Simon Bailey BBC

Simon Bailey: il porno guida la violenza contro donne e ragazze

adminaccount888 Ultime notizie

L'ex capo della polizia Simon Bailey è apparso su BBC Radio 4 Il mondo in uno con Sarah Montague, 11 novembre 2021

Come capo della polizia di Norfolk ha guidato le operazioni di polizia nazionale del Regno Unito contro gli abusi sui minori. Ora ha importanti commenti da fare sul modo in cui il porno sta influenzando la nostra società, e non in meglio.

Trascrizione

(alcune parole non erano chiare)

Sarah Montague (SM – Presentatrice BBC): Ora l'ex capo della polizia Simon Bailey (SB) ci ha detto che l'accesso degli adolescenti alla pornografia sta portando i giovani uomini ad abusare delle giovani donne e sta guidando la misoginia nella società. Di recente si è dimesso da Consiglio nazionale dei capi di polizia guida sulla protezione dei bambini e ascolteremo quell'intervista tra un momento. Ma prima, come abbiamo riportato alcune settimane fa, il 90% di tutti i quattordicenni ha visto una sorta di pornografia secondo il Brook Centre. Qualche settimana fa, mi sono seduto a un corso sulla pornografia in una scuola nel sud di Londra e ho sentito un gruppo di quattordicenni...

SM: Quanti anni avevi quando hai visto per la prima volta una qualsiasi forma di pornografia?

Ragazzo: avevo 10 anni.

SM: Avevi 10 anni. E come ti sei trovato?

Ragazzo: Stavo guardando qualcosa su un normale sito web... ed era un pop-up.

SM: Come ti sei sentito quando l'hai visto? Sei rimasto un po' scioccato?

Ragazzo: Sì, lo ero. Quando avevo 10 anni non sapevo nemmeno che quella roba fosse su Internet.

SM: Ma è quello che mi chiedevo, ragazzi. Quando ci si imbatte per la prima volta, perché come adesso a 14 anni, tutti voi avete già visto qualcosa. Vorresti non averlo visto?

Gruppo: Sì, sento che cambia davvero la tua prospettiva su come vedi le donne, e penso che tutti debbano avere questo aspetto, questa donna è così.

SM; E vorresti anche non averlo visto, allora? Avresti cosa, ti sarebbe piaciuto essere più vecchio?

Tutti: Sì.

Ragazza: Avrei solo voluto non averlo visto...

Ragazzo: Mi piacerebbe sperimentarlo di persona.

-

Sarah Montague (in studio): Beh, quando la McGill University ha studiato i video popolari su Pornhub, l'88% di questi includeva aggressioni fisiche, cose come soffocamento e stupro. Ho chiesto all'ex capo della polizia Simon Bailey, che ora è il presidente dell'Istituto di polizia per la regione orientale dell'Anglia Ruskin University, cosa vedesse la polizia come conseguenza del fatto che i bambini vedessero la pornografia.

Simon Bailey: Lo vediamo in un modo in cui si stanno formando le relazioni, lo vediamo molto, molto chiaramente attraverso le 54,000 testimonianze che ora sono state condivise sul sito web "Tutti sono invitati". Penso che lo stiamo vedendo nei contenuti sui social media e lo stiamo vedendo in ciò che ho percepito essere, la misoginia che ora sta pervadendo la società più in generale.

SM: Hai elencato un sacco di cose lì...

SB: Uh-huh.

SM: Diresti che è dovuto o contribuito alla pornografia?

SB: Penso che sia un fattore che contribuisce, e ci sono una serie di prove che dimostrano che c'è un numero sempre crescente di bambini, giovani, che guardano la pornografia. Possono farlo senza che sia richiesta alcuna forma di verifica dell'età, e questo è quindi inquadrare e modellare i loro pensieri sulle relazioni, sul sesso e, dal mio punto di vista personale, sta avendo un effetto davvero dannoso sui giovani, su come i ragazzi in particolare trattano i giovani donne, e non credo che dobbiamo guardare troppo oltre a quello che ha trovato anche l'ispezione OFSTED attraverso Amanda Spielman quando sono andate a scuola e c'è quel riconoscimento che c'è un problema reale.

SM: Voglio dire, ci sono rapporti che alcune ragazze che dicono che quando hanno baciato un ragazzo, il ragazzo si allunga per iniziare a mettergli le mani intorno alla gola, che è qualcosa che viene dalla pornografia, si immagina.

SB: Sì, non vedo da dove altro potrebbero ricevere quel tipo di guida, o l'idea che questo sia normale, quando non è normale. Sono comportamenti preoccupanti e preoccupanti. Il porno sta inquadrando la vita dei giovani uomini in un modo che, non sospetto, avessimo mai immaginato, ma penso che ora dobbiamo riconoscere che, in realtà è presente, è lì. Penso che le statistiche dimostrino già che è stato visto più frequentemente durante un periodo di blocco e, a meno che non ci sia uno sforzo concertato per regolamentare l'accesso dei bambini alla pornografia, per assicurarsi che l'istruzione nelle scuole affronti davvero questo problema e i genitori iniziano a diventare più a mio agio con ciò che avrei sempre riconosciuto e discusso con i genitori, è una conversazione difficile. Ma in realtà, quelle conversazioni devono aver luogo e devono aver luogo ora.

SM: Hai parlato del sito web “Everyone's Invited”, dove le donne, i giovani adolescenti, registrano spesso le loro esperienze di abuso per mano di uomini.

S.B.: Sì.

SM: Hai descritto il porno come un fattore che contribuisce. Pensi che sia il fattore principale?

SB: Sì, penso che lo sia. Le prove che stiamo vedendo ora suggerirebbero che è il fattore principale e devi solo leggere alcune delle testimonianze di "Tutti sono invitati" solo per vedere, quello che percepirei come qualcosa che l'aggressore ha visto in un film pornografico, un video, che stanno poi recitando nella vita reale.

SM: Quindi, quando si tratta di cosa si può fare al riguardo, hai delle risposte?

SB: La conversazione deve iniziare a casa, e stiamo iniziando a vedere alcune prove che dove i genitori sono coinvolti con i loro figli e figlie, sta avendo un effetto positivo. E in particolare, con l'aumento davvero preoccupante del numero di ragazze che condividono l'immaginario autogenerato di se stesse, nude. Sono quelle tendenze preoccupanti in cui i genitori devono diventare veramente consapevoli di questo. Hanno bisogno di avere conversazioni con i loro figli in tenera età.

Ciò deve essere rafforzato a scuola, nel modo giusto, fornito dalle persone giuste, e penso che ci sia una questione molto più ampia che in realtà dice: la società ora deve affrontare l'orrore dell'omicidio di Sarah da parte di Wayne Couzens, e in realtà c'è un grosso problema per la società intorno all'intera questione della violenza contro le donne e le ragazze. E quando guardi ciò che le persone stanno vedendo online, penso che ci sia un collegamento, e penso che la pornografia stia guidando alcuni di questi comportamenti davvero riguardanti.

SM: Quindi cosa fai con coloro che stanno realizzando questo materiale e lo mettono online?

SB: Beh, ci sono un certo numero di fornitori responsabili di porno che ora riconoscono che in realtà non vogliono che i bambini vedano il materiale sui loro siti e riconoscono che è loro responsabilità fermarlo. Ora, naturalmente, è più facile a dirsi che a farsi. Il governo si è avvicinato alla verifica dell'età, quindi ha deciso che non era il momento giusto. Penso che debba essere rivisitato, e questo è un passo importante. E riconosco assolutamente che ci saranno bambini in grado di aggirare questo problema, ma in realtà se lo rendi molto più difficile di quanto non sia attualmente, servirà da deterrente.

SM: Su quella verifica dell'età, dice il governo, guarda, potremmo aver abbandonato apertamente la verifica dell'età, ma miriamo allo stesso effetto nel modo in cui proponiamo di farlo.

SB: Secondo me, Sarah, non può essere giusto che, se a 14 anni, vuoi scommettere su un cavallo, non puoi perché gli allibratori online sono tenuti a verificare l'età di chi piazza la scommessa, ma come un 14 -year-old puoi trovare molto rapidamente, in due o tre clic, la pornografia hardcore. Questo, penso, dovrebbe essere motivo di preoccupazione per tutti noi e riconosco che non è infallibile, ma dovremmo renderlo molto più difficile.

SM: E quale dovrebbe essere la sanzione per qualsiasi piattaforma o provider porno, dove viene dimostrato che i giovani adolescenti possono accedere al materiale?

SB: Naturalmente, questo fa tutto parte del white paper di Online Harms, e ora sta attraversando lo sviluppo del disegno di legge. Quindi, penso che sia ancora un po' lontano, prima che il disegno di legge diventi legge, ma in realtà c'è quella conversazione che si sta svolgendo ora che, poiché abbiamo discusso un corpo crescente di prove che dovrebbero davvero darci tutti una causa per preoccupazione.

SM: Simon Bailey. Abbiamo chiesto al governo un'intervista su cosa faranno per affrontare il problema. Hanno detto "no", ma il dipartimento per la cultura, i media e lo sport ha affermato in una dichiarazione che la legge sulla sicurezza online proteggerà i bambini dalla stragrande maggioranza della pornografia online. E, sebbene non imponga l'uso di tecnologie specifiche, l'autorità di regolamentazione OFCOM adotterà un approccio solido ai siti che presentano i maggiori rischi di danno e che potrebbe includere raccomandare l'uso di tecnologie di verifica dell'età o di verifica. Bene, non sarete sorpresi di sapere che è un argomento su cui torneremo in questo programma.

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo