i social media utilizzano SMU

Social media e depressione

adminaccount888 Ultime notizie

Negli ultimi anni si è parlato molto del fatto che l'uso dei social media (SMU) sia collegato alla depressione. Questo nuovo studio sull'American Journal of Preventive Medicine suggerisce che potrebbe essere. Guardiamo l'uso dei social media nel nostro programma di lezioni gratuite su Sexting, pornografia e cervello adolescente. Abbiamo guardato molto alla depressione Effetti mentali del porno.

Questo nuovo studio ha esaminato 990 americani di età compresa tra 18 e 30 anni che non erano depressi all'inizio dello studio. Li ha poi testati sei mesi dopo. Utilizzo di base dei social media:

“È stato fortemente e indipendentemente associato allo sviluppo della depressione durante i successivi 6 mesi. Tuttavia, non c'era alcuna associazione tra la presenza di depressione al basale e un aumento della SMU nei 6 mesi successivi ".

Il documento prosegue affermando che:

“Ci sono 3 principali ragioni concettuali per cui la SMU può essere correlata allo sviluppo della depressione. Uno è che SMU richiede molto tempo. In questo campione, il partecipante medio ha utilizzato circa 3 ore di social media al giorno, in linea con le stime nazionali. Pertanto, può darsi che questa grande quantità di tempo sposti le attività che possono essere più utili all'individuo, come formare relazioni di persona più importanti, raggiungere veri obiettivi o anche semplicemente avere momenti di preziosa riflessione.

“Un secondo motivo per cui la SMU può essere correlata allo sviluppo della depressione riguarda il confronto sociale. Per i giovani adulti, che si trovano in un momento critico per quanto riguarda lo sviluppo dell'identità, l'esposizione a immagini irraggiungibili sui siti di social media può facilitare le cognizioni depressive.

“Una terza ragione è che l'esposizione costante alle rappresentazioni sui social media può interferire con i normali processi neurocognitivi dello sviluppo. Ad esempio, i percorsi tradizionali relativi allo sviluppo delle relazioni sociali, come la cognizione sociale, la cognizione autoreferenziale e l'elaborazione della ricompensa sociale, implicano un'interazione complessa tra più aree cerebrali come la corteccia prefrontale dorsomediale, la corteccia prefrontale mediale e lo striato ventrale.

“Sebbene la ricerca in quest'area sia preliminare, è possibile che le caratteristiche contestuali della SMU, come il ciclo rapido di questi processi cognitivi e di ricompensa, possano interferire con il normale sviluppo, che a sua volta può facilitare lo sviluppo di condizioni come la depressione. Sono necessarie ulteriori ricerche in quest'area per valutare questi possibili meccanismi ".

Conclusioni

Questo studio fornisce i primi dati su larga scala che indagano sulla direzionalità della SMU e della depressione. Trova forti associazioni tra SMU iniziale e successivo sviluppo di depressione ma nessun aumento di SMU dopo la depressione. Questo modello suggerisce associazioni temporali tra SMU e depressione, un criterio importante per la causalità. Questi risultati suggeriscono che i professionisti che lavorano con pazienti depressi dovrebbero riconoscere la SMU come un fattore di rischio emergente potenzialmente importante per lo sviluppo e il possibile peggioramento della depressione (enfasi aggiunta).

Una copia completa di Associazioni temporali tra uso dei social media e depressione è ora disponibile in accesso aperto.

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo