TRF nella stampa

TRF nella stampa 2022

I giornalisti hanno scoperto The Reward Foundation. Stanno spargendo la voce sul nostro lavoro, tra cui: le nostre lezioni sui rischi derivanti dalle abbuffate a lungo termine sul porno; la richiesta di un'educazione sessuale efficace e focalizzata sul cervello in tutte le scuole; necessità di formazione degli operatori sanitari del NHS sulla dipendenza dalla pornografia e il nostro contributo a riparazioni sulle disfunzioni sessuali indotte dal porno e sul disturbo del comportamento sessuale compulsivo. Questa pagina documenta la nostra apparizione sui giornali e online. Speriamo di pubblicare molte altre storie con il progredire del 2022.

Se vedi una storia che contiene TRF che non abbiamo ancora pubblicato, ti preghiamo di inviarci un Nota a proposito. È possibile utilizzare il modulo di contatto in fondo a questa pagina.

Ultime Stories

I giganti della tecnologia hanno detto di sorvegliare le loro piattaforme mentre i molestatori online minacciavano la prigione in base alla nuova legislazione

Di Mark Aitken, 6 febbraio 2022

Ai giganti della tecnologia verrà detto di controllare le loro piattaforme di social media in base alle nuove leggi progettate per ripulire Internet.

Società come Facebook e Google saranno responsabili della ricerca e della rimozione di contenuti dannosi come abusi razzisti e revenge porn ai sensi della nuova legislazione del governo del Regno Unito.

 Bolletta di sicurezza online rende le aziende responsabili della sorveglianza dei siti web per rimuovere i contenuti dannosi, anche prima che ricevano un reclamo.

Se approvata, la nuova legge potrebbe vedere i social network multati fino al 10% del loro fatturato globale se non intervengono.

La legislazione aggiungerà anche nuovi reati penali per l'invio di messaggi genuinamente minacciosi o consapevolmente falsi e copre anche il revenge porn, la tratta di esseri umani, l'estremismo e la promozione del suicidio online.

Il segretario alla cultura del Regno Unito, Nadine Dorries, ha affermato che il nuovo disegno di legge sarebbe un "avviso alle piattaforme online per dire che eccolo qui, ti stiamo facendo sapere di cosa si tratta ora, quindi inizia a fare quello che devi fare".

Alla domanda di nuovo se gli alti dirigenti potrebbero ritrovarsi in prigione se non si fossero conformati, ha detto: "Assolutamente" - anche se questo è stato successivamente contestato come scorretto da un importante ente di beneficenza per bambini.

Verifica dell'età

E Mary Sharpe, amministratore delegato della Reward Foundation, che si batte per i limiti di età per l'accesso al porno, ha aggiunto: "Queste proposte mancano completamente il punto e stanno ignorando l'elefante nella stanza: i siti di pornografia online. Il governo ha promesso di includerli in questo disegno di legge sulla sicurezza online quando ha abbandonato la verifica dell'età per la legislazione sulla pornografia una settimana prima che fosse attuata nel 2019.

"Questi cambiamenti superficiali prestano più attenzione alla libertà di parola dell'industria del porno multimiliardaria che alla protezione dei bambini innocenti".

I nuovi reati riguardano le comunicazioni inviate per trasmettere una minaccia di danno grave, quelle inviate per causare un danno senza una giustificazione ragionevole e quelle inviate che sono note per essere false con l'intenzione di causare danni emotivi, psicologici o fisici.

Campagna postale della domenica

A dicembre, The Sunday Post ha lanciato la campagna Rispetto chiedendo iniziative efficaci in classe per aiutare gli adolescenti a comprendere relazioni sane insieme a restrizioni più severe sulla pornografia online.

Il portavoce della cultura SNP John Nicolson MP, un membro del comitato congiunto di Westminster che ha preso in considerazione il disegno di legge, ha dichiarato: “Qualsiasi abuso illegale nella vita di tutti i giorni dovrebbe essere illegale anche online. E dobbiamo certamente fare di più per contrastare i contenuti legali ma anche dannosi.

“In qualità di membri del comitato di legge sulla sicurezza online trasversale, abbiamo prodotto raccomandazioni per tenerci tutti al sicuro online.

“Il comportamento abusivo nei confronti dei bambini è diffuso online, come hanno dimostrato le indagini del Sunday Post.

“Le grandi società di social media fanno poco per fermarlo. E quindi, voglio che il governo del Regno Unito agisca. Le società di social media molto ricche dovrebbero pagare un prezzo pesante quando si rifiutano costantemente di proteggere coloro che vanno online, in particolare i giovani".

Andy Burrows, capo della politica online per la sicurezza dei bambini presso l'NSPCC, ha contestato l'affermazione di Dorries secondo cui gli alti dirigenti potrebbero trovarsi di fronte a un procedimento penale.

Ha detto: “Nonostante la retorica, le attuali proposte del governo significano che i capi tecnologici non sarebbero personalmente responsabili per gli effetti dannosi dei loro algoritmi o per la mancata prevenzione dell'adescamento e potrebbero essere perseguiti solo per non aver fornito informazioni all'autorità di regolamentazione.

“È chiaro che, a meno che il disegno di legge sulla sicurezza online non sia sufficientemente rafforzato, le sanzioni penali abbaiano ma non mordono. I bambini hanno bisogno di una regolamentazione ben progettata che impari lezioni da altri settori se il disegno di legge vuole corrispondere alla retorica e prevenire abusi evitabili".

Il nuovo disegno di legge inoltre non introduce la verifica dell'età online, qualcosa che gli attivisti hanno chiesto per impedire ai bambini di accedere alla pornografia.

2022

Di Marion Scott, 9 gennaio 2022

Ogni scuola in Scozia deve avere almeno un membro del personale con una formazione specialistica su come affrontare le molestie sessuali delle studentesse, secondo gli esperti sostenuti da una coalizione di politici tra i partiti.

Gli specialisti affermano che sono urgentemente necessari consulenti specifici formati su come gestire adeguatamente le denunce di molestie e abusi per combattere una crisi nazionale di consenso, con una studentessa su cinque afferma di essere stata aggredita sessualmente.

Le loro richieste sono oggi sostenute da tutti e tre i partiti di opposizione a Holyrood, che si sono uniti per sostenere la campagna di The Post's Respect che invita il governo scozzese a intraprendere un'azione efficace e urgente.

2022

Kathryn Dawson, di La crisi degli stupri in Scozia, ha dichiarato: “La nostra esperienza ha dimostrato che i giovani si sentono più sicuri e vogliono contattare qualcuno che è appositamente formato in modo che sappiano, subito, che riceveranno l'aiuto e il supporto di cui hanno bisogno e che non devono preoccuparsi su questioni come la perdita del controllo della situazione.

“Quello che viene richiesto è realizzabile. Abbiamo le risorse e la formazione disponibili per garantire che ciò avvenga in tutto il paese. È importante che i giovani abbiano scelte a loro disposizione su chi contattare per ricevere supporto, quindi non dipende solo dagli insegnanti di orientamento".

Ha detto che alcune scuole hanno agito, in particolare quelle che adottano Ugualmente sicuro a scuola, un programma di lezioni pensato per insegnare agli alunni relazioni sane e rispettose, ma altri apparentemente non capiscono la portata, la gravità e l'urgenza della crisi. Ha aggiunto: "Questo deve essere messo in discussione, in particolare perché il benessere degli studenti è fondamentale per il livello di istruzione".

NSPCC Scozia

Giovanna Smith, NSPCC Scozia responsabile delle politiche e degli affari pubblici, ha dichiarato: “È fondamentale che tutti i giovani che hanno subito abusi o molestie sessuali abbiano un adulto a cui rivolgersi, di cui si fidano e che possa agire per loro conto e sostenerli.

“Ogni scuola dovrebbe avere membri del personale designati che siano completamente formati nell'affrontare tali problemi, in modo che si sentano responsabilizzati e abbiano la fiducia necessaria per affrontare il comportamento abusivo e proteggere efficacemente i giovani. È così importante che chiunque abbia subito abusi sessuali sappia con chi può parlare ed è fiducioso che sarà ascoltato e le accuse saranno indagate.

Smith ha affermato che tutte le scuole dovrebbero eseguire programmi per promuovere le relazioni sanitarie e affrontare le molestie sessuali, al fine di creare una cultura in cui gli atteggiamenti e i comportamenti dannosi siano sfidati.

Il mese scorso, un'indagine su centinaia di ragazze e giovani donne ha rivelato livelli scioccanti di abusi sessuali e molestie. Una ragazza su cinque che ha preso parte al nostro sondaggio ha affermato di essere stata aggredita sessualmente e tre su cinque hanno subito una qualche forma di molestia sessuale.

Le ragazze con cui abbiamo parlato più volte hanno affermato di essere state licenziate o seguite con condiscendenza quando hanno sollevato preoccupazioni con gli insegnanti. Oggi, un'altra vittima, una ragazza di 17 anni, parla a sostegno del personale specializzato di ogni scuola mentre racconta di due aggressioni sessuali.

Fondazione premio

Mary Sharpe, amministratore delegato della Fondazione premio, un ente di beneficenza scozzese che forma educatori in tutto il Regno Unito, ha affermato: "Idealmente, ogni scuola ha un insegnante adeguatamente formato e dedicato che si occupa specificamente di molestie sessuali, bullismo e sexting coercitivo".

Ha affermato che, sebbene le scuole abbiano già insegnanti di orientamento e consulenti, la portata e la complessità del problema delle molestie significano che fare affidamento sul personale di consulenza esistente avrebbe fallito le vittime e non avrebbe fatto nulla per alleviare la crisi. Ha detto: “In primo luogo, i soliti insegnanti di orientamento sono più che impegnati con altre questioni rilevanti per gli adolescenti, che si tratti di problemi familiari, assenze ingiustificate, droghe.

“In secondo luogo, le questioni sessuali richiedono una gestione molto attenta a causa del potenziale disagio per la salute mentale delle giovani donne se la loro esperienza non viene convalidata. Allo stesso tempo, gli insegnanti devono bilanciare questo con le conseguenze legali a lungo termine per un giovane se viene denunciato alla polizia per qualsiasi forma di reato sessuale.

“Questa è una grande responsabilità per gli insegnanti e li mette nel ruolo di giudice e giuria. L'incidente è autentico? È stato esagerato per dispetto?

“Se i giovani uomini non vengono rimproverati in modo significativo quando sono giovani, potrebbero pensare di farla franca e questo può portare a reati più gravi. È importante che un tale insegnante sia qualcuno di cui gli alunni si fidano per agire in modo equo”.

Sharpe ha anche esortato il governo scozzese ad agire rapidamente. Ha detto: "Una cosa è chiara: queste forme di molestie sessuali continueranno e peggioreranno, a mio avviso, fino a quando non sarà in atto una migliore educazione preventiva, preferibilmente basata sull'evidenza".

Partito Laburista

Il ministro dell'Istruzione ombra del lavoro, Martin Whitfield, un ex insegnante, ha affermato che avrebbe chiesto al governo scozzese di garantire che almeno un insegnante in ogni scuola abbia la formazione specialistica richiesta. "Il Curriculum for Excellence dovrebbe già insegnare ai bambini relazioni sane, sesso, consenso e rispetto, ma quando una studentessa su cinque ha subito un'aggressione sessuale, c'è bisogno di urgenza e di un'azione più efficace", ha affermato.

“Sospetto che ciò che sta effettivamente accadendo sia che una volta che iniziano i corsi di esame, questo tipo di materiale relativo alla salute e al benessere venga messo da parte. Dobbiamo ricordare alle scuole che non riguardano solo i risultati degli esami. I bambini devono anche imparare a diventare adulti a tutto tondo. È chiaro che attualmente li stiamo deludendo in questo. Avere almeno un insegnante appositamente addestrato a cui i bambini possono rivolgersi è un'idea meravigliosa. Non abbiamo bisogno di investimenti massicci. Questa è una cosa che dovrebbe essere fatta subito".

Liberal Democratici

Anche Willie Rennie, segretario ombra per l'istruzione della Lib Dem scozzese, ha sostenuto la mossa e ha dichiarato: "Spero che queste statistiche orribili diano lo slancio in più di cui abbiamo bisogno per assicurarci che ci siano buone disposizioni in ogni scuola per affrontare i problemi profondi con i ragazzi della scuola che si comportano così”.

Il ministro ombra conservatore scozzese per i bambini e i giovani Meghan Gallacher ha dichiarato: "Ci deve essere tolleranza zero nei confronti delle molestie sessuali nelle nostre scuole e questi suggerimenti meritano un'ulteriore considerazione da parte dei ministri del SNP".

La Lib Dem scozzese Beatrice Wishart MSP, che siede nel Cross Party Group on Violence Against Women and Young Children, ha sostenuto l'idea di insegnanti appositamente formati. Ha detto: “È fondamentale che prendiamo in considerazione le esperienze di coloro che sono stati colpiti da questa situazione. Non solo è possibile convincere almeno un insegnante in ogni scuola ad assumere questo ruolo, è qualcosa che può essere fatto abbastanza rapidamente".

Risposta del governo scozzese

Il governo scozzese ha dichiarato: “Stiamo intraprendendo azioni volte a prevenire le molestie sessuali e la violenza di genere, al fine di sviluppare relazioni positive tra bambini e giovani. Abbiamo anche istituito il gruppo di lavoro sulla violenza di genere nelle scuole per sviluppare un quadro nazionale per prevenire e rispondere ai comportamenti dannosi e alla violenza di genere nelle scuole. Ciò sarà supportato da risorse didattiche appropriate per aiutare il personale scolastico a fornire un apprendimento sicuro e significativo per combattere le molestie sessuali e la violenza di genere in tutte le scuole della Scozia".

Stampa Friendly, PDF e Email