Dipendenza sessuale e compulsività Il Journal of Treatment and Prevention

TRF in Journal of Sexual Addiction e Compulsivity

adminaccount888 Salute, Ultime notizie

Un articolo peer-reviewed scritto da Darryl Mead PhD e Mary Sharpe, Advocate, è stato pubblicato nel Dipendenza sessuale e Compulsività. Questa rivista Taylor & Francis è supportata da Società per l'avanzamento della salute sessuale negli Stati Uniti e nel Associazione per il trattamento della dipendenza sessuale e della compulsività nel Regno Unito.

A febbraio il team di TRNUMX TRF ha partecipato a una conferenza accademica internazionale in Israele che ha presentato le ultime ricerche sui vari impatti della pornografia su Internet. Data l'importanza di questo argomento per la comunità dei terapeuti e per gli studiosi di ricerca pornografica, abbiamo compilato un articolo per aiutare a distribuire questa nuova ricerca sulla dipendenza comportamentale di queste comunità.

Documenti di ricerca su pornografia e sessualità alla 4th Conferenza internazionale sulle dipendenze comportamentali È stato pubblicato in Dipendenza sessuale e Compulsività online il 13 settembre 2017. Apparirà in stampa nel volume 24, numero 3, 2017. L'editore, il professor Stephen Southern, ha detto questo sul nostro lavoro nel suo articolo editoriale...

“La revisione dei documenti di ricerca sulla pornografia e sulla sessualità dal 4th Conferenza internazionale sulle dipendenze comportamentali (Mead & Sharpe, 2017). Documenti di ricerca su pornografia e sessualità presso 4thconferenza internazionale sulle dipendenze comportamentali permette di intravedere la seria attenzione rivolta alla proliferazione mondiale della pornografia. Ci sono state discussioni sulla nomenclatura adeguata con un'apparente preferenza per l'uso dell'etichetta "problematico" o "compulsivo", che è coerente con la classificazione del disturbo del comportamento sessuale compulsivo in evoluzione nell'ICD-11. Il mix di sessioni scientifiche e cliniche relative ad argomenti di compulsività sessuale ha significato che gli specialisti in dipendenze comportamentali prendono sul serio le preoccupazioni internazionali sugli effetti della pornografia ".

ABSTRACT

Basandosi sull'eredità delle tre conferenze precedenti da 2013, la Conferenza internazionale 2017 sulle dipendenze comportamentali (ICBA) ha offerto una delle più ampie selezioni di ricerca accademica originale sul comportamento sessuale compulsivo e sull'uso della pornografia mai presentato. Questa recensione dà il sapore delle migliori carte e dei contributi chiave alla nostra comprensione in rapida evoluzione della sessualità compulsiva e dell'uso della pornografia. Questo rapporto non è completamente completo in quanto l'uso di sessioni parallele significava che non potevamo vedere tutti i documenti pertinenti. Il Journal of Behavioral Addictions ha pubblicato tutti gli abstract in un'edizione speciale (volume 6, supplemento 1).

Un singolo filone delle sessioni parallele era interamente dedicato alla ricerca sul sesso e sulla pornografia. Prese insieme, le presentazioni hanno dimostrato i punti di forza di diversi gruppi di ricerca nazionali, in particolare quelli di Germania, Polonia, Ungheria, Israele e Stati Uniti. La plenaria proposta per la sezione sessuale da Matthias Brand ha esplorato il modello I-PACE (Interaction of Person-Affect-Cognition-Execution) in specifiche dipendenze su Internet, inclusa la dipendenza dal cybersesso. Questo ha suggerito che il quadro teorico per studiare e comprendere le dipendenze sessuali sta diventando più maturo e robusto.

Se desideri leggere il documento completo, è disponibile come download gratuito dall'editore con questo collegamento.

La pornografia su Internet provoca disfunzioni sessuali? Una revisione con rapporti clinici (2016)

In altre notizie, il documento 2016 scritto insieme da Gary Wilson, il nostro ufficiale di ricerca onorario, con una squadra di medici della Marina statunitense, continua a essere citato nel lavoro di altri ricercatori. Due nuovi articoli che fanno riferimento a Park et al, 2016 (La pornografia su Internet provoca disfunzioni sessuali? Una revisione con rapporti clinici (2016) è apparso nella stessa edizione di Dipendenza sessuale e compulsività come l'articolo TRF. Le citazioni sono:

Riflessioni sulla salute sessuale: intimità frode e scelte etiche

“Un tale stimolo ha il potenziale per sostituire il valore dell'esperienza sessuale con un vero partner. La novità e la facilità di accesso alla pornografia possono contribuire al rischio di comportamenti sessuali problematici negli utenti vulnerabili. L'uso eccessivo della pornografia, inclusa la dipendenza dalla pornografia auto-percepita, ha contribuito a sentimenti di isolamento e difficoltà relazionali (Duffy, Dawson e das Nair, 2016). Park et al. (2016) hanno riportato un aumento della disfunzione sessuale nei giovani uomini associati alla pornografia su Internet: diminuzione dell'interesse per il sesso orientato al partner e la soddisfazione sessuale, eiaculazione ritardata e disfunzione erettile. Novità illimitate e facilità di progressione verso materiali estremi possono condizionare l'eccitazione sessuale lontano dall'interesse per un partner intimo e nella vita reale verso l'isolamento dell'uso di un dispositivo che produce disfunzioni fisiche e disagio psicologico (Park et al., 2016). "

La pornografia cibernetica usa i punteggi dell'inventario-9 Riflette l'effettiva compulsività nell'uso della pornografia su Internet? Esplorare il ruolo dello sforzo di astinenza

“Astinenza dalla pornografia

C'è stata una relativa carenza di ricerca nella letteratura sull'astinenza dalla pornografia. Tuttavia, negli ultimi anni ci sono stati una manciata di studi e rapporti clinici in cui sono stati esplorati gli effetti dell'astinenza dalla pornografia. Ad esempio, ci sono state recenti segnalazioni cliniche in cui agli utenti di pornografia è stato chiesto di astenersi dall'IP per alleviare le disfunzioni sessuali associate al loro uso di pornografia, incluso il basso desiderio sessuale durante il sesso in coppia (Bronner & Ben-Zion, 2014), la disfunzione erettile (Park et al., 2016; Porto, 2016) e anorgasmia (Porto, 2016). Nella maggior parte di questi casi, l'astensione dall'IP ha fornito sollievo dalla loro disfunzione sessuale. Al di là di questi rapporti clinici, tuttavia, l'astinenza dalla pornografia è stata raramente studiata sistematicamente nel lavoro accademico ed è una nuova variabile all'interno della ricerca scientifica ".

 

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo