colpa

Ti senti in colpa a gestire il tempo sullo schermo di tuo figlio?

adminaccount888 Ultime notizie

“Spesso, quando lavoro con le famiglie, inizio discutendo degli impatti fisiologici del tempo sullo schermo. In che modo il tempo trascorso davanti allo schermo si traduce in sintomi particolari e come implementare un elettronico veloce (o schermo veloce) può aiutare a ripristinare il cervello e chiarire cosa sta succedendo.  

Ma ammettiamolo. Sentire che videogiochi, messaggi di testo e iPad potrebbero dover essere banditi dalla vita di un bambino non riempie di gioia gloriosa. Piuttosto, per molti genitori, crea un'urgenza immediata o di screditare le informazioni o di aggirarle. A volte, quando dico ai genitori cosa devono fare per cambiare le cose, sento che li sto perdendo. I loro occhi si spostano, si contorcono e sembrano come se fossero sul sedile caldo. Questo non è quello che vogliono sentire. È come se dicessi loro che devono vivere senza elettricità. È così che gli schermi sono radicati nelle nostre vite. L'inconveniente di ciò che sto proponendo può sembrare opprimente.

colpa
Cosa crea resistenza nei genitori?

Oltre a temere l'inconveniente, tuttavia, discutere del tempo sullo schermo spesso produce altre sensazioni di disagio che creano resistenza nel portare avanti il ​​trattamento. Ad esempio, alcune persone si sentono come se il loro genitorialità le abilità vengono giudicate. O che i loro sforzi o il livello di esaurimento sono sottovalutati.

Ma di gran lunga il più grande fattore di resistenza dei genitori quando si tratta di affrontare il tempo davanti allo schermo è colpa. Questo senso di colpa può derivare da una varietà di fonti, che possono essere vagamente suddivise in due categorie: senso di colpa per l'anticipazione di causare dolore al bambino e senso di colpa per ciò che i genitori stessi hanno o non hanno fatto. In particolare, la semplice anticipazione di sentirsi in colpa è sufficiente per creare resistenza.

Fonti di colpa dei genitori che possono interferire con una sana gestione del tempo davanti allo schermo:

  1. Senso di colpa portando via un'attività piacevole e anticipando la disperazione immediata / ansia / angoscia /rabbia che la rimozione dei dispositivi attiverà
  2. Senso di colpa per aver visto o immaginato il bambino "Escluso" socialmente o meno essere "in loop" (indipendentemente dal fatto che ciò accada o meno)
  3. Portare via qualcosa il file il bambino usa per far fronte, scappare o calmarsi. Soprattutto se al bambino mancano amici, hobby, giochi immaginari o interessi senza schermo
  4. Senso di colpa per essere diventato eccessivamente dipendente dall'uso degli schermi come "baby sitter elettronica " per fare le cose o per avere un po 'di tempo tranquillo
  5. Senso di colpa per la consapevolezza che i genitori stessi possono aver contribuito alle difficoltà del loro bambino- consapevolmente o inconsapevolmente - introducendo dispositivi in ​​casa o non impostando limiti, ad esempio ("cosa abbiamo fatto?")
  6. Gli adulti modellano le abitudini del tempo davanti allo schermo per i bambini. C'è una spiacevole consapevolezza che il tempo trascorso davanti allo schermo del genitore è sbilanciato o viene utilizzato per evitare problemi o fuggire
  7. Senso di colpa non voler passare il tempo a giocare / interagire con il bambino, non volendo che si trovino nella stessa stanza, o per avere sentimenti negativi verso il bambino o il comportamento del bambino (rabbia, risentimento, fastidio, antipatia, ecc.); sono sentimenti che i genitori, in particolare le madri, tendono a percepire come socialmente inaccettabili

La natura della colpa

La colpa è un'emozione squisitamente spiacevole e, come tale, è nella natura umana evitare di sentirla. Per complicare ulteriormente le cose, il senso di colpa può essere cosciente (la persona è consapevole dei sentimenti di colpa). Oppure può essere inconscio (la persona non è a conoscenza e utilizza meccanismi di difesa per rendere le sensazioni più appetibili). Oppure può essere una via di mezzo.  

Ad esempio, con le prime tre fonti di colpa menzionate sopra, i genitori sono generalmente in grado di identificare prontamente questi sentimenti. Tuttavia, per un genitore che sta attraversando un divorzio, potrebbe esserci un ulteriore strato di colpa inconscia per il bambino che viene abbandonato (emotivamente o letteralmente) o per il fardello extra di vivere in due case. Questo senso di colpa può essere aggravato dall'inizio dei genitori traumi o abbandoni. E potrebbe essere sproporzionato rispetto alle circostanze reali. Questo può portare a un'eccessiva indulgenza che poi capovolge la dinamica del potere in casa.

Considera il caso di Ali, a depresso ragazza di tredici anni. Era dipendente dai social media, taglio su se stessa, vittima di bullismo online e fallimento a scuola. Il padre aveva da poco abbandonato la famiglia e si era trasferito con un'altra donna ei suoi figli. La madre di Ali ha ripetutamente omesso di portare a termine la rimozione dell'accesso ai dispositivi del bambino di notte e in camera da letto. Questo nonostante i numerosi discorsi sui legami tra luce notturna da schermi e depressione / comportamento suicidariosocial media e depressione / bassa autostimasocial media e bullismo. In effetti, questa mamma sembrava avere una buona conoscenza della scienza e della ricerca alla base di questi risultati.  

Senso di colpa anticipatorio

In superficie, c'era il senso di colpa anticipato per aver portato via qualcosa che Ali usava come fuga e per occuparsi. Ma sotto c'era un altro strato che la mamma impiegò del tempo ad ammetterlo. Immaginava che sua figlia si infuriasse e lanciasse commenti dispettosi come "Ti odio!" e "Mi stai rovinando la vita!" (un'abilità in cui le ragazze di questa età sono particolarmente brave). Questa scena immaginata era a sua volta collegata a un file paura di sua figlia “che non mi ama più”. Che era una previsione irrazionale derivante non solo dal divorzio, ma da quello della madre infanzia. Per questa famiglia c'erano molti sensi di colpa e ansia consci e inconsci. Doveva essere elaborato prima che la mamma fosse in grado di stabilire limiti appropriati.

Per inciso, i bambini, specialmente i bambini più grandi e le femmine, ma anche i ragazzi possono farlo, possono cogliere queste "debolezze" e sfruttarle per manipolare i genitori. Questa dinamica può essere particolarmente distruttiva nei casi di tecnologia dipendenza e nelle famiglie monoparentali.   

Segni che il senso di colpa può influire sulla gestione del tempo davanti allo schermo

Ma se la colpa è inconscia, come possiamo sapere se ci colpisce? Come accennato, poiché la colpa può essere così intollerabile, utilizziamo meccanismi di difesa per placarla. Quando si tratta di elettronica, un modo in cui i genitori alleviano il senso di colpa è razionalizzarne l'uso: "Il tempo sullo schermo è l'unico momento in cui i miei figli stanno zitti". "L'elettronica mi permette di fare le cose". "Il tempo sullo schermo è l'unico motivatore che funziona". "È quello che fanno tutti i bambini, e comunque mio figlio lo usa molto meno degli altri". "Le lascio solo giocare a giochi educativi". E così via. Se ti ritrovi a razionalizzare l'uso di tuo figlio nonostante sappia, ascolti o legga che potrebbe essere necessario ridurre o fare un digiuno elettronico, sii aperto all'idea che il senso di colpa possa essere alla guida del treno.

Un altro indizio della presenza di colpa è se l'argomento del tempo davanti allo schermo ti mette a disagio o ansioso. Come accennato in precedenza, ciò può manifestarsi nell'evitare l'argomento o nel trovare modi per screditare le informazioni. "Se fosse così, perché i medici non lo saprebbero?" o "Se così fosse, saremmo tutti condannati / dipendenti / infuriati" o "Questo è quello che hanno detto anche in passato sulla TV - e siamo andati bene!"  

Una risposta istintiva di screditare le informazioni senza esaminarle potrebbe essere un segno che c'è qualcosa che stai ottenendo dall'uso dello schermo che è doloroso da considerare. Ad esempio, passare del tempo in famiglia insieme senza schermi come cuscinetto può costringere i genitori ad affrontare problemi in un matrimonio che avrebbero appena ignorato.

colpa

Primo, fai uno sforzo sovrumano per essere terribilmente onesto con te stesso. Ad esempio, in una famiglia con un bambino di nove anni dipendente dai videogiochi, dopo mesi passati a tenere i videogiochi fuori casa la madre li ha reintrodotti durante le vacanze. A prima vista sembrava come se fosse stata cullata in un senso di compiacenza e avesse pensato che sarebbe stato sicuro riprovarli. Ma dopo che la madre non è riuscita a rimuovere di nuovo i giochi quando stavano chiaramente causando a ricaduta, è stata costretta a fare qualche ricerca dell'anima. Alla fine ha condiviso questo: "Non è solo che è dipendente dai giochi. È quello Sono dipendente dal fatto che lui salga di sopra nella sua stanza. "

Non era solo un bisogno di tempo tranquillo che stava ammettendo. Piuttosto, stava ammettendo che spesso, non voleva stare con suo figlio. Stava ancora lottando per costruire un senso di sé indipendente dagli schermi ed era incline agli scoppi d'ira. La soluzione qui non era rieducare, ma trovare più supporto. Ha ottenuto chiedendo ai membri della famiglia allargata di fare uscite settimanali con lui.

Un'altra madre ha espresso questa sensazione in modo più schietto. Quando le ho suggerito di fare un digiuno elettronico per aiutare il figlio in crisi e le lotte accademiche - una parte essenziale delle quali è passare uno contro uno con il bambino - ha risposto: "Perché dovrei farlo? Si comporta come un piccolo buco! "

Ok, forse quell'ultima madre non stava lottando con il senso di colpa di per sé da quando ha annunciato i suoi sentimenti senza esitazione. Ma vi racconto questa storia per mostrare quanto sia comune. Il che mi porta al punto successivo. Oltre ad essere onesto e riconoscere il senso di colpa o altri sentimenti, potrebbe minare il tuo schermo-gestione del tempo, sappi che quasi ogni famiglia sperimenta una combinazione (o tutti) dei punti sopra menzionati. È normale.

Perdono

Un altro elemento importante per superare il senso di colpa è il perdono. Ciò è particolarmente importante per l'elemento n. 5 sopra e può coinvolgere entrambi perdono di sé o perdonare un coniuge o altro badante. I genitori possono soffermarsi, ossessionarsi o picchiarsi per ciò che è già accaduto. Di tutte le fonti di colpa, questa potrebbe essere la più dolorosa, specialmente se il bambino ha vulnerabilità come autismoADHD o disturbo dell'attaccamento e il genitore inizia a capire veramente la potenza dell'ipereccitazione e della disregolazione legate allo schermo e del rischi di dipendenza dalla tecnologia nelle popolazioni vulnerabili. 

Indipendentemente da ciò, soffermarsi su ciò che è già accaduto è controproducente. Ma a parte questo, fino a poco tempo fa il pubblico era largamente ignaro dei rischi. Persino gli operatori sanitari li sottovalutano anche adesso. Inoltre, ci sono sforzi orchestrati da società che utilizzano sofisticati Marketing tecniche per creare dubbi e confusione sui rischi che il pubblico è quotidianamente bombardato. Ogni rischio portato al pubblico attenzione viene ribattuto dagli oppositori: "I giocatori sono chirurghi migliori!" "I social media ci aiutano a connetterci tutti!" “La tecnologia sta rivoluzionando continua! " e così via. Ogni morso di suono invia ai genitori il messaggio più e più volte che l'uso della tecnologia basata sullo schermo è pieno zeppo di vantaggi. È "proprio come vivono i bambini oggi".

Ma anche se non puoi perdonare te stesso o qualcun altro subito, non lasciarti trattenere ulteriormente. Inizia a fare passi, sotto forma di istruzione o parlando con altre famiglie che sono per lo più senza schermo. Stabilisci il tuo obiettivo per provare un esperimento elettronico veloce per tre o quattro settimane anche se non credi che possa aiutare. Una volta che i genitori iniziano a vedere i benefici ei cambiamenti nel loro bambino e nella loro famiglia, si liberano rapidamente e passano dal sentirsi impotenti al sentirsi più forti ".

Questa articolo è stato pubblicato per la prima volta su Psychology Today nel 2017. È stato leggermente modificato per abbreviare le frasi e aggiungere foto.

Il dottor Dunckley è uno psichiatra infantile e autore di: Ripristina il cervello di tuo figlio: un piano di quattro settimane per porre fine ai crolli, aumentare i voti e aumentare le abilità sociali invertendo gli effetti del tempo sullo schermo elettronico. Vedi il suo blog su drdunckley.com.

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo