Pornografia per la verifica dell'età Francia

United Kingdom

L'urgente necessità di introduzione della verifica dell'età rimane in cima all'agenda politica del Regno Unito. La pressione deriva dall'aumento dell'accesso a Internet dei bambini durante la pandemia. Ci sono anche segnalazioni di abusi sessuali e molestie nelle scuole. Molti di questi sono stati collegati alla disponibilità illimitata di pornografia online.

Il governo del Regno Unito ha pubblicato il progetto di legge sulla sicurezza online, attualmente in fase di esame pre-legislativo. Il disegno di legge mira a raggiungere gli obiettivi del Digital Economy Act Part 3 (che abroga) in termini di protezione dei bambini dalla pornografia online. Regola inoltre il più ampio ecosistema online. I siti interessati avranno un "dovere di diligenza" nei confronti dei loro utenti. Devono introdurre misure per prevenire la diffusione di contenuti illegali e per proteggere gli utenti da contenuti "legali, ma dannosi". Tuttavia, c'è qualche incertezza su quanto sarà efficace il disegno di legge nell'affrontare la pornografia online. Molte parti interessate rimangono preoccupate.

La pornografia è coperta? Non inizialmente

Come originariamente redatto, l'ambito di applicazione del nuovo disegno di legge è limitato ai "servizi di ricerca" e ai "servizi da utente a utente". Sebbene un certo numero di servizi pornografici abbia un elemento da utente a utente, ad esempio consentendo alle persone di caricare i propri contenuti, ciò lascerebbe una percentuale significativa di siti pornografici al di fuori del suo ambito. Ovviamente, questo mina gli obiettivi di protezione dell'infanzia del disegno di legge. Ha anche creato una scappatoia nel Regno Unito mediante la quale altri siti possono evitare la regolamentazione rimuovendo la funzionalità pertinente.

Inoltre, c'erano preoccupazioni sul fatto che i poteri esecutivi fossero abbastanza rapidi da garantire condizioni di parità. Questa è la chiave per garantire la conformità. Il British Board of Film Classification porterà tutta la sua esperienza e competenza per supportare il governo e Ofcom. Ofcom sarà responsabile della supervisione del nuovo regime. Il loro compito sarà quello di garantire che il disegno di legge sulla sicurezza online offra le tutele significative che i bambini meritano.

Dove sta?

In occasione del Safer Internet Day, l'8 febbraio 2022, il governo ha cambiato rotta in modo utile quando il ministro del digitale Chris Philp ha dichiarato in ufficio Comunicato stampa:

È troppo facile per i bambini accedere alla pornografia online. I genitori meritano la tranquillità che i loro figli siano protetti online dal vedere cose che nessun bambino dovrebbe vedere.

Ora stiamo rafforzando il disegno di legge sulla sicurezza online in modo che si applichi a tutti i siti porno per assicurarci di raggiungere il nostro obiettivo di rendere Internet un luogo più sicuro per i bambini.

Il disegno di legge è stato presentato alla Camera dei Comuni e tenuto in prima lettura giovedì 17 marzo 2022. Questa fase è stata formale e si è svolta senza alcun dibattito. Il testo integrale del disegno di legge è disponibile presso il Parlamento.

Cosa succede dopo?

I parlamentari esamineranno poi il disegno di legge in seconda lettura. La data per la seconda lettura non è stata ancora annunciata.

Ufficio del Commissario per l'informazione

Sebbene non sia direttamente correlato alla verifica dell'età per la pornografia, una sfida legale finanziata dalla folla è stata diretta all'Ufficio del Commissario per le informazioni. Contesta il trattamento dei dati personali dei minori che hanno utilizzato siti pornografici commerciali.

La legge che controlla l'attività del Commissario per l'informazione sembra vietare chiaramente il trattamento di tali dati. Tuttavia, il Commissario per le informazioni non ha intrapreso alcuna azione contro i siti di pornografia commerciale. Dice che il problema sarà affrontato in futuro dal nuovo Bolletta di sicurezza online. Allo stato attuale è previsto un incontro tra le parti in causa e l'Ufficio del Commissario all'Informazione. I progressi potrebbero essere rallentati dall'arrivo del nuovo Commissario per le informazioni, John Edwards, che in precedenza era il Commissario per la privacy della Nuova Zelanda.

Stampa Friendly, PDF e Email