. DSM-5 del 2013 è stato screditato da figure di alto livello come Tom Insel, allora Direttore di The National Institute of Mental Health (NIMH). Ha dichiarato che il DSM-5 "Mancanza di validità" e che "I pazienti meritano di meglio". Il DSM si focalizza solo sui segni e sui sintomi di un disturbo proposto e non tiene conto dei bio-marcatori reali come i cambiamenti cerebrali osservati in tutte le dipendenze, inclusa la dipendenza da pornografia. La prossima edizione di ICD-11 in uscita in 2018, è destinata a riconoscere il porno su Internet come un comportamento compulsivo o un disturbo che crea dipendenza, poiché la preponderanza della ricerca sulle neuroscienze lo supporta.

Vale anche la pena notare che uno dei ruoli della dopamina è quello di rafforzare i percorsi neurali rendendo così gli effetti di rinforzo e gratificanti del coinvolgimento con il porno ancora più potenti e avvincenti.

È fantastico che questo argomento "elefante nella stanza" venga trasmesso tra gli studenti poiché l'accettazione casuale dell'uso del porno maschera la realtà dei danni mentali e fisici che il consumo eccessivo cronico può causare ad alcuni utenti. L'intervista completa può essere ascoltata qui.

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo