Il porno rende impotenti i giovani?

adminaccount888 Ultime notizie

11 March 2019. In uno stile di vita importante articolo by Amy Fleming, Mary Sharpe è stata citata ampiamente da Il guardiano sull'uso della pornografia e la disfunzione erettile.

“Fino a un terzo dei giovani uomini ora soffre di disfunzione erettile. Alcuni si stanno rivolgendo a misure estreme come le protesi peniene, ma eliminare la loro abitudine alla pornografia è l'unica soluzione?

C'è una campagna pubblicitaria che adornano i tunnel della metropolitana di Londra recanti lo slogan "ED È MORTO" accanto a una fotografia di un uomo dall'aspetto sano nel fiore degli anni. "Non preoccuparti", dice in caratteri più piccoli sotto. "Ed non è un ragazzo. È una cosa da ragazzo. È breve per la disfunzione erettile. "I manifesti stanno promuovendo un nuovo marchio di sildenafil (più comunemente noto come Viagra), che dovremmo pensare stia uccidendo il problema. Ma, così com'è, ED è tutt'altro che morto.

Il mercato principale del Viagra era un uomo anziano in cattive condizioni di salute, ma secondo gli ultimi studi e sondaggi, tra 14% e 35% di giovani uomini hanno esperienza di ED. "È pazzesco ma vero", dice Mary Sharpe del Fondazione premio, un'associazione educativa che si concentra sull'amore, il sesso e Internet. "Fino a 2002, l'incidenza degli uomini sotto 40 con ED era intorno a 2-3%. Da quando 2008, quando il porno in alta definizione free-streaming è diventato così prontamente disponibile, è costantemente aumentato. "Le prove, clinico e aneddotico, sta aumentando il fatto che l'uso della pornografia è un fattore significativo.

Collegamento tra ED e uso della pornografia

Clare Faulkner, psicoterapeuta e terapeuta di relazione con sede nel centro di Londra, è tra coloro che collegano l'ED e l'uso della pornografia. "Ora ho clienti ED nei loro primi 20", dice. Parte del problema con la pornografia è che si tratta di "un'esperienza molto dissociata. La stimolazione sta arrivando esternamente, il che può rendere molto difficile essere nel tuo corpo ". Perpetua anche il mito, dice, che" gli uomini sono duri e le donne sono sempre pronte per il sesso ".

Gli spettatori solitari della pornografia si abituano ad avere il pieno controllo della loro esperienza sessuale - che, ancora una volta, dice Faulkner, "non è replicata nel mondo reale". Essere di fronte a un essere umano reale e complicato, con bisogni e insicurezze, potrebbe essere profondamente scoraggiante.

PIED

Nei forum online dedicati alla disfunzione erettile indotta da pornografia (PIED), decine di migliaia di giovani uomini condividono le loro lotte per smettere di usare la pornografia, il loro passaggio dal porno tenero all'hardcore e le barriere che affrontano nel formare relazioni sessuali e romantiche nella vita reale. È difficile dimostrare apertamente che la pornografia causi la disfunzione erettile, ma queste testimonianze replicano i risultati della letteratura clinica: che se gli uomini possono prendere a calci le loro abitudini pornografiche, iniziano a recuperare la loro capacità di essere eccitati dall'intimità della vita reale.

Alcuni giovani hanno iniziato i propri movimenti di supporto di base, come ad esempio NoFap (gergo per "non masturbarsi"), fondato negli Stati Uniti da Alexander Rhodes. (Sharpe osserva che i giovani ora "equivalgono alla masturbazione con la pornografia - non li vedono separatamente"). Rhodes, ora 31, ha iniziato a utilizzare la pornografia su Internet intorno a 11 o 12. "Ero nella prima generazione di persone cresciute su internet ad alta velocità," ha detto in una recente discussione online.

Quando ha iniziato a fare sesso con 19, ha continuato: "Non riuscivo a mantenere l'erezione senza immaginare il porno. Il porno su internet ad alta velocità è stata la mia educazione sessuale ". L'anno scorso ha parlato a un pubblico del Centro nazionale USA per lo sfruttamento sessuale:" I bambini degli Stati Uniti e gran parte del mondo sviluppato sono incanalati attraverso un'esperienza online in cui si parla di pornografia è praticamente obbligatorio. "

Gli utenti porno iniziano giovani

La giovane età in cui Rhodes ha iniziato a guardare la pornografia non è insolita. Nel 2016, la Middlesex University ha scoperto che, con il 60% dei bambini che l'aveva visto per la prima volta nelle proprie case. E uno studio irlandese pubblicato all'inizio di quest'anno nella rivista Porn Studies ha rilevato che il 52% di ragazzi ha iniziato a usare la pornografia per masturbarsi all'età di 13 o di meno. I social media possono essere un gateway, afferma Sharpe. "Le pornostar hanno account su Instagram, quindi stanno facendo in modo che i bambini li guardino su Instagram, e nel loro materiale diranno:" Guarda il mio ultimo video ". Uno o due clic e stai guardando il porno hardcore. I ragazzi di 12 o 13 non dovrebbero guardare materiale hardcore per adulti. "

La Fondazione Reward non è un'organizzazione anti-pornografia, afferma Sharpe, "ma il porno in eccesso sta cambiando il modo in cui i bambini diventano sessualmente eccitati". E sta accadendo nei loro anni formativi, "in un'età in cui sono più vulnerabili ai disturbi e alle dipendenze della salute mentale. La maggior parte delle dipendenze e dei disturbi mentali inizia nell'adolescenza. "Lei e Faulkner credono che l'aumento nell'uso della pornografia possa almeno in parte spiegare perché i millennial stanno avendo meno sesso rispetto alla generazione prima di loro, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Archives of Sexual Behavior.

Esperienze utente porno

Gabe Deem, il fondatore del gruppo di recupero della pornografia Riavvia la nazione, parla apertamente delle sue esperienze. Quando era 23, ha detto: "Ho provato a fare sesso con una ragazza bellissima, una donna a cui ero estremamente attratto e non è successo niente. Non sentivo alcun eccitamento fisico e non riuscivo a ottenere il minimo accenno di erezione. "

Come con altre dipendenze, dice Faulkner: "Le persone hanno bisogno di dosi più forti per essere all'altezza. Si tratta sempre di spingere i limiti per ottenere la stessa eccitazione. Ciò significa che ciò che stanno guardando diventa più hardcore e potenzialmente terrificante. Ho avuto clienti che mi dicono che non sono a loro agio con il materiale che stanno guardando. "Quando i ricercatori studiano il cervello degli utenti di pornografia compulsiva, afferma Sharpe:" Stanno vedendo gli stessi cambiamenti cerebrali comuni in tutte le dipendenze. ”

Ansia da prestazione

Alcuni ancora respingono l'aumento in ED tra i giovani come ansia da prestazione, ma Sharpe dice che per alcuni potrebbe essere vero, "Quello che stiamo sentendo da medici, terapisti sessuali, medici e persone che si occupano di comportamenti sessuali compulsivi è che più del 80% di problemi sono legati al porno." La Fondazione Reward ha hanno tenuto seminari con operatori sanitari in tutto il Regno Unito e scoperto che medici e farmacisti non considerano nemmeno di chiedere ai loro giovani pazienti maschi che hanno ED sul loro uso di pornografia. "Stanno dando loro il Viagra e questo non funziona per molti di loro", afferma Sharpe. "Non ha a che fare con il problema di fondo".

Quando i farmaci non funzionano, Sharpe ha sentito parlare di giovani che si procurano degli impianti penieni (protesi impiantate nel pene per aiutare l'erezione). "Uno dei partecipanti medici in uno dei nostri laboratori l'anno scorso ha detto che un paziente aveva avuto due di questi impianti." Nessuno aveva pensato di chiedergli dell'uso della pornografia.

In una recente visita scolastica, ricorda Sharpe, un adolescente le ha chiesto quante volte al giorno masturbarsi con il porno erano troppe. "Lo usano sempre", dice Sharpe, "e nessuno dice loro che è un problema". "

Stampa Friendly, PDF e Email

Condividi questo articolo