Luglio 2020

N. 10 Verifica dell'età e Speciale Summit Globale

Premiato logo di notizie

Luglio 2020 si sta rivelando un mese fantastico per la TRF, con due importanti progetti internazionali che stanno arrivando a buon fine. Stiamo sostenendo la spinta per la legislazione sulla verifica dell'età per la pornografia nel Regno Unito e in tutto il mondo con il nostro rapporto sulla conferenza sulla verifica dell'età. Allo stesso tempo, stiamo contribuendo con molti elementi al dibattito globale sulla pornografia attraverso la partecipazione al vertice della Coalizione 2020 per porre fine allo sfruttamento sessuale.

Summit globale

La Reward Foundation parteciperà alla Coalizione 2020 per porre fine allo sfruttamento sessuale online Summit globale tra il 18 e il 28 luglio. Stiamo tenendo tre conferenze: Internet Pornography and the Adolescent Brain; Pornografia su Internet e utenti con disturbi dello spettro autistico e bisogni speciali di apprendimento; e Una tabella di marcia per la ricerca futura sull'uso problematico della pornografia. Con 177 relatori e oltre 18,000 partecipanti provenienti da più di 100 paesi, è il più grande evento mai realizzato in questo campo.

La buona notizia è che la conferenza è GRATUITA. Se questo cattura il tuo interesse, fai clic su qui per registrarti oggi e unisciti a noi per questa fantastica esperienza.

Pornografia Internet e Cervello Adolescente

Mary Sharpe è la relatrice della conferenza in primo piano nella più grande discussione della giornata il 27 luglio.

La Reward Foundation gestisce uno stand per espositori a questa conferenza. C'è un concorso per vincere una delle cinque copie del libro di Gary Wilson - Your Brain on Porn.

23/24 luglio 2020

27/28 luglio 2020

Verifica dell'età per la pornografia

Nel giugno 2020, The Reward Foundation ha co-organizzato una conferenza virtuale sulla verifica dell'età. Il nostro partner principale è stato John Carr, OBE, segretario della Children's Charities 'Coalition on Internet Safety del Regno Unito. L'argomento era la necessità di una legislazione sulla verifica dell'età per la pornografia. L'evento ha coinvolto sostenitori del benessere dei bambini, avvocati, accademici, funzionari governativi, neuroscienziati e aziende tecnologiche di ventinove paesi. Ecco il pubblicato rapporto finale.

La conferenza ha esaminato:

  • Le ultime prove dal campo delle neuroscienze che mostrano gli effetti di una sostanziale esposizione alla pornografia sul cervello degli adolescenti
  • Racconti da oltre venti paesi su come si sta sviluppando la politica pubblica in relazione alla verifica dell'età online per i siti web di pornografia
  • Diverse tecnologie ora disponibili per effettuare la verifica dell'età in tempo reale
  • Strategie educative per la protezione dei bambini per completare le soluzioni tecniche

I bambini hanno diritto alla protezione dai danni e gli Stati hanno l'obbligo legale di fornirla. Inoltre, i bambini hanno diritto legale a un buon consiglio. E il diritto a un'istruzione completa e adeguata all'età sul sesso e al ruolo che può svolgere in relazioni sane e felici. Ciò è meglio fornito nel contesto di un quadro di sanità pubblica e istruzione. I bambini non hanno un diritto legale al porno.

La tecnologia di verifica dell'età è avanzata al punto in cui esistono sistemi scalabili ed economici. Possono limitare l'accesso ai minori di 18 anni ai siti porno online. Lo fa rispettando allo stesso tempo i diritti alla privacy di adulti e bambini.

La verifica dell'età non è un proiettile d'argento, ma lo è certamente a proiettile. Ed è una pallottola diretta a negare ai venditori ambulanti di pornografia online di questo mondo qualsiasi ruolo nel determinare la socializzazione sessuale o l'educazione sessuale dei giovani.

Governo sotto pressione a seguito di una decisione dell'Alta Corte

L'unico motivo di rammarico nel Regno Unito al momento è che non abbiamo ancora idea di quando entreranno in vigore le misure di verifica dell'età concordate dal Parlamento nel 2017. Le scorse settimane decisione all'Alta Corte potrebbe portarci avanti.

Dice John Carr, OBE, “Nel Regno Unito, ho chiesto al Commissario per le informazioni di avviare un'indagine al fine di garantire la prima possibile introduzione di tecnologie di verifica dell'età, per salvaguardare la salute mentale e il benessere dei nostri bambini. In tutto il mondo, colleghi, scienziati, responsabili politici, enti di beneficenza, avvocati e persone che hanno a cuore la protezione dei bambini stanno facendo lo stesso, come dimostra ampiamente questo rapporto della conferenza. Il momento di agire è adesso. "

Stampa Friendly, PDF e Email