Sherrif Court e cacciatori di pedofili

I cacciatori pedofili falliscono

adminaccount888 Ultime notizie

Le prove ottenute da cacciatori di pedofili inammissibili come condotta sono state considerate "frode".

Questa storia viene dal Notizie legali scozzesi e mostra i limiti fissati dal sistema legale per proteggere il giusto processo.

Un uomo accusato di "sexting" di persone che credeva fossero bambini ha sfidato con successo l'offerta della Corona di condurre le prove raccolte da una coppia di cosiddetti "cacciatori di pedofili".

Uno sceriffo ha stabilito che le prove erano "inammissibili" perché i mezzi utilizzati per indurre l'imputato a impegnarsi in uno scambio di messaggi erano "frode".

Catturare predatori

Corte dello sceriffo di Dundee sentito che l'accusato "PHP"È stato accusato di tentata violazione delle sezioni 34 (1) e 24 (1) del Legge sui reati sessuali (Scozia) del 2009 inviando messaggi sessuali tramite i social media a persone che credeva fossero bambini rispettivamente di 14 e 12 anni, ma non esistevano bambini di questo tipo. 

L'accusato, a sua insaputa, avrebbe scambiato messaggi con "JRU" e "CW“, Entrambi adulti che vivono in Inghilterra, coinvolti in uno schema in cui fingevano di essere bambini nella speranza, nelle loro parole, di“ catturare predatori ”inducendoli a partecipare a messaggi sessuali. 

Si sono poi recati a Dundee per affrontare l'accusato, che doveva essere preso in custodia per la sua stessa protezione, è stato detto alla corte.

Tre minuti sono stati depositati per conto di PHP, contestando la competenza dell'accusa e l'ammissibilità delle prove ottenute.

Il verbale sulla questione della compatibilità affermava che le attività del signor U e della signora W interferivano con i diritti alla privacy dell'imputato ai sensi dell'articolo 8 del Convenzione europea dei diritti dell'uomoe che ammettere le loro prove al processo comporterebbe che il tribunale agisse in modo "incompatibile" con i suoi diritti umani.

Ricevibilità delle prove dei "cacciatori di pedofili"

Il minuto in base alle disposizioni del Legge del 2000 sul regolamento dei poteri investigativi (Scozia) (RIPSA) ha contestato l'ammissibilità di "tutte le prove della Corona" destinate ad essere condotte contro l'accusato sulla base del fatto che, in assenza di un'autorizzazione ai sensi del RIPSA per l'uso del signor U e della signora W come "fonti segrete di intelligence umana ", Le loro prove erano state" ottenute illegalmente "e dovrebbero essere considerate" inammissibili ".

L'eccezione al processo era nel senso che la raccolta di tali prove con mezzi segreti era intrappolata in un senso fattuale se non strettamente legale, e che l'affidamento a tali prove da parte della polizia e della Corona, che sarebbe stato considerato opprimente se avessero raccolse le prove stesse, era "opprimente", avrebbe offeso la coscienza pubblica e sarebbe stato un "affronto al sistema giudiziario".

Prove inammissibili

Lo sceriffo Alastair Brown ha respinto tali argomenti basati sull'articolo 8 CEDU e RIPSA, ma ha stabilito che le prove raccolte dal sig. U e dalla sig.ra W erano "inammissibili".

In una scritta Nota, Lo sceriffo Brown ha dichiarato: "Sono giunto alla conclusione che il regime gestito dal signor U e dalla signora W era illegale in tutte le fasi e, quindi, che i suoi risultati sono inammissibili come prova a meno che l'irregolarità coinvolta non sia giustificata. Non sono stato convinto che dovrebbe essere scusato.

“In breve, ciò che hanno fatto il signor U e la signora W è stata una frode. Hanno fatto una falsa pretesa (sull'identità e le caratteristiche della persona che gestisce l'account), consapevolmente (e, di conseguenza, disonestamente) al fine di ottenere un risultato pratico (vale a dire, per indurre le persone aperte alla tentazione di impegnarsi nella messaggistica). La loro condotta conteneva quindi tutti gli elementi del reato di frode. 

"Avendo indotto la persona presunta Minuter a scambiarsi messaggi elettronici, si sono poi proposti di indurlo a continuare lo scambio di messaggi fino a quando, a loro avviso, non si fosse comportato in un modo che avrebbe potuto tradursi in un sostanziale pena detentiva. Lo hanno fatto mantenendo la falsa pretesa e invitandolo a continuare ".

Condotta inaccettabile dei cacciatori di pedofili

Lo sceriffo ha descritto la loro condotta come "calcolata e manipolativa". 

Ha continuato: “Il signor U si è poi recato a Dundee, con altri due uomini, per affrontare il Minuter e ciò ha reso necessario che la polizia lo portasse in una stazione di polizia per la sua sicurezza. Tali scontri hanno il potenziale per gravi disordini pubblici e, in alcune circostanze, costituiranno il crimine di violazione della pace. 

“Era il desiderio del signor U di ottenere una fotografia, che avrebbe pubblicato su Internet con una didascalia in cui si affermava che il Minuter era stato arrestato per sospetti reati sessuali su minori. Poiché è probabile che una persona arrestata compaia in tribunale il giorno successivo, la pubblicazione di una tale fotografia e didascalia rischia di interferire con l'amministrazione della giustizia e potrebbe talvolta equivalere a oltraggio alla corte ".

Norma di legge

Lo sceriffo Brown ha anche respinto il suggerimento che i due agissero in "buona fede".

“Inoltre”, ha aggiunto, “a mio avviso ci sono forti considerazioni di politica pubblica che militano contro la giustificazione dell'irregolarità implicita in questo tipo di casi. A dire il vero, la criminalità su Internet è un problema serio, sebbene sia molto più complesso di quanto il signor U e la signora W. sembrassero riconoscere. 

“La polizia scozzese lo prende sul serio. Ma la polizia è un'attività qualificata e professionale che dovrebbe essere lasciata alla polizia. Gli agenti di polizia lavorano nell'ambito di un attento schema di regolamentazione e ispezione e sono democraticamente responsabili. Quando si tratta di polizia segreta, operano all'interno di un quadro normativo attentamente costruito che esiste per la protezione del pubblico nel suo insieme. 

"Scusare le irregolarità in quanto accade in questi casi significherebbe incoraggiare coloro che sono inclini a perseguire tale azione a pensare di poter operare al di fuori di qualsiasi struttura normativa, a pensare di poter operare al di fuori della legge, a pensare di poter operare senza dover osservare i limiti attentamente ponderati che il legislatore ha applicato alla polizia (che pretende di aiutare) e pensare che possono manipolare i tribunali per imporre condanne. 

“Ciò sarebbe contrario al più ampio interesse pubblico per lo Stato di diritto. Di conseguenza, ho deciso di sostenere l'obiezione all'ammissibilità delle prove al punto da escludere le prove del signor U e della signora W. come irricevibili ".

Copyright © Scottish Legal News Ltd 2019

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo