pornografia e comportamenti sessuali dannosi

Nuovi rapporti del governo britannico sulla pornografia e sui comportamenti sessuali dannosi

adminaccount888 Ultime notizie

La questione della violenza contro le donne e le ragazze nella società odierna è estremamente grave. I dati relativi alla violenza domestica, allo strangolamento sessuale non fatale e fatale e alle molestie sessuali generali continuano a crescere a un ritmo allarmante, soprattutto in condizioni di blocco. Due recensioni di letteratura recentemente pubblicate sul rapporto tra l'uso della pornografia e atteggiamenti e comportamenti sessuali dannosi per la prima volta hanno cercato il punto di vista dei lavoratori in prima linea che si occupano di coloro che hanno subito abusi e di coloro che abusano. Queste recensioni hanno rilevato quanto segue: che la maggior parte dei lavoratori in prima linea che si occupano di coloro che hanno subito abusi hanno citato spontaneamente la pornografia come fattore influente per atteggiamenti e comportamenti sessuali dannosi nei confronti di donne e ragazze. Le interviste sono state condotte con operatori in prima linea nei settori sociale, giudiziario e medico.

Tuttavia, dobbiamo porci la domanda: perché il governo del Regno Unito ha impiegato un anno dal completamento di questi rapporti nel febbraio 2020 alla loro pubblicazione nel 2021? Sicuramente non possiamo incolpare Covid-19 e Brexit per tutto. Questo ripetuto accantonamento del problema del porno da parte dei successivi governi del Regno Unito è un indicatore di quanto poco significano per loro donne e bambini? Prima la verifica dell'età per la legislazione sul porno è stata respinta nell'erba alta, ora questo ritardo nella pubblicazione di due importanti rapporti.

Opportunità perse

Sebbene questi rapporti siano utili per indicare la pornografia come fattore, rappresentano un'opportunità persa per il governo del Regno Unito di capire perché la pornografia è un fattore chiave di questi atteggiamenti e comportamenti dannosi. Questo perché le revisioni della letteratura commissionate erano basate solo sulla ricerca nel campo delle scienze sociali. La ricerca chiave sull'impatto della pornografia si trova nella letteratura sulla dipendenza comportamentale, dove si trova un legame tra il ridotto funzionamento del cervello esecutivo (che include la capacità di provare compassione per gli altri) e l'aumento del comportamento impulsivo.

Il primo rapporto

Il primo rapporto, preparato per l'Ufficio per le pari opportunità, è in corso La relazione tra l'uso della pornografia e atteggiamenti e comportamenti sessuali dannosi. È un utile riassunto di alcune ricerche sul campo.

"Lo scopo di questo rapporto è fornire prove primarie al Government Equality Office (GEO) sul rapporto tra uso di pornografia e comportamenti sessuali dannosi nei confronti delle donne, dal punto di vista di coloro che lavorano con individui che hanno esposto esibendo, questo comportamento. Poiché la natura delicata dell'argomento rende difficile lo studio sperimentale, questo rapporto si concentra sulle voci di coloro che lavorano sul campo al fine di comprendere appieno la questione. A tal fine, sono state condotte 20 interviste con operatori in prima linea nei settori sociale, giudiziario e medico.

Riepilogo dei risultati chiave:
  • La maggior parte dei lavoratori in prima linea ha menzionato spontaneamente la pornografia come un fattore influente per comportamenti sessuali dannosi nei confronti di donne e ragazze. Tutti lo hanno riconosciuto come un fattore quando è stato successivamente introdotto nella discussione.
  • I lavoratori in prima linea hanno evidenziato una serie di fattori che giocano un ruolo nei comportamenti sessuali dannosi nei confronti di donne e ragazze. L'interrelazione di questi fattori, inclusa la pornografia, contribuisce a un contesto favorevole che facilita questi comportamenti.

Il focus del rapporto è incentrato sulle esperienze e le opinioni di questi lavoratori in prima linea, che spesso riflettono molti anni nella loro attuale professione e / o in diversi ruoli all'interno del campo. Non rappresenta la prospettiva o le opinioni di prima mano delle persone ad alto rischio, né quelle delle donne che sono state perpetrate contro. Va notato che, poiché i clienti con cui lavorano i Frontline Workers hanno già manifestato comportamenti sessuali dannosi nei confronti di donne e ragazze, i clienti discussi non sono tipici della popolazione generale.

Un certo numero di lavoratori in prima linea ha descritto come i loro clienti fossero diventati insensibili ai contenuti sessuali che consumavano online, il che ha portato a un'escalation nel tipo di contenuti ricercati - a video che mostravano una sottomissione più estrema delle donne.

Fattori che influenzano gli atteggiamenti sessuali dannosi

Altri fattori influenti evidenziati dai lavoratori in prima linea come fattori che contribuiscono ad atteggiamenti e comportamenti sessuali dannosi nei confronti di donne e ragazze possono essere raggruppati in fattori a livello individuale, comunitario e sociale.

Per i fattori che hanno contribuito a livello individuale (come la preoccupazione sessuale, l'isolamento sociale e le esperienze infantili traumatiche avverse), la pornografia può fornire uno sbocco per recitare e calmarsi.

Per i fattori che contribuiscono a livello di comunità (come il machismo e le rigide norme di genere), la pornografia può alimentare le battute da "spogliatoio" e i principali simboli sociali di successo.

E per i fattori che contribuiscono a livello culturale (come i media sessualizzati e la mancanza di educazione / dialogo su relazioni sessuali sane), la pornografia può rafforzare e normalizzare i comportamenti sessuali e aggressivi e riflettere e alimentare narrazioni problematiche.

comportamenti sessuali dannosi
Il secondo rapporto

Il secondo rapporto è Il rapporto tra uso della pornografia e comportamenti sessuali dannosi e si occupa degli atteggiamenti e dei comportamenti dei maschi adulti. Questo sembra essere un contributo diretto più utile alla letteratura, in quanto poco è stato pubblicato sulla relazione tra uso della pornografia e comportamenti sessuali dannosi nei confronti delle donne, dal punto di vista di chi lavora con individui che hanno esposto, o sono a rischio di esibizione , questo comportamento.

Questa recensione ha trovato prove di una relazione influente tra l'uso della pornografia e atteggiamenti e comportamenti sessuali dannosi nei confronti delle donne. Sebbene la natura e la forza della relazione variano a seconda dello studio, la scoperta vale per più metodologie. Non è possibile stabilire un nesso causale diretto tra queste due variabili in quanto ciò richiederebbe condizioni di studio poco pratiche e non etiche (esposizione forzata alla pornografia). Il rapporto è più forte soprattutto per l'uso della pornografia violenta. I risultati suggeriscono che la pornografia, insieme a una serie di altri fattori, contribuisce a un contesto favorevole ai danni sessuali alle donne.

Ambito

Il focus di questa recensione è sull'uso legale della pornografia e sugli atteggiamenti e comportamenti legali, ma dannosi, nei confronti delle donne. Si concentra sugli atteggiamenti e sui comportamenti dei maschi adulti. Non sono state incluse le prove che indagano sull'uso della pornografia illegale, compresa la pornografia infantile.

Giudizio

Dalla letteratura esaminata, sono emersi quattro atteggiamenti e comportamenti chiave in cui vi è evidenza di una relazione influente tra l'uso della pornografia e atteggiamenti e comportamenti dannosi nei confronti di donne e ragazze:

Vedere le donne come oggetti sessuali

La revisione ha trovato prove di una relazione significativa tra l'uso dei media che oggettivizza le donne (che include la pornografia) e il vedere le donne come oggetti sessuali. Vedere le donne come oggetti sessuali era a sua volta correlato ad atteggiamenti dannosi nei confronti delle donne; in particolare, atteggiamenti a sostegno della violenza contro le donne.

Plasmare le aspettative sessuali degli uomini nei confronti delle donne

La letteratura esaminata ha mostrato l'influenza della pornografia nel fornire un modello per il comportamento sessuale effettivo. Questo se gli uomini si aspettano di interpretare interazioni violente e / o degradanti ritratte nella pornografia. Ci sono prove che l'uso della pornografia è associato a una maggiore probabilità di desiderare o impegnarsi in atti sessuali testimoniati nel porno e una maggiore probabilità di credere che le donne vogliano impegnarsi in questi atti specifici.

Accettazione dell'aggressione sessuale nei confronti delle donne

La revisione ha rilevato una significativa associazione positiva tra l'uso della pornografia e gli atteggiamenti a sostegno della violenza contro le donne, con questa relazione significativamente più alta per la pornografia sessualmente violenta.

Perpetrazione dell'aggressione sessuale

La revisione ha trovato prove di un'associazione tra la pornografia e una maggiore probabilità di commettere atti di aggressione sia verbali che fisici, con una correlazione significativamente più forte con l'uso della pornografia violenta. L'uso della pornografia violenta e la precedente esposizione all'abuso coniugale dei genitori erano i due predittori più forti di un primo atto sessualmente violento. È stato inoltre riscontrato che l'uso di pornografia violenta e degradante è significativamente associato a una ridotta volontà di auto-denunciata di intervenire in un potenziale atto di violenza sessuale.

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo