Cartone animato del ragazzo che guarda porno

Verifica dell'età presto?

adminaccount888 Ultime notizie

La possibilità che il governo del Regno Unito promuova presto la verifica dell'età per il porno potrebbe avvicinarsi. Alcune delle società che speravano di fornire il sistema di verifica dell'età stanno chiedendo una revisione giudiziaria. Ciò potrebbe costringere il governo ad agire.

Il nostro collega John Carr riprende questa storia nel suo recente blog Desiderata.

Movimento sulla verifica dell'età?

R contro Segretario di Stato per il Ministero dell'Interno, ex Unione Vigili del Fuoco è un caso famoso del 1995. Fu deciso dalla nostra Corte Suprema (allora ancora chiamata Comitato Giudiziario della Camera dei Lord). Il governo ha perso.

In base a una legge del Parlamento del 1988, il governo aveva lo scopo di proporre un nuovo schema di risarcimento delle lesioni penali. Era specificamente per quanto riguarda i vigili del fuoco. Il modo in cui le cose sono state lasciate in base alla legge, lo schema doveva essere introdotto "Il giorno che il Segretario di Stato può nominare mediante atto statutario". 

Per farla breve, il governo ha successivamente annunciato che non avrebbe annunciato una data. In effetti con una decisione amministrativa avevano frustrato la volontà chiaramente espressa del Parlamento.

I brani chiave della decisione della corte (scusate l'arcaico legalese inglese) sono i seguenti

"Potrebbe essere una sorpresa per l'uomo sul Clapham omnibus che le disposizioni legislative in una legge del Parlamento, che sono passate sia alla Camera del Parlamento che hanno ricevuto il consenso reale, possono essere messe da parte in questo modo da un membro dell'esecutivo".

e ancora più rivelatore

È vero, [le sezioni] non hanno forza legale. Ma questo non significa che siano scritti in acqua. Contengono una dichiarazione di intenzione parlamentare, anche se non creano diritti opponibili. Affrontando la questione in questo modo, leggerei la sezione 171 come la disposizione che le sezioni da 108 a 117 entreranno in vigore quando il ministro degli Interni lo desidera, e non che potrebbero entrare in vigore se lo desidera. In altre parole, la sezione 171 conferisce il potere di dire quando, ma non se ".

Sta suonando qualche campana?

Dovrebbe. È molto vicino a quanto accaduto con le disposizioni di legge relative alla verifica dell'età per i siti di pornografia commerciale. Questi sono sanciti nella Parte 3 del Digital Economy Act 2017.

Diverse aziende hanno speso molti soldi per prepararsi all'avvio della nuova politica. Tutto era a posto. Poi, di punto in bianco, per così dire, il 16 ottobre 2019, il governo ha annunciato una battuta d'arresto. Non un abbandono in quanto tale ma, in effetti, un aggiornamento seno morire.

Frittura di pesce diverso

Al momento in cui il governo ha annunciato di avere un obiettivo politico prioritario. Per garantire un'elezione generale.

A causa dell'allora aritmetica parlamentare, i tempi di tali elezioni non erano in loro dono. In alcuni ambienti il ​​sospetto quindi è che qualcuno nel numero 10 abbia iniziato a preoccuparsi. Supponiamo che siano improvvisamente riusciti a ottenere l'accordo del Parlamento per tenere un'elezione (cosa che hanno fatto) e il nuovo regime di verifica dell'età per i siti pornografici commerciali entrato in vigore poco prima o addirittura durante la campagna elettorale (cosa che avrebbe potuto fare)?

"Boris the Porn Killer"

Potuto "Boris the Porn Killer" soppiantare "Completa la Brexit" come tema chiave delle elezioni? Molto spiacevole. Anche così milioni di uomini potrebbero essere arrabbiati per il fatto che la loro fornitura di materiale pornografico fosse stata tagliata o interrotta mentre completavano il processo di verifica dell'età? E se fossero emersi glitch invisibili? Chi sarebbe incolpato? Potrebbe influire negativamente sui voti in alcuni seggi marginali? La politica a volte può essere un affare oscuro (ma non dite a nessuno che l'ho detto).

Un'anima timida nella leadership del partito conservatore ha deciso che era meglio non correre rischi? Basta tirarlo. Pronuncia alcune parole calorose sul non annullare la politica. Di 'qualcosa su come concludere con un'iniziativa più ampia e ambiziosa (che è quello che hanno fatto).

Questa è solo una teoria che sta facendo il giro. Ma potremmo essere in procinto di scoprire se c'è qualche sostanza in esso. L'associazione di categoria che rappresenta alcune delle aziende che hanno speso milioni per prepararsi lo sono chiedere un riesame giudiziario. Anche diverse società individuali stanno facendo causa per un risarcimento. Resta inteso che le loro richieste ammontano a circa 3 milioni di sterline. Aggiungete a ciò gli importi che si pensa siano stati spesi dal regolatore nominato (BBFC) e dal governo stesso e arrivate a circa 5 milioni di sterline.

Se il governo deve pagare, sono molti soldi da spendere per un panico pusillanime e senza scrupoli.

La revisione giudiziaria è stata discussa in questo articolo su The Telegraph.

Le aziende tecnologiche hanno avviato un'azione legale per costringere il governo a introdurre il divieto dell'era del porno. Questa è una mossa supportata da enti di beneficenza per bambini.

Quattro società di verifica dell'età hanno presentato un riesame giudiziario all'Alta Corte giovedì per contestare la decisione del Segretario della Cultura di archiviare il programma per imporre controlli sull'età su tutti i siti pornografici visualizzati nel Regno Unito.

Il Telegraph capisce che le società sostengono che la decisione sia stata un "abuso di potere" poiché la mossa era stata approvata dal parlamento. Stanno inoltre chiedendo un risarcimento danni, compreso nella regione di £ 3 milioni, per le perdite subite durante lo sviluppo della tecnologia di verifica dell'età.

Lo schema di verifica dell'età è stato inizialmente approvato come parte del Digital Economy Act nel dicembre 2018 e imponeva che tutti i siti per adulti dovevano avere controlli dell'età per dimostrare che gli utenti del Regno Unito avevano più di 18 anni. Tuttavia, la sua attuazione è stata ripetutamente ritardata per tutto il 2019.

A ottobre, la baronessa del segretario alla cultura Nicky Morgan ha annunciato che sospendeva il regime di controllo dell'età e avrebbe cercato di incorporarlo nella proposta di legislazione online sui danni che mira a creare un nuovo regolatore online. Il governo ha dichiarato che intende pubblicare la bozza di legge quest'anno, ma potrebbero essere necessari dai due ai tre anni prima che il regolatore sia operativo.

All'epoca il segretario di stato ha detto che voleva cercare di chiudere una scappatoia che avrebbe permesso ai minori di vedere ancora la pornografia sui siti di social media.

Aziende che vogliono presto la verifica dell'età

Le quattro società dietro la revisione giudiziaria - AgeChecked Ltd, VeriMe, AVYourself e AVSecure - sostengono che il Segretario di Stato aveva il potere di scegliere solo quando il regime è entrato in vigore, non lo scarta nella forma approvata dal Parlamento. 

L'azione legale è stata sostenuta dalla Coalition for Internet Safety (CCCIS), che rappresenta le organizzazioni dei bambini del Regno Unito.

John Carr OBE, segretario del CCCIS, ha dichiarato: “Se una revisione giudiziaria è l'unico modo per ottenere una migliore protezione per i bambini, allora siamo tutti favorevoli, ma non saremmo mai dovuti arrivare a questo. Tutto era a posto e pronto per partire. I bambini che avrebbero potuto essere protetti da immagini sessuali veramente orribili saranno invece esposti a loro. Non può essere giusto. " 

A seguito dell'azione, un portavoce del Dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport ha dichiarato: “Non siamo in grado di commentare eventuali procedimenti legali contro il dipartimento. Il governo si impegna a garantire che i bambini siano protetti dall'accesso a contenuti dannosi online ".

Risarcimento danni

Le società AV stanno chiedendo danni come parte della sfida legale affermando di aver affondato milioni per ottenere la tecnologia di verifica in via di sviluppo secondo gli standard dettagliati stabiliti dal regolatore scelto dal governo, il British Board of Film Classification.

Il CEO di AVSecure, Stuart Lawley, un imprenditore tecnologico britannico che ha fatto fortuna con il boom delle dotcom, ha affermato di aver personalmente "perso milioni" nella creazione della tecnologia. 

Ha detto che la società, che è dietro ad altre app di controllo parentale come Ageblock, si stava preparando per un massimo di 10 milioni di persone che si iscrivono al servizio il primo giorno. 

Il sig. Lawley ha detto a The Telegraph: “È tempo che [il governo] faccia la cosa giusta. Avremmo rilasciato prima una nuova data di inizio e io abbandonerei le mie richieste e andrei avanti.

"Siamo milioni di sterline di tasca propria, io personalmente milioni, abbiamo persone che non hanno più un lavoro a causa di questo."

Fuggire dall'epidemia di pornografia

L'importanza della verifica dell'età è illustrata in un recente video disponibile dal ageverification.co.uk di LPI.

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo