Premiato logo di notizie

Edizione speciale maggio 2021

Benvenuti a tutti all'ultima edizione di Rewarding News. È stato un periodo impegnativo per noi parlare con scuole, gruppi professionali che si occupano di bambini e giovani e preparare risposte alle consultazioni governative in patria e all'estero. Tuttavia in questa edizione ci concentriamo sulla partenza di uno dei titani del movimento per educare le persone sui danni del porno, Gary Wilson. Forniamo anche un aggiornamento su ciò che il governo del Regno Unito sta facendo o non fa per proteggere i bambini dai danni di una facile esposizione a materiale hardcore. Avrai un ruolo da svolgere nell'andare avanti. Sono disponibili anche alcune nuove ricerche chiave. Sentiti libero di contattarmi, Mary Sharpe, a mary@rewardfoundation.org per inviare richieste per qualsiasi cosa tu voglia vederci coprire. 

Gary è andato

Notizie premianti di Gary Wilson

È con la massima tristezza che annunciamo la morte del nostro amato amico e collega, Gary Wilson. È deceduto il 20 maggio 2021 a seguito di complicazioni dovute alla malattia di Lyme. Lascia la moglie Marnia, il figlio Arion e il caro cane Smokey. Il comunicato stampa è qui: L'autore di best seller Your Brain on Porn, Gary Wilson, è morto

Oltre ad essere solo una delle persone più riflessive, intelligenti e spiritose che abbiamo mai conosciuto, Gary è speciale per noi perché il suo lavoro è stato l'ispirazione per la nostra organizzazione di beneficenza The Reward Foundation. Eravamo così motivati ​​dal suo famoso discorso TEDx "The Great Porn Experiment"Nel 2012, ora con oltre 14 milioni di visualizzazioni, che volevamo diffondere la conoscenza e la speranza che il suo lavoro ha portato a coloro che lottano consapevolmente o inconsapevolmente con l'uso problematico della pornografia. Era un pensatore originale e un gran lavoratore. Soprattutto, era un coraggioso difensore della verità scientifica. Lo ha fatto di fronte all'opposizione dei fanatici guidati dall'agenda che negavano gli effetti del porno sul cervello.

Insegnante e ricercatore dotato

Gary era il nostro responsabile della ricerca onorario. È stato coautore con 7 medici della US Navy sul seminale "La pornografia su Internet sta causando disfunzioni sessuali? Una revisione con rapporti clinici ”. Il documento ha avuto più punti di vista di qualsiasi altro articolo nella storia della prestigiosa rivista, Behavioral Sciences. È stato anche autore del citato "Elimina l'uso cronico della pornografia su Internet per rivelarne gli effetti (2016). In qualità di insegnante dotato con un senso dell'umorismo secco, ha reso facile l'apprendimento. Gary si è offerto volentieri del suo tempo per aiutarci con varie presentazioni e programmi di lezione. Ha aiutato tutti coloro che hanno cercato la sua assistenza. Ci mancherà profondamente.

Gary è stata la prima persona ad attirare pubblicamente l'attenzione sulla natura potenzialmente avvincente della pornografia su Internet in quel discorso TEDx nel 2012. La tecnologia e l'accesso alla pornografia si sono sviluppati a un ritmo vertiginoso negli anni successivi. Allo stesso tempo, la pornografia ha catturato sempre più persone. Tra gli utenti di pornografia i tassi di disfunzioni sessuali sono saliti alle stelle di anno in anno. Questo aumento si è verificato insieme a un drammatico calo della libido e della soddisfazione sessuale con partner reali.

Il tuo cervello su Porn

Tale è stata la popolarità del discorso TEDx che Gary è stato incoraggiato da molti ad aggiornarlo sotto forma di un libro. Questo è diventato "Your Brain on Porn - Internet Pornography and the Emerging Science of Addiction". È il libro più venduto della sua categoria su Amazon. La seconda edizione copre il disturbo del comportamento sessuale compulsivo (CSBD). L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha ora incluso il CSBD come disturbo del controllo degli impulsi nella Classificazione internazionale delle malattie (ICD-11). I principali ricercatori e medici hanno anche considerato la misura in cui i tipi e modelli di uso della pornografia possono essere classificati come un "altro disturbo specificato a causa di comportamenti di dipendenza" nell'ICD-11. Recente dati biologici suggeriscono che l'uso della pornografia e i comportamenti sessuali compulsivi possono essere meglio classificati come dipendenze piuttosto che come disturbi del controllo degli impulsi. Quindi Gary aveva ragione ed era estremamente preveggente nella sua stima degli effetti della pornografia.

Il suo libro è ora disponibile nella sua seconda edizione in brossura, Kindle e come e-book. Il libro ora ha traduzioni in tedesco, olandese, arabo, ungherese, giapponese e russo. Diverse altre lingue sono in cantiere.

Memoriale di Gary

Suo figlio Arion sta costruendo un sito web commemorativo. Puoi leggere i commenti qui: Commenti. E invia il tuo qui, se lo desideri, anche in forma anonima: La vita di Gary Wilson. La sezione dei commenti del memoriale è una vera testimonianza di quante vite ha toccato in modo positivo. Molte persone hanno detto che ha letteralmente salvato loro la vita.

Il suo lavoro vivrà attraverso noi e molti altri che fanno parte del crescente esercito di persone che riconoscono quali danni può portare l'uso disinformato e casuale della pornografia. Il suo lavoro porta speranza alle innumerevoli migliaia di persone che soffrono con la consapevolezza che, rimuovendo il porno dalle loro vite, possono non solo guarire il loro cervello, ma mettere le loro vite su una base migliore che mai. Grazie, Gary. Sei un vero eroe dei giorni nostri. Ti vogliamo bene.

Si prega di sostenere questa revisione giudiziaria contro il governo del Regno Unito

Crowd Justice gratificante notizie bambino
Ioannis e Ava

Vuoi proteggere i bambini dalla pornografia hardcore? Per favore contribuisci a questo azione finanziata dal crowdfunding. Offriamo il nostro tempo e i nostri servizi gratuitamente, oltre a contribuire finanziariamente.

Un tipo speciale di azione giudiziaria chiamata revisione giudiziaria è stata intentata contro il governo del Regno Unito per la sua mancata attuazione della Parte 3 del Digital Economy Act 2017 (DEA). Un controllo giudiziario è il processo di contestazione della legittimità delle decisioni delle autorità pubbliche, di solito del governo locale o centrale. Il tribunale ha un ruolo di "supervisione" per assicurarsi che il decisore agisca legalmente. Pensa alla "proroga" in vista della Brexit.

Un governo conservatore ha introdotto la DEA ed è stata approvata da tutti i partiti in entrambe le Camere. Eppure, come vedrai dalla storia sopra, Boris Johnston l'ha ritirato una settimana prima che fosse implementato e reso legge. Nessuno ha previsto la pandemia, ma l'effetto della mancata attuazione di questo atto ha significato che innumerevoli milioni di bambini hanno avuto facile accesso alla pornografia hardcore durante il blocco mentre erano bloccati a casa annoiati con poco più di Internet per divertirli. Pornhub, durante questo periodo ha persino offerto gratuitamente i loro siti premium solitamente costosi come un modo per incoraggiare i nuovi utenti.

sfondo

Ci sono due ricorrenti in questa azione giudiziaria. Primo, Ioannis, padre di 4 figli, uno dei quali era stato esposto alla pornografia su un dispositivo scolastico. Nelle settimane precedenti l'incidente, Ioannis e sua moglie avevano notato un netto cambiamento nel comportamento del figlio. Inizialmente lo hanno semplicemente attribuito al possibile stress che avrebbe potuto provare durante la pandemia di covid. Alcune delle cose che hanno notato sono state: isolamento, comportamento aggressivo nei confronti dei fratelli, perdita di interesse per le cose che amava. Dopo la telefonata della scuola, i genitori si sono resi conto che i cambiamenti di comportamento erano direttamente legati all'accesso alla pornografia.

La seconda attrice è una giovane donna di nome Ava. Nel marzo 2021, Ava ha iniziato a raccogliere testimonianze di giovani studenti sulle molestie sessuali e la violenza che avevano subito da parte degli studenti di una scuola maschile indipendente locale. La risposta è stata immensa; ragazze di 12 anni si mettevano in contatto con lei per descrivere nel dettaglio le proprie esperienze di cultura dello stupro e il trattamento incredibilmente dannoso di cui avevano subito a scuola. Ha messo queste testimonianze in un lettera aperta al preside della scuola chiedendogli di affrontare questa cultura della misoginia e di mettere in atto misure pratiche per far sentire i sopravvissuti supportati

La lettera ha ora raggiunto più di 50,000 persone solo su Instagram. È stato descritto su BBC News, Sky News, ITV News e in tante altre testate.

Non tardare

Se non attuiamo questa legislazione, c'è il serio rischio che il nuovo disegno di legge sulla sicurezza online non copra i siti di pornografia commerciale, l'obiettivo di questa legislazione. Anche se alla fine lo coprirà, ci vorranno almeno 3 anni prima che veda la luce del giorno. La migliore linea d'azione per proteggere i bambini è implementare subito la Parte 3 della DEA. Il governo può colmare eventuali lacune con il nuovo disegno di legge sulla sicurezza online in un secondo momento.

Informazioni chiave per genitori, insegnanti e responsabili politici

Notizie premianti di Marshall Ballantine-Jones

Siamo stati lieti di ricevere il contatto del dottor Marshall Ballantine-Jones PhD dall'Australia 2 settimane fa al quale ha generosamente allegato una copia del suo Tesi di dottorato. Incuriositi dalla sua storia, alcuni giorni dopo abbiamo proseguito con una discussione su Zoom.

Marshall ci ha detto che dopo aver partecipato a un Summit nel 2016 sulla ricerca sugli effetti della pornografia su bambini e giovani, si è reso conto che non c'era accordo su quali interventi educativi i ricercatori dovrebbero concentrarsi in futuro: interventi educativi da parte dei genitori? Istruzione per i giovani utenti? O l'intervento dei loro coetanei? Di conseguenza, Marshall ha deciso di creare una propria serie di iniziative educative in tutte e tre le aree e di provarle su un buon gruppo di persone come base della sua tesi di dottorato.

La tesi si chiama "Valutare l'efficacia di un programma educativo per ridurre gli effetti negativi dell'esposizione alla pornografia tra i giovani". È stato presentato alla Facoltà di Medicina e Salute dell'Università di Sydney ed è un'eccellente recensione delle ultime ricerche in questo settore. Copre i danni mentali, fisici e sociali.

Marshall ha condotto uno studio iniziale per sviluppare un'indagine di riferimento sulla visione di materiale pornografico e sull'atteggiamento nei confronti della pornografia in un campione di 746 studenti delle scuole superiori del decimo anno, di età compresa tra 10 e 14 anni, provenienti da scuole indipendenti del New South Wales (NSW). L'intervento è stato un programma di sei lezioni, in linea con la sezione Salute ed educazione fisica dell'Australian National Curriculum, condotto su 16 studenti del decimo anno di scuole indipendenti del NSW, di età compresa tra 347 e 10 anni. Il programma è stato sviluppato dal ricercatore, in consultazione con insegnanti, genitori e studenti delle scuole superiori.

Conclusioni

“Il confronto dei dati pre e post intervento ha mostrato a aumento significativo di atteggiamenti sani legati alla pornografia, opinioni positive nei confronti delle donne e atteggiamenti responsabili nei confronti delle relazioni. Inoltre, gli studenti con comportamenti di visualizzazione regolari hanno aumentato i loro sforzi per ridurre la visualizzazione, aumentando il loro disagio per la visione di materiale pornografico in corso. Le studentesse hanno sperimentato una lieve riduzione dei comportamenti autopromozionali sui social media e della frequenza di visione della pornografia.

Ci sono state alcune prove che la strategia di coinvolgimento dei genitori ha aumentato le interazioni genitore-studente, mentre il coinvolgimento tra pari ha contribuito a ridurre l'influenza di una più ampia cultura dei pari. Gli studenti non hanno sviluppato comportamenti o atteggiamenti problematici dopo aver frequentato il corso. Gli studenti che guardavano regolarmente la pornografia avevano tassi più elevati di compulsività, che ha mediato i loro comportamenti di visualizzazione in modo tale che, nonostante l'aumento degli atteggiamenti contrari alla pornografiadisagio per la visione di materiale pornografico o sforzi per ridurre comportamenti indesideratila prevalenza di visione non si è ridotta. Inoltre, ci sono state tendenze di aumento delle tensioni nelle relazioni genitoriali maschili dopo le attività di coinvolgimento a casa e nelle relazioni tra pari delle donne dopo le discussioni tra pari o dai contenuti dell'insegnamento sui social media.

"Il programma è stato efficace nel ridurre una serie di effetti negativi derivanti dall'esposizione alla pornografia, dai comportamenti sessualizzati sui social media e dai comportamenti che si auto-promuovono sui social media, utilizzando le tre strategie di educazione didattica, coinvolgimento tra pari e attività dei genitori. Comportamenti compulsivi hanno ostacolato gli sforzi per ridurre la visione di pornografia in alcuni studenti, il che significa che potrebbe essere necessario un ulteriore aiuto terapeutico per supportare coloro che lottano per produrre un cambiamento comportamentale. Inoltre, il coinvolgimento di un adolescente con i social media può produrre tratti narcisistici in eccesso, influenzare l'autostima e alterare la loro interazione con la pornografia e comportamenti sessuali sui social media ".

Buone notizie

È una buona notizia che molti giovani spettatori possano essere aiutati da input educativi, ma è una cattiva notizia che coloro che sono diventati spettatori compulsivi non possono essere aiutati solo dall'istruzione. Ciò significa che l'intervento del governo, ad esempio attraverso una strategia di verifica dell'età, è essenziale. Significa anche che sono necessari più terapisti, quelli adeguatamente formati, speriamo, con una comprensione del potenziale compulsivo e di dipendenza della pornografia su Internet, dato quanto può essere l'uso compulsivo persistente della pornografia nei giovani utenti. È chiaro che occorre fare molto di più sia attraverso iniziative educative che attraverso la ricerca di ciò che è efficace nel ridurre la prevalenza dell'uso. Ci auguriamo che il nostro programmi di lezione propri  e guida dei genitori alla pornografia su Internet, entrambi gratuiti, contribuiranno a questo importante compito educativo.

Bolletta per la sicurezza online - Proteggerà i bambini dal porno hardcore?

Bambino

In vista delle elezioni generali del 2019, il governo del Regno Unito ha accantonato la parte 3 del Digital Economy Act 2017 una settimana prima della data prevista di attuazione. Questa era la tanto attesa legislazione sulla verifica dell'età e significava che le garanzie promesse per proteggere i bambini dal facile accesso alla pornografia Internet hardcore non si materializzavano. La ragione fornita all'epoca era che volevano includere siti di social media e siti di pornografia commerciale poiché molti bambini e giovani trovavano materiale pornografico lì. La nuova legge sulla sicurezza online è ciò che stanno offrendo a tal fine.

Il seguente blog per gli ospiti è di un esperto mondiale sulla sicurezza online dei bambini, John Carr OBE. In esso analizza esattamente ciò che il governo propone in questo nuovo disegno di legge sulla sicurezza online annunciato nel discorso della regina per il 2021. Sarai sorpreso se no, deluso.

Il discorso della regina

La mattina dell'11 maggio è stato pronunciato il discorso della regina e pubblicato. Nel pomeriggio, Caroline Dinenage MP è apparsa davanti al Comitato per le comunicazioni e il digitale della Camera dei Lord. La sig.ra Dinenage è il ministro di Stato responsabile di quello che ora è stato ribattezzato "Bolletta per la sicurezza online". In risposta a una domanda di Lord Lipsey, lei disse quanto segue (scorrere fino a 15.26.50)

"(il disegno di legge) proteggerà i bambini non solo catturando i siti di pornografia più visitati, ma anche la pornografia sui siti di social media ”.

Questo semplicemente non è vero.

Come attualmente redatto, si applica il disegno di legge sulla sicurezza online - esclusivamente. a siti o servizi che consentono l'interattività dell'utente, vale a dire siti o servizi che consentono interazioni tra utenti o che consentono agli utenti di caricare contenuti. Questi sono quelli che vengono comunemente intesi come siti o servizi di social media. Tuttavia, alcuni dei file “I siti di pornografia più visitati"O già non consentono l'interattività dell'utente o potrebbero facilmente sfuggire alle grinfie della legislazione scritta in questo modo semplicemente vietandola in futuro. Ciò non influirebbe in alcun modo significativo sul loro modello di business principale, se non del tutto.

Potevi quasi sentire i tappi di champagne scoppiettare negli uffici di Pornhub in Canada.

Ora scorri in avanti fino alle 12.29.40 circa dove dice anche il ministro

"(Secondo una ricerca pubblicata dalla BBFC nel 2020) solo il 7% dei bambini che hanno avuto accesso alla pornografia lo ha fatto attraverso siti porno dedicati ... anche i bambini che cercavano intenzionalmente pornografia lo hanno fatto prevalentemente attraverso i social media"

Come i bambini accedono alla pornografia

Anche questo è semplicemente falso, come mostra questa tabella:

accesso intenzionale dei minori alla pornografia

Quanto sopra è tratto dalla ricerca condotta per il BBFC da Rivelare la realtà (e nota cosa dice nel corpo del rapporto sui bambini che vedono porno online prima avevano raggiunto l'età di 11 anni). Tieni a mente la tabella mostra le tre percorsi chiave all'accesso alla pornografia infantile. Non sono esaustivi o esclusivi l'uno dell'altro. Un bambino potrebbe aver visto porno su o tramite un motore di ricerca, un sito di social media e un sito porno dedicato. Oppure potrebbero aver visto porno sui social media una volta, ma visitano Pornhub ogni giorno. 

I siti di pornografia commerciale sfuggiranno all'inclusione?

altre ricerche pubblicato la settimana prima del discorso della regina ha esaminato la posizione dei ragazzi di 16 e 17 anni. È emerso che mentre il 63% ha affermato di essersi imbattuto nel porno sui social media, il 43% ha affermato di averlo fatto anche visitato siti web porno.

La parte 3 del Digital Economy Act 2017 trattava principalmente di "Siti di pornografia più visitati". Questi sono quelli commerciali, del calibro di Pornhub. Nello spiegare il motivo per cui il governo non ha implementato la parte 3 e ora intendeva abrogarla, sono rimasto sorpreso di sentire il ministro dire che era dovuto alla parte 3 cadere vittima del "Velocità del cambiamento tecnologico" in quanto non aveva incluso siti di social media.

Il ministro crede davvero che la questione del porno sui siti di social media sia emersa come una questione seria solo negli ultimi quattro anni circa? Sono quasi tentato di dirlo "Se è così, mi arrendo".

Quando il progetto di legge sull'economia digitale è stato approvato dal Parlamento, i gruppi di bambini e altri hanno fatto pressioni per l'inclusione dei siti di social media, ma il governo ha categoricamente rifiutato di approvarlo. Non menzionerò al momento in cui la parte 3 ricevette il consenso reale, Boris Johnson era un ministro di gabinetto nel governo conservatore dell'epoca. Né alluderò a quelle che credo siano le vere ragioni per cui i conservatori non volevano procedere con alcuna forma di restrizione al porno online prima che le elezioni generali sulla Brexit fossero tolte.

Il Segretario di Stato e Julie Elliott in soccorso

Due giorni dopo la comparsa del ministro di Stato nei Lord, il comitato ristretto DCMS della Camera dei comuni ha incontrato con il Segretario di Stato Oliver Dowden MP. Nel suo contributo (scorrere in avanti fino a 15: 14.10) Julie Elliott MP è andata dritta al punto e ha chiesto al signor Dowden di spiegare perché il governo aveva scelto di escludere i siti di pornografia commerciale dall'ambito del disegno di legge.

Il Segretario di Stato ha detto di ritenere il rischio maggiore dei bambini "Inciampare" sulla pornografia avveniva tramite i siti di social media (vedi sopra), ma se ciò è vero o meno "Inciampare" non è l'unica cosa che conta qui, in particolare per i bambini molto piccoli.

Ha anche detto lui "Creduto" il "preponderanza" di siti di pornografia commerciale do avere contenuti generati dagli utenti su di essi, quindi sarebbero inscrivibili. Non ho mai visto alcuna prova a sostegno di tale affermazione, ma vedi sopra. Pochi clic del mouse da parte del proprietario del sito potrebbero rimuovere gli elementi interattivi. È probabile che i ricavi rimangano sostanzialmente inalterati e in un solo limite i commercianti di pornografia si libererebbero dei costi e dei problemi di dover introdurre la verifica dell'età come unico modo significativo per limitare l'accesso dei bambini.

Come è potuto accadere?

Il Ministro e il Segretario di Stato sono stati informati male o semplicemente non hanno colto e capito le istruzioni che sono state fornite? Qualunque sia la spiegazione, si tratta di uno stato di cose notevole, vista la grande attenzione che questo argomento ha ricevuto nei media e in Parlamento nel corso di diversi anni.

Ma la buona notizia è che Dowden ha detto che se a "Commisurato" si è potuto trovare il modo per includere il tipo di siti che erano stati precedentemente trattati dalla Parte 3, quindi era disposto ad accettarlo. Ci ha ricordato che ciò potrebbe emergere dal processo di controllo congiunto che inizierà a breve.

Sto raggiungendo la mia matita proporzionata. Lo tengo in un cassetto speciale.

Bravo Julie Elliott per aver ottenuto il tipo di chiarezza di cui tutti abbiamo bisogno.

Stampa Friendly, PDF e Email