Marshall Ballantine Jones

Marshall Ballantine Jones

adminaccount888 Ultime notizie

Siamo stati lieti di ricevere il contatto del dottor Marshall Ballantine-Jones PhD dall'Australia 2 settimane fa al quale ha generosamente allegato una copia del suo Tesi di dottorato. Incuriositi dalla sua storia, alcuni giorni dopo abbiamo proseguito con una discussione su Zoom.

Marshall ci ha detto che dopo aver partecipato a un Summit nel 2016 sulla ricerca sugli effetti della pornografia su bambini e giovani, si è reso conto che non c'era accordo su quali interventi educativi i ricercatori dovrebbero concentrarsi in futuro: interventi educativi da parte dei genitori? Istruzione per i giovani utenti? O l'intervento dei loro coetanei? Di conseguenza, Marshall ha deciso di creare una propria serie di iniziative educative in tutte e tre le aree e di provarle su un buon gruppo di persone come base della sua tesi di dottorato.

La tesi si chiama "Valutare l'efficacia di un programma educativo per ridurre gli effetti negativi dell'esposizione alla pornografia tra i giovani". È stato presentato alla Facoltà di Medicina e Salute dell'Università di Sydney ed è un'eccellente recensione delle ultime ricerche in questo settore. Copre i danni mentali, fisici e sociali.

Marshall ha condotto uno studio iniziale per sviluppare un'indagine di riferimento sulla visione di materiale pornografico e sull'atteggiamento nei confronti della pornografia in un campione di 746 studenti delle scuole superiori del decimo anno, di età compresa tra 10 e 14 anni, provenienti da scuole indipendenti del New South Wales (NSW). L'intervento è stato un programma di sei lezioni, in linea con la sezione Salute ed educazione fisica dell'Australian National Curriculum, condotto su 16 studenti del decimo anno di scuole indipendenti del NSW, di età compresa tra 347 e 10 anni. Il programma è stato sviluppato dal ricercatore, in consultazione con insegnanti, genitori e studenti delle scuole superiori.

Conclusioni

“Il confronto dei dati pre e post intervento ha mostrato a aumento significativo di atteggiamenti sani legati alla pornografia, opinioni positive nei confronti delle donne e atteggiamenti responsabili nei confronti delle relazioni. Inoltre, gli studenti con comportamenti di visualizzazione regolari hanno aumentato i loro sforzi per ridurre la visualizzazione, aumentando il loro disagio per la visione di materiale pornografico in corso. Le studentesse hanno sperimentato una lieve riduzione dei comportamenti autopromozionali sui social media e della frequenza di visione della pornografia.

Ci sono state alcune prove che la strategia di coinvolgimento dei genitori ha aumentato le interazioni genitore-studente, mentre il coinvolgimento tra pari ha contribuito a ridurre l'influenza di una più ampia cultura dei pari. Gli studenti non hanno sviluppato comportamenti o atteggiamenti problematici dopo aver frequentato il corso. Gli studenti che guardavano regolarmente la pornografia avevano tassi più elevati di compulsività, che ha mediato i loro comportamenti di visualizzazione in modo tale che, nonostante l'aumento degli atteggiamenti contrari alla pornografiadisagio per la visione di materiale pornografico o sforzi per ridurre comportamenti indesideratila prevalenza di visione non si è ridotta. Inoltre, ci sono state tendenze di aumento delle tensioni nelle relazioni genitoriali maschili dopo le attività di coinvolgimento a casa e nelle relazioni tra pari delle donne dopo le discussioni tra pari o dai contenuti dell'insegnamento sui social media.

"Il programma è stato efficace nel ridurre una serie di effetti negativi derivanti dall'esposizione alla pornografia, dai comportamenti sessualizzati sui social media e dai comportamenti che si auto-promuovono sui social media, utilizzando le tre strategie di educazione didattica, coinvolgimento tra pari e attività dei genitori. Comportamenti compulsivi hanno ostacolato gli sforzi per ridurre la visione di pornografia in alcuni studenti, il che significa che potrebbe essere necessario un ulteriore aiuto terapeutico per supportare coloro che lottano per produrre un cambiamento comportamentale. Inoltre, il coinvolgimento di un adolescente con i social media può produrre tratti narcisistici in eccesso, influenzare l'autostima e alterare la loro interazione con la pornografia e comportamenti sessuali sui social media ".

Buone notizie

È una buona notizia che molti giovani spettatori possano essere aiutati da input educativi, ma è una cattiva notizia che coloro che sono diventati spettatori compulsivi non possono essere aiutati solo dall'istruzione. Ciò significa che l'intervento del governo, ad esempio attraverso una strategia di verifica dell'età, è essenziale. Significa anche che sono necessari più terapisti, quelli adeguatamente formati, speriamo, con una comprensione del potenziale compulsivo e di dipendenza della pornografia su Internet, dato quanto può essere l'uso compulsivo persistente della pornografia nei giovani utenti. È chiaro che occorre fare molto di più sia attraverso iniziative educative che attraverso la ricerca di ciò che è efficace nel ridurre la prevalenza dell'uso. Ci auguriamo che il nostro programmi di lezione propri  e guida dei genitori alla pornografia su Internet, entrambi gratuiti, contribuiranno a questo importante compito educativo.

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo