Pornografia per la verifica dell'età Francia

Finlandia

Nell'agosto 2020 l'Istituto nazionale dell'audiovisivo finlandese, KAVI, ha pubblicato un rapporto sul coinvolgimento dei genitori con il sistema di età consigliate per i bambini che visualizzano diversi tipi di contenuti. Ha riscontrato livelli più elevati di coinvolgimento dei genitori e più seguito ai consigli forniti nel codice per i genitori con bambini di età più giovane. Il codice si applica solo ai media trasmessi e ai contenuti classificati ufficialmente, come film, televisione e giochi. Non si applica alla pornografia su Internet.

Nuova ricerca chiave

Sebbene la Finlandia sia lungi dall'essere leader mondiale nel suo approccio legislativo alla verifica dell'età, ha altri punti di forza. Il gruppo della società civile, Protect Children, ha recentemente condotto una ricerca senza precedenti sugli utenti di materiale pedopornografico, o CSAM, nel dark web. I risultati di questa ricerca sono molto significativi. Forniscono al mondo intero una motivazione aggiuntiva per separare i bambini dal consumo di pornografia.

È stata citata la dott.ssa Salla Huikuri, ricercatrice e project manager presso il Police University College Finland. "La ricerca sistematica sulle interazioni dei pedofili nel dark web è di fondamentale importanza mentre si combatte l'uso di materiale pedopornografico e la violenza online contro i bambini".

La ricerca di Protect Children sul dark web sta rivelando dati senza precedenti sugli utenti CSAM. Chiamato sondaggio "Aiutaci ad aiutarti", è stato condotto come parte del progetto ReDirection di due anni. Il lavoro è stato finanziato da ENDViolence Against Children. È stato risposto da oltre 7,000 intervistati.

Il sondaggio "Aiutaci ad aiutarti", basato sulla teoria del comportamento cognitivo, chiede agli utenti di CSAM il loro comportamento, pensieri ed emozioni relative al loro uso di CSAM. I dati raccolti hanno fornito preziose informazioni sui pensieri, le abitudini e le attività degli utenti CSAM.

Lo specialista legale del sondaggio in Finlandia ha fatto il seguente commento. “Abbiamo visto che il nostro sondaggio di reindirizzamento stesso è servito da intervento per molti utenti CSAM. Rispondere ha permesso a molti di rivalutare i propri comportamenti, pensieri ed emozioni legati all'uso del CSAM”.

Escalation alla visualizzazione CSAM

Il sondaggio ha anche trovato molte prove che suggeriscono che l'escalation dell'uso della pornografia può portare le persone a visualizzare contenuti dannosi più estremi, comprese le immagini di abusi sessuali su minori.

La ricerca preliminare ha portato alla luce risultati chiave tra cui il fatto che la maggior parte degli utenti CSAM erano bambini stessi quando hanno incontrato per la prima volta CSAM. Circa il 70% degli utenti ha visto CSAM per la prima volta quando aveva meno di 18 anni e circa il 40% quando aveva meno di 13 anni. Inoltre, gli utenti visualizzano prevalentemente contenuti CSAM che ritraggono ragazze. Circa il 45% degli intervistati ha affermato di utilizzare CSAM raffiguranti ragazze di 4-13 anni, mentre circa il 20% ha affermato di utilizzare CSAM raffiguranti ragazzi di 4-13 anni.

Aiuto per uscire dalla visualizzazione CSAM

I risultati preliminari hanno mostrato che circa il 50% degli intervistati a un certo punto ha voluto interrompere l'uso di CSAM, ma non è stato in grado di farlo. La maggioranza, circa il 60% degli intervistati, non ha mai parlato a nessuno del proprio utilizzo di CSAM.

Tegan Insoll, l'assistente alla ricerca, ha dichiarato: “I risultati mostrano che molti individui sono motivati ​​a cambiare il proprio comportamento, ma non sono stati in grado di farlo. I nuovi dati evidenziano l'urgente necessità del programma di auto-aiuto ReDirection, per fornire loro l'aiuto di cui hanno bisogno per interrompere l'uso di CSAM e, in definitiva, proteggere i bambini dalla violenza sessuale online".

Nel giugno 2021, Protect Children è stata invitata a partecipare alla tavola rotonda di esperti ospitata da WePROTECT Global Alliance e dall'International Justice Mission's Center to End Online Sexual Exploitation of Children. La discussione era intitolata "Inquadrare l'abuso e lo sfruttamento sessuale di minori online come una forma di tratta di esseri umani: opportunità, sfide e implicazioni".

Alla luce delle discussioni sul livestreaming, Protect Children ha colto l'occasione per iniziare a raccogliere nuovi dati sull'uso del materiale CSAM trasmesso in livestream. Di nuovo, coprirà il mondo intero, non solo la Finlandia. I dati preliminari di questo nuovo questionario sono stati raccolti, mostrando già risultati molto preziosi in breve tempo.

Per altre notizie recenti sugli sforzi per contrastare l'uso crescente di CSAM, vedere John Carr's blog eccellente.

Stampa Friendly, PDF e Email