Pornografia per la verifica dell'età Francia

Ungheria

Non esiste una legislazione esplicita sulla verifica dell'età per i siti Web pornografici in Ungheria. Il nostro corrispondente ungherese non ha sentito di alcuna intenzione del governo di approvare nuove leggi in questo settore.

In teoria, il materiale pornografico potrebbe essere regolamentato dalle leggi ungheresi esistenti. Coprono l'idoneità del materiale per i bambini. Tutto ciò che non dovrebbe essere visto da persone di età inferiore ai 18 anni - come le immagini di un terribile incidente o immagini sessualmente esplicite - dovrebbe essere accompagnato da un avvertimento che dice che "questo è contenuto per gli adulti. Sei un adulto o no?" E puoi premere il pulsante "sì" in modo da poter andare al contenuto. In caso contrario, non hai accesso. Tuttavia, l'applicazione di questo tipo di controllo degli accessi è minima.

Tuttavia, in Ungheria esiste la verifica dell'età per il gioco d'azzardo. Prima che un giocatore possa partecipare, l'host deve identificare la persona e registrare i suoi dettagli in un database. L'età deve essere comprovata da carta d'identità o altro documento ufficiale. Se l'età non può essere verificata, o se la persona ha meno di 18 anni, deve essere impedito loro di giocare.

leggi sessuali

In Ungheria, quest'anno è stato adottato un atto del parlamento per impedire che materiale omosessuale e transgender venga mostrato e discusso nei media pubblici o nell'istruzione, dove i minori di 18 anni potrebbero accedervi. Il governo ungherese ha anche approvato una legge che impone condanne più pesanti per i pedofili. Hanno anche istituito un registro degli autori di reati sessuali. Questi cambiamenti incontrarono una notevole opposizione pubblica. Al momento il governo non sembra disposto a estendere ulteriormente le leggi sessuali. Ci saranno le elezioni nell'aprile 2022.

Fondazione premio in Ungheria

Il libro del nostro defunto collega, Your Brain on Porn di Gary Wilson, è disponibile in Ungherese. La Reward Foundation è stata presentata a una conferenza internazionale a Budapest ospitata dal Ministero della Giustizia e dall'ONG ERGO all'inizio di dicembre 2018.

Stampa Friendly, PDF e Email