Sexting e la legge

adminaccount888 Ultime notizie

I genitori possono essere scioccati nel sapere che mentre il sexting consensuale è diffuso, anche il sexting coercitivo è abbastanza comune. La ricerca mostra che è influenzato dalla pornografia mentre incoraggia il bullismo e l'inganno.

L'articolo Guardian di seguito illustra le preoccupazioni legali in Inghilterra e Galles, ma è altrettanto comune in Scozia. Vedi le nostre pagine su sexting e la legge in Scozia e in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord per maggiori informazioni. Il rischio di questa attività per il mittente e il destinatario è che entrambi possono essere addebitati in base a diverse leggi. I documenti risultanti li lasceranno nel sistema di storia criminale della polizia per 100 anni. Ciò potrebbe influire sulle opportunità di lavoro in futuro se un datore di lavoro richiede un controllo rafforzato. La Fondazione Reward lancerà i suoi piani di lezione per le scuole del Regno Unito proprio su questo argomento nel gennaio 2020.

Polizia Kent stanno anche parlando di addebitare i genitori che sono responsabili del contratto telefonico da cui è stato effettuato il sexting. 

Migliaia di bambini sotto i 14 anni sono stati indagati dalla polizia per il sexting

I critici affermano che ai bambini vengono dati i registri della polizia per comportamenti che non comprendono completamente. Questo è di Il guardiano pubblicato il 30 dicembre 2019.

Più di 6,000 bambini di età inferiore a 14 anni sono stati indagati dalla polizia per reati di sexting negli ultimi tre anni, tra cui oltre 300 in età di scuola elementare, il Guardian ha imparato.

Le cifre divulgate da 27 forze di polizia in Inghilterra e Galles hanno rivelato 306 casi di bambini sotto i 10 anni, compresi alcuni di età inferiore ai quattro anni, indagati per sospetto di aver scattato o condiviso immagini indecenti di se stessi o di altri minori dal 2017.

In un caso, un bambino di nove anni è stato registrato su un database della polizia per aver inviato un selfie nudo a una ragazza su Facebook Messenger. In un altro, una bambina di nove anni è stata registrata come "offensore" per aver inviato immagini a qualcuno su Instagram.

Tra i 6,499 casi di minori di 14 anni indagati per tali reati tra il 1 ° gennaio 2017 e il 21 agosto 2019, secondo i dati divulgati al Guardian ai sensi del Freedom of Information Act.

Mentre i dettagli dietro molte delle indagini sono sconosciuti, si ritiene che un numero significativo implichi il crescente fenomeno del sexting: l'invio e la ricezione consensuali di messaggi espliciti.

Il sexting consensuale tra gli adolescenti è stato depenalizzato in alcuni paesi, tra cui parti dell'Australia e gli Stati Uniti, ma è un crimine in Inghilterra e Galles ai sensi della legislazione introdotta 41 anni fa. È illegale per chiunque acquisire, realizzare o condividere immagini indecenti di bambini ai sensi della Legge sulla protezione dei bambini del 1978, anche se l'immagine è auto-generata e condivisa in modo consensuale.

Il numero di bambini che sono venuti all'attenzione della polizia per il sexting ha suscitato allarme da accademici e enti di beneficenza. I dati hanno mostrato un forte aumento delle indagini della polizia sul sexting, da 183 al mese nel 2017 a 241 finora quest'anno.

La prof.ssa Andy Phippen, la cui ricerca 10 anni fa ha scoperto che il 40% dei bambini di età compresa tra 14 e 16 anni conosceva coetanei impegnati nel sexting, affermava che la legge era "assolutamente inadatta allo scopo" e che era "spaventoso" che così tanti bambini fossero classificati come sospetti.

"L'intero dibattito nel 1978, quando è stata introdotta questa legislazione, riguardava la protezione dei bambini dallo sfruttamento sessuale dei minori e ora viene utilizzato per perseguire i minori", ha detto.

Tra le 306 indagini su bambini di età pari o inferiore a nove anni, 17 avevano sei anni, nove avevano cinque anni e quattro avevano solo quattro anni. Questi 306 bambini sono stati classificati come sospetti nelle basi di dati della polizia nonostante fossero sotto l'età della responsabilità penale, il che significa che non è stato possibile intraprendere alcuna azione contro di loro.

Un caso riguardava una bambina di nove anni che era stata indagata dalla polizia del Leicestershire per aver inviato un selfie nudo a un altro bambino. In questo caso si comprende che sono stati effettuati controlli di salvaguardia sulla ragazza, eppure è stata ancora nominata sospetta nel sistema di polizia.

Solo 30 dei 6,499 casi hanno comportato un'accusa, un'ammonizione o una convocazione per il bambino, con la stragrande maggioranza delle indagini interrotte perché la polizia ha deciso che non sarebbe nell'interesse pubblico intraprendere un'azione formale - una decisione generalmente presa quando il sexting è consensuale .

Fresco guida è stato introdotto nel 2016 per affrontare la tendenza del sexting, consentendo alla polizia di chiudere le indagini in cui la messaggistica è considerata non abusiva e non ci sono prove di sfruttamento, cura, motivo di profitto, intenzioni malevole o comportamento persistente.

Tali casi sono registrati come risultato 21, che consente alla polizia di elencare un crimine come avvenuto ma che non è stata intrapresa alcuna azione formale di giustizia penale. Dei 6,499 casi riguardanti minori di 14 anni, la stragrande maggioranza è stata classificata come risultato 21.

Simon Bailey, il principale agente del corpo di polizia di Norfolk e il capo della polizia nazionale per la protezione dei minori, ha affermato che la protezione è stata al centro delle indagini sul sexting.

Ha dichiarato: “Non criminalizzeremo inutilmente i bambini e li sottrarremo a un casellario giudiziario quando le prove suggeriscono che la condivisione delle immagini era consensuale, ma la legislazione e gli standard di registrazione del crimine richiedono agli ufficiali di registrare che si è verificato un crimine. Continuiamo a rivedere la nostra risposta, incluso quando nominare qualcuno come sospetto, vittima o testimone ".

È in corso una revisione della polizia nazionale sull'etica della registrazione dei minori come sospetti in alcuni crimini, compreso il sexting. Esiste anche l'entusiasmo di alcuni agenti di protezione dei minori della polizia per una modifica da apportare alla legge per creare una distinzione per il sexting consensuale, come è il caso in alcune parti degli Stati Uniti e dell'Australia. Attualmente, tutte le segnalazioni di "immagini indecenti prodotte dai giovani" devono essere registrate come reato in linea con le regole di conteggio del Ministero degli Interni, nonostante l'età del bambino.

L'ente benefico Just for Kid's Law ha descritto i risultati come “profondamente preoccupanti” e ha affermato che ai bambini venivano dati i registri della polizia per comportamenti che non comprendono appieno e in circostanze in cui il bambino dovrebbe essere trattato come una vittima non un sospetto.

Jennifer Twite, responsabile del contenzioso strategico dell'ente benefico che lavora anche come avvocato della giustizia giovanile, ha dichiarato: "I registri della polizia non dovrebbero mai essere fatti per i minori di 10 anni poiché sono al di sotto dell'età della responsabilità penale e non dovrebbero mai essere criminalizzati".

Avvocati e accademici per bambini sostengono che anche quando un'indagine non comporta un addebito o cautela, potrebbe comunque essere divulgata ai futuri datori di lavoro sotto un controllo DBS rafforzato. La decisione sulla divulgazione di informazioni di non condanna è presa da un alto funzionario di polizia di ciascuna forza.

Tuttavia, la polizia insiste sul fatto che i casi che non comportano azioni formali non saranno quasi mai divulgati e verrebbero divulgati solo se esistesse un modello di recidiva o altri fattori aggravanti.

Bailey ha dichiarato: "Gli agenti principali hanno discrezione su ciò che viene rilasciato durante un controllo approfondito del background e se si è trattato di un incidente isolato senza fattori aggravanti, la possibilità di divulgazione è estremamente bassa e altamente improbabile".


Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo