scheda informativa sui danni al porno

Scheda informativa di Porn Harms

adminaccount888 Ultime notizie

Questo è un foglio informativo davvero utile per coloro che desiderano conoscere le ultime ricerche sui porno harms di 2017-2019. È stato compilato da John Foubert, Ph.D, LLC negli Stati Uniti, ricercatore e autore di "Come danneggia il porno: cosa devono sapere adolescenti, giovani adulti, genitori e pastori".

John ha organizzato i danni in sezioni su pornografia e violenza, funzionamento sessuale, contenuto della pornografia, salute mentale, religione e adolescenti. Si conclude con un elenco completo dei documenti a cui ha fatto riferimento.

Dr Foubert presenterà una versione di questo al Vertice di coalizione per eliminare lo sfruttamento sessuale a Washington DC giovedì 13 giugno 2019.

Danni causati dalla violenza
  1. La pornografia descrive abitualmente l'oggettivazione e la violenza contro le donne. Queste immagini creano aspettative sessuali anormali, portando a fare avance sessuali indesiderate, che possono portare alla violenza (Sun, Ezzell e Kendall, 2017).
  2. Il consumo di pornografia da parte degli uomini influisce sulle loro opinioni sulle donne in modi misurabili, inclusi, ma non limitati a, oggettivazione, accettazione del maltrattamento sessuale delle donne e avanzamenti sessuali indesiderati verso le donne (Mikorski e Syzmanski, 2017; Wright e Bae, 2015).
  3. È più probabile che l'uso della pornografia conduca alla violenza sessuale quando la pornografia è particolarmente violenta, quando l'individuo ha il sostegno dei pari per la violenza sessuale e quando l'individuo è ipermascolino ed enfatizza il sesso impersonale (Hald & Malamuth, 2015). 
  4. Rispetto ai non utenti, quelli esposti a forme più morbide di pornografia hanno una maggiore accettazione del mito dello stupro e una maggiore probabilità di commettere stupro (Romero-Sanchez, Toro-Garcia, Horvath e Megias, 2017).
  5. Quando un uomo è già predisposto all'aggressione in altri regni, la pornografia violenta è particolarmente influente nel produrre un aumento dell'aggressività sessuale (Baer, ​​Kohut e Fisher, 2015).
Danni causati dall'osservazione della violenza
  1. Guardare la pornografia porta spesso ad atti di violenza sessuale o comportamenti sessuali rischiosi come più partner e rapporti sessuali non protetti (Van Oosten, Jochen e Vandenbosch, 2017).
  2. I minori che abusano di minorenni 21 riferiscono di aver difficoltà a controllare il loro uso di pornografia e spesso citano tale uso come un fattore che porta al loro abuso di altri bambini (McKibbin et al., 2017). 
  3. Le caratteristiche degli uomini che sono associate a una maggiore probabilità di vedere la pornografia infantile includono il fatto di fare sesso con un maschio, ritenere seducenti la percezione dei bambini, avere amici che hanno guardato la pornografia con bambini, uso frequente della pornografia, tendenze aggressive superiori alla media guardare la pornografia violenta e assumere comportamenti sessualmente coercitivi (Seto, Hermann, Kjellgren, Priebe, Svedin e Langstrom, 2015). 
  4. Uno dei motivi per cui l'uso della pornografia è collegato a comportamenti sessualmente coercitivi è che gli spettatori iniziano a sviluppare copioni sessuali che implicano la coercizione e quindi cercano di recitarli nella vita reale (Marshall, Miller e Bouffard, 2018). I danni imitano il porno.
  5. Tra gli uomini ad alto rischio di commettere atti di aggressione sessuale, guardare la pornografia violenta o la pornografia con bambini aumenta il rischio di commettere aggressioni sessuali, aggiungendo essenzialmente carburante al fuoco che hanno per aver commesso violenza sessuale. In alcuni casi, guardare la pornografia funge da punto di svolta che porta una persona a rischio che potrebbe non recitare a farlo effettivamente (Malamuth, 2018).  
  6. Più uomini e donne guardano la pornografia, meno è probabile che intervengano per aiutare a prevenire un'aggressione sessuale (Foubert & Bridges, 2017). 
Danni al funzionamento sessuale
  1. Le persone che guardano la pornografia sperimentano livelli ridotti di soddisfazione sessuale e sperimentano la disfunzione erettile a tassi più elevati rispetto a coloro che non guardano regolarmente la pornografia (Wery & Billieux, 2016).
  2. I consumatori abituali di pornografia riportano livelli inferiori di soddisfazione per le loro prestazioni sessuali, domande sulla loro virilità, livelli inferiori di autostima e più problemi di immagine corporea (Sun, Bridges, Johnson, & Ezzell, 2016).
  3. Più persone vedono pornografia, meno sono sessualmente soddisfatte (Wright, Bridges, Sun, Ezzell e Johnson, 2017). 
  4. Con l'aumento dell'uso della pornografia, le persone fanno sesso più rischioso, più sesso non consensuale e meno intimità sessuale (Braithwaite, Coulson, Keddington e Fincham, 2015).
  5. Le donne i cui partner usano il porno sono meno soddisfatte sessualmente, della loro relazione in generale e del loro corpo (Wright e Tokunaga, 2017).
Danni dal contenuto della pornografia
  1. Negli ultimi dieci anni i livelli di porno violento, pornografico, pornografia con bambini e atti razzisti rappresentati nel porno sono aumentati in modo esponenziale (DeKeseredy, 2015).  
  2. Durante l'ultimo decennio, l'interesse per la pornografia con adolescenti (sopra e sotto l'età del consenso) è aumentato in modo significativo (Walker, Makin e Morczek, 2016).
  3. È molto probabile che le interpreti femminili nei videoclip pornografici esprimano piacere quando l'aggressività (come sculacciate, penetrazione vaginale o anale forzata e bavaglio forzato) è diretta verso di loro; soprattutto se l'artista è un adolescente. Tali video perpetuano l'idea che alle donne piaccia essere soggette a comportamenti sessuali aggressivi e umilianti (Shor, 2018). I danni vengono trasformati in un positivo dall'industria del porno.
  4. Su un solo sito di pornografia, 42 miliardi di visitatori hanno avuto accesso alla pornografia nel 2019. Le visite giornaliere al sito ora superano i 100 milioni. Il sito registra 962 ricerche al secondo. Ogni minuto 63,992 nuovi visitatori accedono al suo contenuto (pornhub.com).
  5. Più la pornografia degradante guarda gli uomini, più è probabile che oggettivino le donne in quella pornografia (Skorska, Hodson & Hoffarth, 2018). 
Danni alla salute mentale
  1. L'uso della pornografia è associato a una minore soddisfazione nelle relazioni, relazioni meno strette, più solitudine e più depressione (Hesse & Floyd, 2019).
  2. Le donne che usano la pornografia hanno maggiori probabilità di avere opinioni false o stereotipate sullo stupro e sono più consapevoli del proprio corpo (Maas & Dewey, 2018).
  3. In uno studio che esamina le scansioni cerebrali dei maschi, i neurologi hanno scoperto che l'attività cerebrale tra gli utenti di pornografia pesante mostrava una dipendenza comportamentale, molto simile alla dipendenza da sostanze e gioco d'azzardo (Gola, Wordecha, Sescousse, Lew-Starowicz, Kossowski, Wypych, Makeig, Potenza e Marchewka, 2017).
  4. Le donne i cui partner usano la pornografia hanno maggiori probabilità di avere disturbi alimentari (Tylka e Calogero 2019).
  5. Gli uomini che hanno livelli elevati di utilizzo della pornografia hanno meno probabilità di sposarsi rispetto agli uomini con livelli di utilizzo moderati (Perry & Longest, 2018). 
  6. Più una persona sposata consuma la pornografia, meno è soddisfatta di essere nel loro matrimonio (Perry, 2016).
Danni legati alla religione
  1. Più spesso gli uomini guardano la pornografia, meno si impegnano per la loro religione. Oltre a questo danno, più spesso gli uomini guardano la pornografia, meno è probabile che mantengano una posizione di leadership nella loro congregazione durante i successivi 6 anni (Perry, 2018).
  2. Più gli uomini sono religiosi, meno frequentemente usano la pornografia. E meno frequentemente usano la pornografia, meno è probabile che molestino sessualmente le donne online (Hagen, Thompson e Williams, 2018).  
  3. Più il coniuge è religioso, meno vedono la pornografia. L'autore dello studio suggerisce che la religiosità sponsale può diminuire la visione della pornografia tra gli americani sposati promuovendo una maggiore intimità religiosa e unità tra la coppia, riducendo di conseguenza l'interesse o le opportunità di vedere la pornografia (Perry, 2017).
Danni agli adolescenti
  1. Gli studi iniziali mostrano che il cervello dell'adolescente è più sensibile al materiale sessualmente esplicito rispetto al cervello adulto (Brown & Wisco, 2019).
  2. Una revisione degli studi di 19 ha scoperto che gli adolescenti che guardano pornografia online hanno maggiori probabilità di impegnarsi in comportamenti sessuali rischiosi e avere ansia o depressione (Principi et al., 2019).
  3. Tra gli adolescenti, l'uso della pornografia aumenta con l'età, soprattutto con i ragazzi. Gli adolescenti che frequentano spesso servizi religiosi hanno meno probabilità di vedere la pornografia (Rasmussen & Bierman, 2016).
  4. Gli adolescenti che usano la pornografia hanno maggiori probabilità di commettere violenza sessuale (Peter e Valkenburg, 2016; Ybarra e Thompson, 2017).
  5. Gli adolescenti che usano la pornografia hanno maggiori probabilità di avere rapporti familiari disturbati (Peter e Valkenburg, 2016). 
  6. Gli uomini che riferiscono di aver usato la pornografia durante l'adolescenza seguita dal consumo quotidiano di pornografia spesso passano alla visualizzazione di contenuti estremi, inclusa la violenza, per mantenere l'eccitazione. Nel corso del tempo questi uomini diventano meno interessati al rapporto fisico in quanto è visto come blando e poco interessante. Gli uomini quindi perdono la capacità di fare sesso con un partner nella vita reale. Alcuni che rinunciano alla pornografia sono riusciti a "riavviare" con successo e hanno riacquistato la capacità di avere erezioni con un partner (Begovic, 2019).
  7. I ragazzi che vedono la pornografia hanno maggiori probabilità di essere coinvolti nel sexting, inviando messaggi e immagini sessualmente espliciti (Stanley et al., 2016).
  8. La visione regolare da parte dei ragazzi della pornografia è associata ad un aumento della coercizione e degli abusi sessuali (Stanley et al., 2016). 
  9. Nelle persone di età compresa tra 10 e 21 anni, l'esposizione continua alla pornografia violenta porta a molestie sessuali, aggressioni sessuali, sesso coercitivo, tentato stupro e stupro (Ybarra & Thompson, 2017). 
  10. Gli adolescenti che usano la pornografia riferiscono di aver diminuito la soddisfazione della vita (Willoughby, Young-Petersen e Leonhardt, 2018).
Minore soddisfazione di vita e altri danni tra gli adolescenti
  1. Gli adolescenti che vedono la pornografia diventano meno religiosi nel tempo (Alexandraki et al., 2018). 
  2. Gli adolescenti che vedono la pornografia hanno maggiori probabilità di essere stati aggrediti sessualmente (Alexandraki et al., 2018).
  3. I ragazzi che guardano regolarmente alla pornografia hanno maggiori probabilità di perpetrare aggressioni sessuali (Alexandraki et al., 2018).
  4. Più spesso gli adolescenti vedono la pornografia, più è probabile che frequentino meno frequentemente le funzioni religiose, minore è la loro fede per loro, meno frequentemente pregano e si sentono vicini a Dio e più dubbi religiosi hanno (Alexandraki et al. , 2018).
  5. Gli adolescenti che sono più attaccati ai leader religiosi hanno livelli più bassi di consumo di pornografia (Alexandraki et al., 2018). 
  6. Gli adolescenti che vedono frequentemente la pornografia hanno anche maggiori probabilità di avere problemi di relazione con i loro coetanei (Alexandraki, et al., 2018).
  7. I ragazzi che usano frequentemente la pornografia hanno maggiori probabilità di essere sovrappeso o obesi (Alexandraki et al., 2018).
  8. Gli adolescenti che usano la pornografia spesso hanno relazioni peggiori con i genitori, un minore impegno nei confronti della famiglia, credono che i genitori si preoccupino meno di loro e comunichino meno con i genitori (Alexandraki et al., 2018).
  9. Gli adolescenti che guardano la pornografia hanno maggiori probabilità di iniziare l'attività sessuale in tenera età. Questo inizio precoce dell'attività sessuale è dovuto ad atteggiamenti più permissivi verso il sesso occasionale che sono direttamente collegati al loro uso della pornografia (Van Oosten, Jochen e Vandenbosch, 2017).  
  10. Chiedere agli adolescenti se usano la pornografia non ha alcun effetto sul fatto che accederanno effettivamente alla pornografia in futuro (Koletic, Cohen, Stulhofer e Kohut, 2019).

Referenze

Alexandraki, K., Stavropoulos, V., Anderson, E., Latifi, MQ e Gomez, R. (2018). Uso della pornografia adolescenziale: una revisione sistematica della letteratura sulle tendenze della ricerca 2000-2017. Current Psychiatry Reviews 14 (47) doi.org/10.2174/2211556007666180606073617.

Baer, ​​JL, Kohut, T. e Fisher, WA (2015). L'uso della pornografia è associato all'aggressione sessuale contro le donne? Riesame del modello di confluenza con considerazioni sulla terza variabile. The Canadian Journal of Human Sexuality, 24 (2), 160-173.

Begovic, H. (2019) La pornografia ha indotto la disfunzione erettile tra i giovani uomini. Dignity: A Journal on Sexual Exploitation and Violence, 4 (1), Article 5. DOI: 10.23860 / dignity.2019.04.01.05

Braithwaite, S., Coulson, G., Keddington, K. e Fincham, F. (2015). L'influenza della pornografia sui copioni sessuali e sui rapporti tra adulti emergenti al college. Archivi di comportamento sessuale, 44 (1), 111-123

Brown, JA e Wisco, JJ (2019). I componenti del cervello dell'adolescente e la sua sensibilità unica al materiale sessualmente esplicito. Journal of Adolescence, 72, 10-13.

DeKeseredy, WS (2015). Comprensione criminologica critica della pornografia e dell'abuso di donne: nuove direzioni progressiste nella ricerca e nella teoria. International Journal for Crime, Justice and Social Democracy, 4, 4-21.

Foubert, JD & Bridges, AJ (2017). Qual è l'attrazione? Comprensione delle differenze di genere nei motivi per guardare la pornografia in relazione all'intervento degli astanti. Journal of Interpersonal Violence, 32 (20), 3071-3089.

Gola, M. Wordecha, M., Sescousse, G., Lew-Starowicz, M., Kossowski, B., Wypch, M., Makeig, S., Potenza, MN & Marchewka, A. (2017). La pornografia può creare dipendenza? Uno studio fMRI su uomini in cerca di cure per l'uso problematico della pornografia. Neuropsyhopharmacology, 42 (10), 2021-2031.

Hagen, T., Thompson, MP e Williams, J. (2018). La religiosità riduce l'aggressività e la coercizione sessuale in una coorte longitudinale di studenti universitari: ruoli di mediazione delle norme dei pari, promiscuità e pornografia. Journal for the Scientific Study of Religion, 57, 95-108.

Hald, G. e Malamuth, M. (2015). Effetti sperimentali dell'esposizione alla pornografia: l'effetto moderatore della personalità e l'effetto di mediazione dell'eccitazione sessuale. Archivi di comportamento sessuale, 44 (1), 99-109.

Hesse, C. & Floyd, K. (2019). Sostituzione affettiva: l'effetto del consumo di pornografia sulle relazioni strette. Journal of Social and Personal Relationships. DOI: 10.1177 / 0265407519841719.

Koletic, G., Cohen, N., Stulhofer, A. e Kohut, T. (2019). Chiedere agli adolescenti informazioni sulla pornografia li induce a usarla? Un test dell'effetto domanda-comportamento. Journal of Sex Research, 56 (2), 1-18.

Maas, MK e Dewey, S. (2018). Uso della pornografia su Internet tra le donne collegiali: atteggiamenti di genere, monitoraggio del corpo e comportamento sessuale. SAGE Open, DOI: 10.1177 / 2158244018786640.

Malamuth, NM (2018). "Aggiungere benzina al fuoco"? L'esposizione ad adulti non consenzienti o alla pornografia infantile aumenta il rischio di aggressione sessuale? Aggressività e comportamento violento, 41, 74-89.

Marshall, EA, Miller, HA e Bouffard, JA (2018). Colmare il divario teorico: utilizzare la teoria del copione sessuale per spiegare la relazione tra l'uso della pornografia e la coercizione sessuale. Journal of Interpersonal Violence, DOI: 10.1177 / 0886260518795170.

McKibbin, G., Humphreys, C. e Hamilton, B. (2017). "Parlare di abusi sessuali su minori mi avrebbe aiutato": I giovani che hanno abusato sessualmente riflettono sulla prevenzione di comportamenti sessuali dannosi. Child Abuse & Neglect, 70, 210-221.

Mikorski, RM e Szymanski, D. (2017). Norme maschili, gruppo di pari, pornografia, Facebook e oggettivazione sessuale delle donne da parte degli uomini. Psicologia degli uomini e della mascolinità, 18 (4), 257-267.

Perry, SL (2018). In che modo l'uso della pornografia riduce la partecipazione alla leadership della congregazione: una nota di ricerca. Review of Religious Research, DOI: 10.1007 / s13644-018-0355-4.

Perry, SL (2017). Religiosità sponsale, legame religioso e consumo di pornografia. Archivi di comportamento sessuale, 46 (2), 561-574.

Perry, SL (2016). Di male in peggio? Consumo di pornografia, religiosità sponsale, genere e qualità coniugale. Forum sociologico, 31 (2), 441-464.

Perry, S. & Longest, K. (2018). Uso della pornografia e ingresso nel matrimonio durante la prima età adulta: risultati di uno studio condotto su giovani americani. Archivi di comportamento sessuale, DOI: 10.31235 / osf.io / xry3z

Peter, J., e Valkenburg, P. (2016). Adolescenti e pornografia: una rassegna di 20 anni di ricerca. The Journal of Sex Research, 53 (4-5), 509-531.

Pornhub.com (2019). https://www.pornhub.com/insights/2018-year-in-review

Principi, N., Magnoni, P., Grimoldi, L., Carnevali, D.Cavazzana, L. & Pellai, A. (2019). Consumo di materiale Internet sessualmente esplicito e suoi effetti sulla salute dei minori: ultime evidenze dalla letteratura. Minerva Pediatrics, doi: 10.23736 / S0026-4946.19.05367-2.

Rasmussen, K. & Bierman, A. (2016). In che modo la frequenza religiosa plasma le traiettorie dell'uso della pornografia nell'adolescenza? Journal of Adolescence, 49, 191-203.

Romero-Sánchez, M., Toro-Garcia, V., Horvath, MAH e Megias, JL (2015). Più di una rivista: esplorare i link

tra le riviste maschili, l'accettazione del mito dello stupro e la propensione allo stupro. Journal of Interpersonal Violence, 1-20. doi: 10.1177 / 0886260515586366

Seto, MC, Hermann, CA, Kjellgren, C., Priebe, G., Sveden, C. & Langstro, N. (2014). Visualizzazione della pornografia infantile: prevalenza e correlazioni in un campione comunitario rappresentativo di giovani uomini svedesi. Archivi di comportamento sessuale, 44 (1), 67-79.

Shor, E. (2018). Età, aggressività e piacere nei popolari video pornografici online. Violenza contro le donne, DOI: 10.1188 / 1077801218804101.

Skorska, MN, Hodson, G. & Hoffarth, MR (2018). Effetti sperimentali dell'esposizione degradante rispetto a quella della pornografia erotica negli uomini sulle reazioni verso le donne (oggettivazione, sessismo, discriminazione). The Canadian Journal of Human Sexuality, 27 (3), 261-276.  

Stanley, N., Barter, C., Wood, M., Aghtaie, N., Larkins, C., Lanau, A., & Overlien, C. (2018). Pornografia, coercizione e abuso sessuale e sexting nelle relazioni intime dei giovani: uno studio europeo. Journal of Interpersonal Violence, 33 (19), 2919-2944.

Sun, C., Bridges, A., Johnson, J., & Ezzell, M. (2016). Pornografia e copione sessuale maschile: un'analisi del consumo e dei rapporti sessuali. Archivi di comportamento sessuale, 45 (4), 995-995.

Sun, C, Ezzell, M., Kendall, O. (2017). Nuda aggressività: il significato e la pratica dell'eiaculazione sul viso di una donna. Violenza contro le donne, 23 (14) 1710-1729.

Tylka, TL e Calogero, RM (2019). Percezione della pressione del partner maschile per essere magri e uso di pornografia: associazioni con sintomatologia del disturbo alimentare in un campione di comunità di donne adulte International Journal of Eating Disorders, doi: 10.1002 / eat.22991.

Van Oosten, J., Jochen, P. e Vandenbosch, L. (2017). Uso sessuale dei media da parte degli adolescenti e disponibilità a praticare sesso occasionale: relazioni differenziali e processi sottostanti. Ricerca sulla comunicazione umana, 43 (1), 127-147.

Walker, A., Makin, D. e Morczek, A. (2016). Alla ricerca di Lolita: un'analisi comparativa dell'interesse per la pornografia orientata ai giovani. Sessualità e cultura, 20 (3), 657-683.

Wery, A. e Billieux, J. (2016). Attività sessuali online: uno studio esplorativo di modelli di utilizzo problematici e non problematici in un campione di uomini. Computer in Human Behavior, 56 (marzo), 257.

Willoughby, B., Young-Petersen, B. e Leonhardt, N. (2018). Esplorare le traiettorie dell'uso della pornografia attraverso l'adolescenza e l'emergere dell'età adulta. The Journal of Sex Research, 55 (3), 297-309.

Wright, P. e Bae, J. (2015). Uno studio prospettico nazionale sul consumo di pornografia e sugli atteggiamenti di genere nei confronti delle donne. Sessualità e cultura, 19 (3), 444-463.

Wright, PJ, Bridges, AJ, Sun, Ch, Ezzell, M. & Johnson, JA (2018). Visione di pornografia personale e soddisfazione sessuale: un'analisi quadratica. Journal of Sex & Marital Therapy, 44, 308-315.

Wright, PJ e Tokunaga, RS (2017). La percezione delle donne del consumo di pornografia dei loro partner maschi e della soddisfazione relazionale, sessuale, personale e corporea: verso un modello teorico. Annals of the International Communication Association, 42 (1), 55-73.

Ybarra, M. e Thompson, R. (2017). Prevedere l'emergere della violenza sessuale nell'adolescenza. Scienza della prevenzione: The Official Journal of the Society for Prevention Research. DOI 10.1007 / s11121-017-0810-4

Se vuoi tornare al sorgente per questo, vedi: https://www.johnfoubert.com/porn-research-fact-sheet-2019

Ecco un elenco precedente di articoli pubblicati su 2016. https://www.johnfoubert.com/porn-research-fact-sheet

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo