Non sarebbe San Valentino se non vi ricordassimo una delle migliori ricerche psicologiche mai realizzate. Si tratta di come trovare qualcuno da amare. Chiedendo un potenziale amore 36 domande puoi costruire l'intimità molto rapidamente. Leggi nel seguente articolo come ha funzionato per Mandy.

“Più di 20 anni fa, lo psicologo Arthur Aron riuscì a far innamorare due sconosciuti nel suo laboratorio. L'estate scorsa ho applicato la sua tecnica nella mia vita, ed è così che mi sono ritrovata su un ponte a mezzanotte, a fissare negli occhi un uomo per esattamente quattro minuti.

Lasciatemi spiegare. Qualche ora prima, quell'uomo aveva detto: "Sospetto, dato un paio di punti in comune, potresti innamorarti di qualcuno. Se è così, come scegli qualcuno? "

Era un conoscente universitario che di tanto in tanto incontravo nella palestra di arrampicata e avevo pensato: "E se?" Avevo visto le sue giornate su Instagram. Ma questa era la prima volta che uscivamo uno contro uno.

"In realtà, gli psicologi hanno provato a far innamorare la gente", dissi, ricordando Studio del dott. Aron. "È affascinante. Ho sempre voluto provarlo. "

Ho letto per la prima volta lo studio quando ero nel bel mezzo di una rottura. Ogni volta che pensavo di andarmene, il mio cuore ha annullato il mio cervello. Mi sono sentito bloccato. Quindi, come un buon accademico, mi sono rivolto alla scienza, sperando che esistesse un modo per amare in modo più intelligente.

Ho spiegato lo studio al mio conoscente universitario. Un uomo e una donna eterosessuali entrano nel laboratorio attraverso porte separate. Si siedono faccia a faccia e rispondono a una serie di domande sempre più personali. Poi si fissano in silenzio negli occhi per quattro minuti. Il dettaglio più allettante: sei mesi dopo, due partecipanti si sono sposati. Hanno invitato l'intero laboratorio alla cerimonia.

"Proviamo", disse.

Permettetemi di riconoscere i modi in cui il nostro esperimento non riesce ancora ad allinearsi allo studio. Per prima cosa, eravamo in un bar, non in un laboratorio. Secondo, non eravamo estranei. Non solo, ma ora vedo che nessuno né suggerisce né accetta di provare un esperimento progettato per creare l'amore romantico se non si è aperti a questo evento.

Ho cercato su Google le domande del Dr. Aron; ci sono 36. Abbiamo passato le prossime due ore a passare il mio iPhone dall'altra parte del tavolo, alternando ogni domanda.

Iniziarono innocentemente: "Ti piacerebbe essere famoso? In che modo? "E" Quando hai cantato per te l'ultima volta? A qualcun altro?"

Ma sono rapidamente diventati sondaggi.

In risposta al suggerimento, "Nomina tre cose che tu e il tuo partner sembrano avere in comune", mi guardò e disse: "Penso che siamo entrambi interessati l'un l'altro".

Sorrisi e inghiottii la mia birra mentre elencava altri due punti in comune che poi prontamente dimenticai. Ci siamo scambiati storie sull'ultima volta in cui abbiamo pianto tutti e abbiamo confessato l'unica cosa che vorremmo chiedere a un indovino. Abbiamo spiegato i nostri rapporti con le nostre madri.

Le domande mi hanno ricordato l'infame esperimento di rana bollente in cui la rana non sente l'acqua diventare più calda fino a quando non è troppo tardi. Con noi, poiché il livello di vulnerabilità aumentava gradualmente, non mi ero accorto che eravamo entrati in un territorio intimo fino a quando non eravamo già lì, un processo che in genere può richiedere settimane o mesi.

Mi piaceva l'apprendimento di me stesso attraverso le mie risposte, ma mi piaceva imparare ancora di più su di lui. Il bar, che era vuoto quando siamo arrivati, si era riempito dal momento in cui ci siamo fermati per una pausa in bagno.

Mi sono seduto da solo al nostro tavolo, consapevole di ciò che mi circondava per la prima volta in un'ora, e mi chiedevo se qualcuno avesse ascoltato la nostra conversazione. Se l'avessero fatto, non l'avevo notato. E non ho notato come la folla si è assottigliata e la notte è arrivata in ritardo.

Tutti noi abbiamo una narrativa di noi stessi che offriamo a estranei e conoscenti, ma le domande del Dr. Aron rendono impossibile fare affidamento su quella narrazione. Il nostro era il tipo di intimità accelerata che ricordavo dal campo estivo, rimanendo sveglio tutta la notte con un nuovo amico, scambiando i dettagli delle nostre brevi vite. A 13, lontano da casa per la prima volta, è stato naturale conoscere qualcuno velocemente. Ma raramente la vita adulta ci presenta tali circostanze.

I momenti che ho trovato più a disagio non erano quando dovevo fare confessioni su me stesso, ma dovevo azzardare opinioni sul mio partner. Ad esempio: "Alternare la condivisione di qualcosa che consideri una caratteristica positiva del tuo partner, un totale di cinque elementi" (Domanda 22), e "Dì al tuo partner cosa ti piace di loro; sii molto onesto questa volta dicendo cose che potresti non dire a qualcuno che hai appena incontrato "(Domanda 28).

Gran parte della ricerca del Dr. Aron si concentra sulla creazione della vicinanza interpersonale. In particolare, diversi studi studiano il modo in cui incorporiamo gli altri nel nostro senso di sé. È facile vedere come le domande incoraggino quella che chiamano "autoespansione". Dire cose come "Mi piace la tua voce, i tuoi gusti nella birra, il modo in cui tutti i tuoi amici sembrano ammirarti", rende certe qualità positive che appartengono ad una persona esplicitamente preziosa per l'altro.

È davvero incredibile sentire ciò che qualcuno ammira in te. Non so perché non andiamo in giro pensosamente complimentandoci l'un l'altro per tutto il tempo.

Abbiamo terminato a mezzanotte, impiegando molto più tempo dei minuti 90 per lo studio originale. Guardando intorno al bar, mi sentivo come se mi fossi appena svegliato. "Non è stato così male", ho detto. "Decisamente meno a disagio di quello che si fisserebbe negli occhi dell'altra parte sarebbe".

Esitò e chiese. "Pensi che dovremmo farlo anche tu?"

"Qui?" Ho guardato intorno al bar. Sembrava troppo strano, troppo pubblico.

"Potremmo stare sul ponte," disse, girandosi verso la finestra.

La notte era calda e io ero completamente sveglio. Abbiamo camminato fino al punto più alto, poi ci siamo voltati l'uno di fronte all'altra. Ho armeggiato con il mio telefono mentre ho impostato il timer.

"OK", dissi, inspirando bruscamente.

"OK", disse, sorridendo.

Ho sciato su pendii ripidi e mi sono appeso a una corda da una corda, ma fissare gli occhi di qualcuno per quattro minuti silenziosi è stata una delle esperienze più elettrizzanti e terrificanti della mia vita. Ho passato il primo paio di minuti cercando di respirare correttamente. Ci fu un sacco di sorrisi nervosi finché, alla fine, ci stabilimmo.

So che gli occhi sono le finestre dell'anima o qualsiasi altra cosa, ma il vero punto cruciale del momento non era solo il fatto che stavo davvero vedendo qualcuno, ma che stavo vedendo qualcuno che mi vedeva davvero. Una volta che ho abbracciato il terrore di questa realizzazione e gli ho dato il tempo di placarsi, sono arrivato da qualche parte inaspettato.

Mi sentivo coraggioso e in uno stato di meraviglia. Parte di quella meraviglia era nella mia vulnerabilità e in parte c'era il strano tipo di meraviglia che si ottiene dal dire una parola ancora e ancora finché non perde il suo significato e diventa ciò che è in realtà: un insieme di suoni.

Così è stato con l'occhio, che non è una finestra per nulla se non un insieme di cellule molto utili. Il sentimento associato all'occhio cadde e rimasi colpito dalla sua sorprendente realtà biologica: la natura sferica del bulbo oculare, la muscolatura visibile dell'iride e il vetro liscio e bagnato della cornea. Era strano e squisito.

Quando il timer ronzò, fui sorpreso - e un po 'sollevato. Ma ho anche provato un senso di perdita. Già stavo cominciando a vedere la nostra serata attraverso la lente surreale e inaffidabile della retrospettiva.

Molti di noi pensano all'amore come a qualcosa che ci accade. Cadiamo. Siamo schiacciati.

Ma quello che mi piace di questo studio è come presuppone che l'amore sia un'azione. Presume che ciò che conta per il mio partner è importante per me perché abbiamo almeno tre cose in comune, perché abbiamo strette relazioni con le nostre madri e perché mi lascia che lo guardi.

Mi chiedevo cosa sarebbe successo della nostra interazione. Se non altro, ho pensato che sarebbe stata una buona storia. Ma ora vedo che la storia non riguarda noi; parla di cosa significa preoccuparsi di conoscere qualcuno, che è davvero una storia su cosa significhi essere conosciuto.

È vero che non puoi scegliere chi ti ama, anche se ho passato anni a sperare diversamente, e non puoi creare sentimenti romantici basati solo sulla convenienza. La scienza ci dice che la biologia conta; i nostri feromoni e gli ormoni fanno molto lavoro dietro le quinte.

Ma nonostante tutto, ho iniziato a pensare che l'amore sia una cosa più flessibile di quanto non lo sia. Lo studio di Arthur Aron mi ha insegnato che è possibile - semplice, persino - generare fiducia e intimità, i sentimenti che l'amore ha bisogno di prosperare.

Probabilmente ti starai chiedendo se lui e io ci siamo innamorati. Bene, lo abbiamo fatto. Anche se è difficile accreditare interamente lo studio (potrebbe essere comunque successo), lo studio ci ha fornito un modo per entrare in una relazione che si sente intenzionale. Abbiamo trascorso settimane nello spazio intimo che abbiamo creato quella notte, in attesa di vedere cosa potrebbe diventare.

L'amore non è capitato a noi. Siamo innamorati perché ognuno di noi ha fatto la scelta di esserlo."

Visualizza il documento sottostante di Aron e del suo team

http://www.stafforini.com/txt/Aron%20et%20al%20-%20The%20experimental%20generation%20of%20interpersonal%20closeness.pdf

Mandy Len Catron insegna scrittura all'Università della British Columbia a Vancouver e sta lavorando a un libro sui pericoli delle storie d'amore.