Dipen Shrestha / Agence France-Presse - Getty Images Nepal

Collegamento tra reati sessuali e pornografia?

adminaccount888 Ultime notizie

Mentre sempre più paesi assistono a un aumento delle aggressioni sessuali anno dopo anno, molti vedono un legame con l'aumento dell'uso della pornografia. Questo è un complesso soggetto. Negli Stati Uniti, sette stati hanno dichiarato la pornografia una crisi della sanità pubblica. La storia sotto dal New York Times è l'ultimo esempio di un paese che cerca di trovare una soluzione all'impatto sociale sempre più dannoso del porno e dei suoi collegamenti percepiti allo stupro di giovani donne e ragazze.

La soluzione del Nepal a più casi di stupro? Ban Pornografia

Di Bhadra Sharma e Kai Schultz

October 12, 2018

KATHMANDU, Nepal - Per mesi, il governo del Nepal ha faticato a contenere la rabbia dell'opinione pubblica per l'aumento delle aggressioni sessuali in questa piccola nazione himalayana - fino al 60 per cento negli ultimi cinque anni, dicono i funzionari.

Durante l'estate, è stato raggiunto un punto critico dopo lo stupro e l'uccisione di una ragazza di 13 nel Nepal occidentale. In tutto il paese, migliaia di persone dimostrato nelle strade e ha accusato la polizia di aver manomesso le prove per proteggere l'aggressore.

Sotto pressione, il governo tornò a una tattica che aveva tentato anni prima ma poi abbandonò: vietava la pornografia. Questa volta, ha aggiunto multe salate o pene detentive per i fornitori di servizi Internet che si rifiutano di conformarsi.

"Tirare giù tali siti web in Nepal è diventato necessario", leggi una dichiarazione ufficiale sul divieto.

Molti in Nepal hanno pensato diversamente.

Quasi con la stessa rapidità con cui il bando è stato annunciato, i notiziari hanno pubblicato editoriali bollenti che hanno caratterizzato la misura come "Una tattica diversiva per nascondere l'incompetenza del governo nel perseguire gli stupratori"E a "Tentativo errato di diffamazione e sesso da capro espiatorio".

I critici del divieto hanno messo in dubbio l'esistenza di un legame tra pornografia e numeri di assalto sessuale del Nepal, e se fosse addirittura possibile impedire alle persone di accedere ai siti web con la profusione di software di evasione firewall.

Diversi anni fa, un divieto di pornografia su piccola scala in Nepal si estinse in mezzo a una mancanza di controllo. La scorsa settimana, i dati sono stati diffusi da un famoso sito pornografico che era già stato bloccato dal nuovo divieto ha mostrato un rimbalzo nel traffico.

Binay Bohra, amministratore delegato di Vianet Communications, un grande fornitore di servizi Internet in Nepal, ha affermato che il divieto era impossibile, ma c'era poca scelta se non quella di conformarsi. Alcuni siti Web 20,000 sono già stati bloccati, ha detto, e ci sono ancora "milioni" in più da fare. "Le persone senza alcuna conoscenza tecnica stanno prendendo questa decisione", ha detto Binay Bohra, amministratore delegato di Vianet Communications a Kathmandu. "È impossibile bloccare tutto il contenuto pornografico su Internet."

"La spada di Damocle è appesa sopra le nostre teste", ha detto.

Mahendra Man Gurung, segretario del Ministero della comunicazione e dell'informatica del Nepal, che ha annunciato il divieto di pornografia, ha riconosciuto in un'intervista che il provvedimento "potrebbe non risolvere tutti i problemi".

Ma ha sostenuto che il divieto era semplicemente uno dei numerosi passi che sono stati presi per frenare l'aumento dei casi di crimini sessuali. All'inizio di quest'anno, il governo impostare un ufficio per affrontare le preoccupazioni sulla sicurezza delle donne. Le mansioni dello staff comprendono l'aiuto per accelerare i procedimenti giudiziari per i casi di stupro e il monitoraggio delle indagini sulle aggressioni sessuali.

"Il novantanove percento delle persone ha accolto con favore la decisione", ha detto Gurung del divieto di pornografia.

La pornografia è vietata o pesantemente filtrata in molti paesi, specialmente nei tratti del Nord Africa e del Medio Oriente, dove le conversazioni sulla limitazione dell'accesso online sono spesso incorniciato intorno alla religione.

La resistenza a queste restrizioni è anche comune. Quando il governo indiano ha incaricato i fornitori di servizi di 2015 di bloccare più siti Web pornografici 800, il bandire ha attirato i rimbrotti puntati da sostenitori della libertà di parola, alcuni dei quali hanno sostenuto che l'ordine parti violate della Costituzione indiana. Giorni dopo l'annuncio del bando, il governo lo rilassò.

Vi è un crescente corpo di ricerca che suggerisce una connessione tra consumo di pornografia e violenza sessuale, sebbene gli studi lo siano divergente.

Julia Long, l'autrice di "Anti-Porn: Il risorgere del femminismo anti-pornografia", ha scritto in a 2016 editoriale in The Washington Post che "ciò che verrebbe visto come violenza sessuale e brutalità in altri contesti è il punto di riferimento della pornografia".

Il blocco dei siti web pornografici non si traduce necessariamente in tassi di consumo più bassi, tuttavia. Con lo sviluppo di software come reti private virtuali o Tor, gli utenti possono aggirare più facilmente i firewall.

"Ogni volta che metti sottoterra un'industria legale - una con miliardi di utenti - spingi anche gli utenti legali in quegli spazi sotterranei", ha detto Alex Hawkins, portavoce del sito di pornografia xHamster, che è stato bloccato in Nepal sotto il divieto.

Hawkins ha affermato che milioni di utenti nei paesi in cui il sito è tecnicamente bloccato, tra cui la Thailandia, la Turchia e gli Emirati Arabi Uniti, continuano a trovare modi per visitare. In 2013, quando la Gran Bretagna ha incaricato un cosiddetto misura di attivazione, che ha richiesto agli utenti di ottenere l'accesso a materiale pornografico dai loro fornitori di servizi Internet, il traffico verso xHamster da parte degli utenti britannici è aumentato, ha affermato.

Nei giorni successivi al bando del Nepal, Hawkins ha detto che il suo team aveva osservato un calo temporaneo del traffico, ma la settimana scorsa i numeri erano in gran parte rimbalzati.

Il primo tentativo del governo nepalese di vietare la pornografia è arrivato in 2010, quando i funzionari hanno detto che molti cybercafes della capitale erano diventati luoghi di incontro illeciti per gruppi di uomini annoiati per guardare video osceni e pianificare i crimini. Alcuni siti Web pornografici 200 sono stati successivamente bloccati.

Bijaya Kumar Roy, direttore delle autorità di telecomunicazioni del governo nepalese, ha detto che il divieto 2010 ha funzionato per un po ', ma che, alla fine, la polizia ha spostato le priorità e i provider di Internet hanno allentato i filtri.

Questa volta, ha detto Roy, i fornitori di servizi Internet che non hanno seguito l'ordine sarebbero stati multati e avrebbero dovuto affrontare eventuali pene in base a una legge su Internet che comporta una condanna a cinque anni di prigione. Tutti i fornitori di servizi Internet 115 in Nepal sono stati contattati individualmente in merito al divieto, ha affermato, e i promemoria erano in arrivo.

Intorno a Kathmandu, tuttavia, la reazione sulla strada sembrava mista.

Sunita Ghimire, una venditrice di cibo di strada, ha pensato che il divieto fosse una buona mossa, dicendo che più bambini stavano diventando dipendenti da "cose ​​sporche" come l'uso di smartphone in Nepal. Balram Shrestha, il proprietario di un cybercafè, era meno convinto, definendo il bando "un altro annuncio populista" da parte di un governo corrotto che cercava di guadagnare denaro attraverso multe e tangenti.

"I politici hanno una sola gola pur avendo due bocche diverse", ha detto.

Amrita Lamsal, attivista per i diritti delle donne a Kathmandu, ha detto che il divieto non ha affrontato i problemi di una cultura in cui le donne si facevano sempre più avanti per denunciare aggressioni sessuali, il che può aiutare a spiegare i numeri in aumento, ma sono stati comunque accolti con nonchalance, sospetto o ostilità .

Nel caso della ragazza di 13 che è stata violentata e uccisa nel Nepal occidentale, la signora Lamsal ha messo in dubbio il motivo per cui le forze dell'ordine locali hanno lavato i vestiti della ragazza, che potrebbe aver contenuto le prove del DNA dell'attaccante, che non è stato ancora catturato . Ad agosto, quando i residenti nella zona si sono radunati per protestare contro l'omicidio, la polizia sparato tra la folla, uccidere un adolescente e ferire alcuni altri.

La signora Lamsal ha detto che il divieto della pornografia non è tanto una soluzione, quanto piuttosto una deviazione dai problemi più gravi.

"Polizia, polizia, polizia. Il problema è con la polizia ", ha detto. "La metà dei casi di stupro potrebbe essere eliminata se agissero con sincerità".

Bhadra Sharma ha riferito di Kathmandu e Kai Schultz di Nuova Delhi.
Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo