Disfunzione erettile in 20-year olds?

adminaccount888 Ultime notizie

Nessuno sarebbe sorpreso di scoprire che i militari della Marina usano il porno come svago, specialmente in servizio attivo lontano dai loro cari. Tuttavia, un forte aumento delle difficoltà sessuali tra cui la disfunzione erettile (DE), l'eiaculazione ritardata, il basso desiderio sessuale e la diminuzione della soddisfazione sessuale durante i rapporti sessuali in coppia negli uomini sotto i 40 anni sta causando preoccupazione. Una nuova recensione dei medici della US Navy e della The Reward Foundation è stata pubblicata sulla rivista Behavioral Sciences. Intitolato La pornografia su Internet provoca disfunzioni sessuali? Una revisione con rapporti clinici, il documento propone i meccanismi cerebrali con cui l'uso del porno su Internet potrebbe creare difficoltà sessuali anche in osservatori sani. Coloro che iniziano a utilizzare durante i periodi chiave di sviluppo della pubertà e dell'adolescenza sono particolarmente vulnerabili. La recensione è disponibile gratuitamente da qui.

Fattori di rischio tradizionali come il diabete, le malattie cardiovascolari e l'uso di droghe che una volta spiegavano le difficoltà sessuali degli uomini non sembrano essere sufficienti per spiegare questo sviluppo. Recentemente come 15 anni fa i tassi di ED erano trascurabili (2-5%) negli uomini sessualmente attivi sotto 40. Ora, i ricercatori stanno segnalando tassi di ED alti quanto 30% in questa stessa fascia d'età. Molti di questi uomini sembrano essere in grado di raggiungere erezioni ed eiaculare quando guardano il porno. Vivono solo disfunzioni sessuali durante il rapporto sessuale.

È possibile che il porno su Internet di oggi sia unico nella sua capacità di condizionare l'eccitazione sessuale (soprattutto giovanile) in modi imprevisti a causa della sua infinita novità, del formato video e della facilità con cui gli utenti possono passare a materiale più estremo. In alcuni uomini, questo condizionamento involontario può portare a disfunzioni sessuali e diminuzione della libido durante i rapporti sessuali con i partner.

Lo studio include tre casi di studio, tra cui uno su un militare di 20 di un anno che ha presentato difficoltà nell'ottenere l'orgasmo durante il rapporto sessuale nei precedenti sei mesi. Dall'avere iniziato con il porno soft core, i suoi bisogni si sono intensificati fino a raggiungere il nucleo e poi a feticizzare il materiale per raggiungere l'orgasmo. Ha comprato un sex toy. Inizialmente questo dispositivo era così stimolante da raggiungere l'orgasmo in pochi minuti. Tuttavia, come nel caso del porno su Internet, con un uso maggiore, aveva bisogno di più e più tempo per eiaculare. Alla fine non riuscì a raggiungere l'orgasmo. Al suo ritorno dallo spiegamento, sebbene fosse ancora attratto fisicamente ed emotivamente dalla sua fidanzata, scoprì che preferiva il dispositivo al rapporto sessuale reale perché lo trovava più stimolante. Non aveva precedenti di gravi malattie, interventi chirurgici o diagnosi di salute mentale. Non stava assumendo farmaci o integratori. Si è concluso che l'uso del giocattolo del sesso aveva desensibilizzato i suoi nervi del pene e guardare il porno hard core aveva alterato la sua soglia per la stimolazione sessuale. Poche settimane dopo il riesame da parte dell'urologo, il militare ha riferito che dopo aver interrotto il suo uso pornografico e aver eliminato l'uso del giocattolo del sesso, è stato in grado di avere di nuovo orgasmi con la sua fidanzata e che la loro relazione era migliorata.

Quindi cosa è cambiato?

Dieci anni fa, è arrivato lo streaming di porno su Internet (tramite "siti di tubi") che rappresenta un grande cambiamento nell'ambiente sessuale degli uomini. Sembra che lo streaming di porno online possa essere quello che il premio Nobel Nikolaas Tinbergen ha definito uno "stimolo paranormale". Cioè, può costituire un'imitazione esagerata di qualcosa che il nostro cervello si è evoluto per perseguire a causa della sua importanza evolutiva - nel caso del porno, apparenti potenziali opportunità genetiche sotto forma di nuovi "compagni" disponibili. La ricerca mostra che i video erotici sono più eccitanti delle immagini fisse e nuove immagini sessuali innescano una maggiore eccitazione, un'eiaculazione più rapida e più attività di sperma ed erezione rispetto al materiale familiare.

Le caratteristiche chiave del porno su Internet (formato video, novità senza fine, facilità di escalation a materiale più estremo) non solo lo rendono potenzialmente più avvincente per gli utenti, ma un team di neuroscienziati di Cambridge ha anche dimostrato che il nuovo film accelera l'abitudine e la tolleranza, che potrebbero spiegare la tendenza di alcuni utenti di pornografia a degenerare in materiale più estremo (a desiderare la novità) nel tempo. In effetti, uno studio belga 2016 ha riportato che metà degli intervistati si era trasformata in materiale pornografico che prima consideravano "non interessante" o "disgustoso".

È possibile che la responsività sessuale di alcuni utenti stia diminuendo in risposta a troppa stimolazione, proprio come i ricercatori del Kinsey Institute hanno osservato un decennio fa.

I ricercatori del Kinsey Institute sono stati tra i primi a segnalare la disfunzione erettile indotta dal porno e la libido anormalmente bassa indotta dal porno. Nel 2007, hanno notato che un'elevata esposizione ai video porno apparentemente si traduceva in una minore reattività sessuale e in una maggiore necessità di materiale più estremo, specializzato o "stravagante" per eccitarsi, ma non hanno indagato ulteriormente. Questo fattore deve ancora essere isolato e studiato a fondo in relazione a difficoltà sessuali altrimenti inspiegabili negli uomini senza disturbi mentali.

Questa nuova recensione raccomanda la ricerca futura di questo fenomeno. Poiché i rapporti clinici suggeriscono che la fine dell'uso di Internet su Internet è a volte sufficiente per invertire gli effetti negativi, vi è la necessità di un'indagine approfondita usando metodologie che hanno soggetti che rimuovono la variabile di uso di Internet per chiarire l'intera gamma dei suoi effetti. Sono necessari studi di intervento (rimuovendo la variabile di uso del porno) per chiarire se il attività di Internet porn viewing è potenzialmente rischioso per alcuni utenti, anche per altri utenti sani.

Ad oggi, questa possibilità non è stata realmente indagata. In effetti, si è spesso presunto che solo gli utenti di pornografia con disturbi mentali sottostanti sviluppassero sintomi e disfunzioni gravi. Questa presunzione è prematura, in quanto potrebbe essere che alcuni utenti di pornografia senza disturbi mentali, come alcuni di quelli descritti nei rapporti clinici del documento, stiano sviluppando difficoltà sessuali a causa del consumo eccessivo del porno di oggi.

Come possono gli operatori sanitari sapere se i problemi di prestazioni sessuali di un paziente derivano dall'uso del porno su Internet?

Tradizionalmente, gli urologi presumevano che se un uomo con ED poteva raggiungere un'erezione ed eiaculare durante la masturbazione, il suo problema era l'ansia per le prestazioni sessuali con una persona reale. Tuttavia, questo test può produrre risultati fuorvianti in giovani uomini che si sono masturbati esclusivamente per stimolare il porno su Internet in modo supernormale. Anche se non hanno ansia, possono aver condizionato la loro eccitazione sessuale a schermi e novità senza fine, in modo tale che il sesso associato non evochi le risposte previste.

Gli operatori sanitari potrebbero chiedere se il paziente con disfunzioni sessuali altrimenti inspiegabili può raggiungere e sostenere un'erezione soddisfacente (e il climax come desiderato) quando si masturba senza usando internet porn. Se non può, ma può facilmente raggiungere questi obiettivi con Internet porn, quindi l'uso di Internet porn deve essere considerato un possibile fattore nelle sue difficoltà. Se può facilmente masturbarsi per raggiungere l'orgasmo sia con che senza porno su Internet, il suo problema potrebbe essere la classica "ansia da prestazione" legata al sesso con un partner.

Infine, mentre gli operatori sanitari devono certamente ricercare problemi relazionali, bassa autostima, depressione, ansia, PTSD, stress e altri problemi di salute mentale, dovrebbero essere cauti nell'assumere che una cattiva salute mentale sia la causa di disfunzioni sessuali altrimenti inspiegabili negli uomini sotto 40. La relazione tra questi fattori e la disfunzione sessuale nei giovani può essere bidirezionale e concomitante.

Tra l'altro, diversi studi su tossicodipendenti e tossicodipendenti di internet hanno esaminato i soggetti per essere certi di essere liberi da altri disturbi mentali, e tuttavia hanno scoperto che il loro cervello mostrava segni di cambiamenti cerebrali correlati alla dipendenza rispetto ai soggetti di controllo. Alcuni di questi cambiamenti, come l'iper-reattività agli indizi del porno, possono aiutare a spiegare le disfunzioni sessuali in utenti di Internet porno altrimenti sani nella popolazione generale.

In ogni caso, nella misura in cui le disfunzioni sessuali legate al porno si risolvono dopo aver abbandonato il porno su Internet, non sono dovute a disturbi di salute mentale.

 

 

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo