dipendenza comportamentale

Dipendenza comportamentale

Ricerche recenti hanno dimostrato che comportamenti e non solo sostanze può anche creare dipendenza. Possono causare gli stessi cambiamenti caratteristici del sistema di ricompensa del cervello che producono la cocaina o l'alcol o la dipendenza da nicotina. (Vedi sotto). Questi comportamenti includono il gioco d'azzardo, i giochi su Internet e i social media come Facebook e probabilmente le app di appuntamenti come Tinder o Grindr.

Ecco un carta da neuroscienziati di fama mondiale che spiegano perché la pornografia su Internet debba essere considerata anche una malattia che crea dipendenza. È co-autore di più ricercatori nel campo del comportamento sessuale problematico. Si interroga se la nuova diagnosi CSBD appartiene alla categoria "Disturbo del controllo dell'impulso", dove attualmente risiede. Gli autori suggeriscono che il supporto più convincente e esistente è il CSB come "disturbo da dipendenza".

Questa è un'animazione breve e scattante per i bambini dipendenza da porno. Questo è un animazione più lunga questo spiega davvero le basi.

Molti di questi disturbi sono in effetti una versione "supernormale" dei benefici naturali o dei rinforzi naturali del cibo, del legame e del sesso. Il cibo spazzatura con i suoi alti livelli di sale, zucchero e grassi sono cibi "supernormali" nella quantità di ricompensa ad alto contenuto calorico che danno al cervello evoluto per scarsità; i social media sono come una versione esagerata del bonding, centinaia di "amici" a portata di click; e il porno su Internet con la sua sfilata senza fine di "hot babes" volenterosi è una versione supernormale del sesso.

Con i farmaci, gli utenti hanno bisogno di un dosaggio più elevato per ottenere lo stesso "colpo". Con Internet, nel tempo gli utenti hanno bisogno di più novità o più intensità per provare lo stesso effetto. L'industria del porno è felice di fornirlo.

Quando il livello di dopamina si libra in previsione della "ricompensa", cade rapidamente dopo che la ricompensa è stata ricevuta. Gli utenti devono continuare a cliccare sul nuovo materiale per mantenere i premi in arrivo. Se continuiamo a forzare il cervello a produrre un rifornimento costante, esso sottolinea il sistema e arresta la produzione come misura di protezione. Se continuiamo a binge tuttavia, il cervello decide che questa deve essere un'emergenza per scopi di sopravvivenza e prevale sul suo meccanismo di sazietà ("ne ha abbastanza"). A loro volta, gli alti livelli di dopamina innescano il rilascio di una proteina chiamata Delta Fos B. Questo si accumula nel nostro sistema di ricompensa che ricablava il cervello per aiutarci a concentrarci, ricordare e ripetere questa importante ricompensa.

dopamina

Quattro caratteristiche sono ora associate ai cambiamenti fisici nella funzione cerebrale come risultato del processo di dipendenza. Questi sono:

• De-sensibilizzazione
• Sensibilizzazione
• Meccanismo di controllo dell'impulso - Ipofrontality
• Circuiti di stress disfunzionali

La "desensibilizzazione" è una risposta insensata al piacere, in particolare alle ricompense naturali, come il cibo o il legame con gli altri. Di solito è il primo avviso di cambiamento del cervello legato alla dipendenza da parte degli utenti di pornografia. Si sentono depressi, annoiati, piatti e poco brillanti. La riduzione della segnalazione di dopamina e altri cambiamenti lasciano l'utente pesante meno sensibile ai piaceri quotidiani e "affamato" di attività e sostanze che sollevano la dopamina. Hanno bisogno di una maggiore e maggiore stimolazione per ottenere un ronzio. Possono trascorrere più tempo online, prolungando le sessioni attraverso i bordi, osservando quando non si masturba o cercando il video perfetto con cui terminare. Ma la desensibilizzazione può assumere la forma di un'escalation di nuovi generi, a volte più dura, estranea, persino inquietante. Ricorda: shock, sorpresa e ansia producono una scarica di adrenalina sulla dopamina e aumentano l'eccitazione sessuale.

Al contrario, l'unica cosa che attira la nostra attenzione e solleva i nostri spiriti è l'oggetto del nostro desiderio, il comportamento avvincente o la sostanza della scelta. Questo perché siamo diventati molto 'sensibilizzati' ad esso. La sensibilizzazione innesca desideri potenti o super-memoria inconscia del piacere, "memoria euforica", quando attivata. Il collegamento cue-memory è il cervello che "collega insieme, fa fuoco insieme" in azione. Questa memoria pavloviana condizionata rende la dipendenza più avvincente di qualsiasi altra attività nella vita del tossicodipendente.

Connessioni nervose ristabilite fanno ronzare il sistema di ricompensa in risposta a stimoli o pensieri legati alla dipendenza. I tossicodipendenti da cocaina potrebbero vedere lo zucchero e pensare alla cocaina. Un alcolista sente il tintinnio di occhiali o puzza di birra mentre passa davanti a un pub e vuole immediatamente entrare.

Per l'appassionato di internet, spunti come accendere il computer, vedere un pop-up o essere a casa da soli, scatenare voglie intense per il porno. Un ragazzo è improvvisamente molto più hornier (vera libido) quando sua moglie, sua madre o il suo coinquilino va a fare shopping? Improbabile. Ma forse si sente come se fosse sul pilota automatico, o qualcun altro sta controllando il suo cervello. Alcuni descrivono una risposta sensibilizzata del porno come "entrare in un tunnel che ha una sola via di fuga: il porno". Forse si sente un battito accelerato, veloce, persino tremante, e tutto ciò a cui riesce a pensare è di accedere al suo sito porno preferito. Questi sono esempi di percorsi sensoriali di dipendenza che attivano il sistema di ricompensa, urlando, "fallo ora!". Anche il rischio di commettere un reato sessuale non li fermerà.

L'ipofrontalità, o attività cerebrale ridotta nelle regioni prefrontali, indebolisce la forza di volontà o l'autocontrollo, di fronte alle forti voglie subconsce. Ciò accade a causa della contrazione della materia grigia e della sostanza bianca, nelle regioni pre-frontali. Questa è la parte del cervello che ci aiuta a mettere a freno le scelte che non vanno bene per il nostro benessere a lungo termine. Ci aiuta a dire "no" a noi stessi quando sentiamo la tentazione. Con questa area esaurita, abbiamo una capacità indebolita di prevedere le conseguenze. Può sembrare un tiro alla fune. I percorsi sensibilizzati che gridano "Sì!" mentre il cervello più alto sta dicendo "No! Non di nuovo!' Con le porzioni di controllo esecutivo del cervello in una condizione indebolita, il percorso della dipendenza di solito vince.

Gli adolescenti sono doppiamente vulnerabili alla dipendenza. Non solo hanno più dopamina che li guida per rischiare (il pedale dell'acceleratore è completamente abbassato), ma i lobi frontali non sono completamente sviluppati (i freni non funzionano troppo bene).

Circuiti di stress disfunzionali Ciò fa sì che anche uno stress minore porti a desideri e ricadute perché attivano potenti percorsi sensibilizzati.

Questi fenomeni sono al centro di tutte le dipendenze. Un tossicodipendente in via di recupero li ha riassunti: "Non ne avrò mai abbastanza di ciò che non mi soddisfa e non mi soddisfa mai, mai'.

Ritiro. Molte persone credono che la dipendenza implichi sempre sia la tolleranza (un bisogno di più stimoli per ottenere lo stesso effetto, causato dalla desensibilizzazione) sia sintomi di astinenza brutali. In realtà, nessuno dei due è un prerequisito per la dipendenza - sebbene gli utenti di oggi di oggi riportino spesso entrambi. Quello che condividono tutti i test di valutazione della dipendenza è "uso continuato nonostante le conseguenze negative'. Questa è la prova più affidabile della dipendenza.

Se desideri maggiori informazioni sulla ricerca sulla tolleranza e l'escalation, fai clic su qui (sito esterno, si apre in una nuova finestra).

<< Dipendenza Recupero >>

Stampa Friendly, PDF e Email