Memoria

Memoria e apprendimento

"Lo scopo della memoria non è di farci ricordare il passato, ma di anticipare il futuro. La memoria è uno strumento di previsione. "

- Alain Berthoz

Ecco due utili colloqui TED sul potere dell'apprendimento.

Il primo è del professore di Stanford Carol Dweck sul potere di credere che possiamo migliorare. Il suo punto è che "lo sforzo e la difficoltà" del tentativo significano che i nostri neuroni stanno creando nuove connessioni mentre stiamo imparando e migliorando. Questo è poi combinato con la forza di volontà per aiutare a costruire materia grigia / neuroni nella corteccia prefrontale.

Il secondo è di Angela Lee Duckworth e considera il ruolo di "grinta" nel creare successo.

Condizionamento pavloviano

L'apprendimento è un cambiamento nel comportamento derivante dall'esperienza. Ci aiuta ad adattarci al nostro ambiente. Il condizionamento classico è una forma di apprendimento che a volte viene chiamata "condizionamento pavloviano". Il ripetuto accostamento di suoni di campane con il cibo ha causato l'acquolina in bocca al cane di Pavlov al solo suono della campana. Altri esempi di condizionamento pavloviano potrebbero imparare a provare ansia:

1) Alla vista delle luci lampeggianti della polizia nel tuo specchietto retrovisore; o
2) Quando senti i suoni nello studio del dentista.

Un utente abituale di pornografia può condizionare l'eccitazione sessuale agli schermi, visualizzare determinati atti o fare clic da un video all'altro.

Questa sezione è basata sul materiale di "Il cervello dall'alto verso il basso"Una guida open source prodotta dalla McGill University in Canada. È altamente raccomandato se vuoi saperne di più.

L'apprendimento è un processo che ci consente di conservare informazioni acquisite, stati affettivi (emotivi) e impressioni che possono influenzare il nostro comportamento. L'apprendimento è l'attività principale del cervello, in cui questo organo modifica continuamente la propria struttura per riflettere meglio le esperienze che abbiamo avuto.

L'apprendimento può anche essere equiparato alla codifica, il primo passo nel processo di memorizzazione. Il suo risultato - la memoria - è la persistenza sia dei dati autobiografici sia della conoscenza generale.

Ma la memoria non è interamente fedele. Quando percepisci un oggetto, gruppi di neuroni in diverse parti del cervello elaborare le informazioni sulla sua forma, colore, odore, suono e così via. Il tuo cervello quindi disegna connessioni tra questi diversi gruppi di neuroni e queste relazioni costituiscono la tua percezione dell'oggetto. Successivamente, ogni volta che si desidera ricordare l'oggetto, è necessario ricostruire queste relazioni. L'elaborazione parallela che fa la corteccia per questo scopo, tuttavia, può alterare la memoria dell'oggetto.

Inoltre, nei sistemi di memoria del cervello, le informazioni isolate vengono memorizzate in modo meno efficace rispetto a quelle associate alle conoscenze esistenti. Più associazioni tra le nuove informazioni e le cose che già conosci, meglio imparerai. Ad esempio, ti sarà più facile ricordare che l'osso dell'anca è collegato all'osso della coscia, l'osso della coscia è collegato all'osso del ginocchio, se hai già una conoscenza di base dell'anatomia o conosci la canzone.

Gli psicologi hanno identificato una serie di fattori che possono influenzare l'efficacia della memoria.

1) Grado di vigilanza, prontezza, attenzione e concentrazione. Spesso si dice che l'attenzione sia lo strumento che incide le informazioni nella memoria. L'attenzione rapida è la base della neuroplasticità. I deficit di attenzione possono ridurre radicalmente le prestazioni della memoria. Troppo tempo sullo schermo può danneggiare la memoria di lavoro e produrre sintomi che imitano l'ADHD. Possiamo migliorare la nostra capacità di memoria facendo uno sforzo consapevole per ripetere e integrare le informazioni. Gli stimoli che promuovono inconsciamente la sopravvivenza fisica, come l'erotismo, non richiedono uno sforzo consapevole per essere seducenti. Richiede uno sforzo consapevole per continuare a vederlo sotto controllo.

2) Interesse, forza di motivazione, necessità o necessità. È più facile imparare quando il soggetto ci affascina. Quindi, la motivazione è un fattore che migliora la memoria. Alcuni giovani che non sempre fanno molto bene nei soggetti che sono costretti a frequentare a scuola hanno spesso una memoria fenomenale per le statistiche sui loro sport o siti web preferiti.

3) Valori affettivi (emotivi) associato al materiale da memorizzare, e il stato d'animo dell'individuo e intensità delle emozioni. Il nostro stato emotivo quando si verifica un evento può influenzare notevolmente la nostra memoria di esso. Quindi, se un evento è molto sconvolgente o eccitante, ne formeremo un ricordo particolarmente vivido. Ad esempio, molte persone ricordano dove si trovavano quando hanno appreso della morte della principessa Diana o degli attacchi di settembre 11, 2001. L'elaborazione di eventi carichi di emotività nella memoria coinvolge norepinefrina / noradrenalina, un neurotrasmettitore che viene rilasciato in grandi quantità quando siamo eccitati o tesi. Come ha detto Voltaire, ciò che tocca il cuore è inciso nella memoria.

4) Posizione, luce, suoni, odori... in breve, l'intero contesto in cui viene memorizzata la memorizzazione viene registrata insieme alle informazioni che vengono memorizzate. I nostri sistemi di memoria sono quindi contestuali. Di conseguenza, quando abbiamo difficoltà a ricordare un fatto particolare, potremmo essere in grado di recuperarlo ricordando dove lo abbiamo imparato o il libro o il sito web da cui lo abbiamo imparato. C'era una foto in quella pagina? Le informazioni erano in cima alla pagina o in fondo? Tali elementi sono chiamati "indici di richiamo". E poiché memorizziamo sempre il contesto insieme alle informazioni che stiamo imparando, richiamando questo contesto possiamo molto spesso, attraverso una serie di associazioni, richiamare l'informazione stessa.

La dimenticanza ci consente di eliminare l'enorme quantità di informazioni che elaboriamo ogni giorno, ma che il nostro cervello decide che non avrà bisogno in futuro. Sonno aiuta con questo processo.

<< L'apprendimento è la chiave Condizionamento sessuale >>

Stampa Friendly, PDF e Email