Pornografia per la verifica dell'età Francia

Italia

La verifica dell'età per la pornografia non è nell'attuale agenda del governo in Italia. Tuttavia, sono in discussione una serie di altri problemi di verifica dell'età, che alla fine potrebbero aiutare a sostenere la richiesta di verifica dell'età per la pornografia.

All'interno del governo italiano, la questione della verifica dell'età è stata un argomento ampiamente discusso a causa degli eventi del gennaio 2021. Questi hanno coinvolto un bambino di 10 anni che si è suicidato a seguito di un video visto su una piattaforma di social media. Come immediata conseguenza di questa tragedia, il Garante per la protezione dei dati personali italiano ordinato TikTok per interrompere il trattamento dei dati personali degli utenti la cui età non può essere verificata esattamente dall'azienda.

Da allora, ci sono state discussioni nel governo su proposte su come reagire al problema. Non sono state prese decisioni pratiche e vincolanti. Il Presidente del Garante italiano per la protezione dei dati personali concorda sulla necessità di disporre di un quadro legislativo migliore in materia di verifica dell'età. Vuole farlo evitando di sovraccaricare le piattaforme con un "registro di identità globale". Il Ministero della Giustizia ha presieduto una tavola rotonda all'interno del governo nel giugno 2021. 

Attualmente, l'Italia ha tre proposte. Uno utilizza la profilazione dell'intelligenza artificiale per identificare l'età dei bambini. Gli altri due si avvalgono della nazionale Sistema per l'Identità Digitale Pubblica. Attualmente le persone possono utilizzare il Sistema per l'Identità Digitale Pubblica per accedere ai servizi on line erogati dalla Pubblica Amministrazione. Questo potrebbe essere esteso per consentire ai genitori di autorizzare i propri figli ad avere accesso alle reti di social media. In alternativa, potrebbe richiedere ai genitori di fornire una password o un token temporanei per ottenere lo stesso risultato.

A partire da settembre 2021, a causa della formazione del nuovo governo italiano, non è chiaro se qualcuna di queste 3 soluzioni diventerà mai realtà.

Nuova ricerca di Telefono Azzurro

Nell'ambito della sua Programma di cittadinanza digitale, l'organizzazione no profit italiana Telefono Azzurro presenterà a breve i risultati di una nuova ricerca condotta in collaborazione con Doxa Kids sui diritti dei bambini nell'ambiente digitale. Bambini e adolescenti sono stati consultati su vari temi come le loro abitudini online e i rischi dell'ambiente digitale.

Ci sono state domande sull'impatto del COVID-19 sui loro diritti. La verifica dell'età è stata sollevata per scoprire se i giovani italiani sono favorevoli o contrari. Sono stati inoltre presi in considerazione la necessità di spazi digitali sicuri e il principio di non discriminazione. Ai giovani è stato chiesto quanto tempo trascorrono online. Un elemento chiave è stata l'importanza di rendere accessibili le hotline o le linee di assistenza tramite chat o funzioni di testo. La ricerca mostra che i bambini condividono foto e video online senza che gli venga chiesto di dare il loro consenso. I bambini considerano il loro diritto alla privacy uno dei più importanti diritti online. Allo stesso tempo è il diritto più frequentemente violato in Italia.

Posizione del Papa

Il Vaticano è un paese interamente situato all'interno di Roma. Già nel 2017, Papa Francesco, l'attuale leader della più grande religione del mondo, ha denunciato la proliferazione della pornografia per adulti e bambini su Internet. Il Papa ha chiesto migliori tutele per i bambini online. Ha fatto una dichiarazione storica alla conclusione del Congresso mondiale: Child Dignity in the Digital World chiamato La Dichiarazione di Roma

Stampa Friendly, PDF e Email